I produttori spagnoli subiscono perdite ma guardano alla prossima stagione

Nuovi dati confermano che l'attuale campagna olearia spagnola è la peggiore del secolo. Tuttavia, le piogge a fine stagione alimentano le speranze per il futuro.

Di Paolo DeAndreis
19 gennaio 2023 14:26 UTC

Gli ultimi dati diffusi dall'Agenzia andalusa di informazione e controllo alimentare (AICA) mostrano che nel dicembre 2022, complessivamente resa in olio d'oliva dimezzato rispetto allo stesso mese del 2021.

Ha inoltre confermato che il rallentamento delle vendite di olio d'oliva è associato sia alla riduzione della produzione che all'aumento dei prezzi.

In particolare, AICA ha riferito che 232.037 tonnellate di olio d'oliva sono stati prodotti in tutta la Spagna nel mese di dicembre. Questo è significativamente inferiore alle circa 542.600 tonnellate riportate nel dicembre 2021.

Nei primi tre mesi della stagione 2022/2023, la Spagna ha prodotto 431.090 tonnellate di olio d'oliva, come riportato dall'Associazione dei giovani agricoltori (ASAJA-Jaén).

Luis Carlos Valero, portavoce di ASAJA-Jaén, detto quello "il calo della produzione è confermato e ciò influirà sulla nostra capacità di raggiungere gli obiettivi di stoccaggio. Tale riduzione è anche associata a un rallentamento delle vendite [a dicembre] rispetto ai mesi precedenti”.

Vedi anche:Le sfide abbondano per la Spagna Olive Oil Produttori

In una nota stampa, l'Unione dei piccoli agricoltori e allevatori (UPA) ha osservato che le tonnellate di olio d'oliva 322.720 sono state spedite dall'inizio delle vendite della nuova stagione lo scorso ottobre. Questo è il 16 percento in meno rispetto alla stagione precedente.

Secondo Cristóbal Cano, segretario generale dell'UPA per l'oliva e settore dell'olio d'oliva, ci troviamo di fronte "una campagna complicata e difficile, condizionata dalla scarsa produzione. Insomma, il peggiore campagna del secolo”.

Cano ha sottolineato che mentre il calo è strettamente connesso alla minore produzione, "il leggero aggeggio nelle vendite non ha nulla a che fare con il prezzo del petrolio”.

Rafael Sánchez de Puerta, presidente del settore dell'olio d'oliva presso le cooperative agroalimentari della Spagna, ha osservato che mentre prezzi dell'olio d'oliva sono cresciuti costantemente nell'ultimo anno, potrebbero aver finalmente raggiunto il loro picco e ora dovrebbero rimanere stabili.

A questo proposito, Juan Luis Ávila, segretario generale dell'Ente di coordinamento delle organizzazioni agricole (COAG Jaén), ha osservato che "nonostante gli aumenti dei prezzi dell'olio d'oliva, olive oil proi costi di produzione sono cresciuti fino a 8 euro al chilogrammo, il che significa che [il prezzo dell'olio d'oliva] è ancora al di sotto di quelli".

Olive oil proi produttori si sono lamentati a lungo di come l'aumento dei costi di energia, carburante, fertilizzanti e plastica incidono sui costi di produzione complessivi.

Sánchez de Puerta ha anche sottolineato il aumento dei costi di produzione come uno dei principali ostacoli per olive oil producers. Come riportato da Agroinformacion, Sánchez de Puerta ha sostenuto che il recente aumento dei prezzi era prevedibile quando la produzione è diminuita.

"Se vogliamo lottare contro l'aumento del prezzo del petrolio, dobbiamo lottare contro siccità nell'oliveto e, ad esempio, aumentare la superficie irrigabile ", ha aggiunto.

Secondo i dati diffusi dal Ministero dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione (MAPA), alla fine del 2022, produttori, frantoiani, imbottigliatori e Olivarero Patrimonio Comunale aveva creato 625.667 tonnellate di olio d'oliva.

Cano ha osservato che la minore produzione di dicembre potrebbe anche essere attribuita al pioggia frequente, che ha influito sul numero di giorni in cui i lavoratori possono raccogliere le olive.

"Per fortuna la pioggia è arrivata e si è fatta sentire. Tuttavia, le precipitazioni delle ultime settimane non sono bastate a rimediare, nemmeno lontanamente, alle pessime condizioni dei campi”, ha detto Cano, accennando agli effetti del prolungato siccità europea e ondate di calore sull'olivicoltura.

"Ora speriamo che continui a piovere, che da qui alla primavera arrivino altri 350 o 400 litri d'acqua. Se dovesse accadere, potremmo garantire una stagione normale, che ci aiuterebbe ad aumentare la produzione per il prossimo raccolto", ha aggiunto.

Man mano che si conferma il calo produttivo, i produttori hanno individuato delle modalità consumo di olio d'oliva e le esigenze di esportazione potrebbero essere soddisfatte. "Speriamo anche che il calo IVA dal 10 al 5 per cento approvato dal Governo e la minore produzione ci permetterà di aumentare il numero dei consumatori”, ha concluso Cano.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti