`La Spagna conclude la campagna 2021/22 con vendite record - Olive Oil Times

La Spagna conclude la campagna 2021/22 con vendite record

Ottobre 26, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Secondo l'Association of Young Farmers and Ranchers (Asaja) di Jaén, i produttori spagnoli di olive hanno venduto un record di 1.66 milioni di tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22. Nell'anno di raccolto precedente, i produttori hanno venduto 1.64 milioni di tonnellate.

L'Agenzia nazionale per l'informazione e il controllo degli alimenti (Aica) ha dichiarato che le vendite hanno raggiunto le 143,540 tonnellate a settembre 2022, l'ultimo mese dell'anno del raccolto. In media, i produttori spagnoli hanno venduto circa 138.3 tonnellate di olio d'oliva al mese durante l'ultima stagione.

Vedi anche:I corridoi specifici per l'olio d'oliva si traducono in vendite superiori al supermercato

Mentre mancano ancora alcune cifre esatte, i funzionari hanno stimato che circa 1 milione di tonnellate di olio d'oliva sono state vendute sul mercato internazionale.

Il resto è stato venduto per il consumo interno. Nella campagna 2020/21, il Consiglio oleicolo internazionale ha stimato consumo di olio d'oliva in Spagna ha raggiunto 538,000 tonnellate.

I funzionari hanno aggiunto che l'anno del raccolto si concluderà con 453,420 tonnellate di scorte di olio d'oliva, con oltre 224,000 tonnellate immagazzinate dagli imbottigliatori, 218,000 tonnellate immagazzinate dai frantoi e 11,000 tonnellate immagazzinate dal patrimonio comunale di Olivarero.

pubblicità

Le scorte finali previste per la campagna 2021/22 sono in linea con quelle precedenti e saranno cruciali per rifornire il mercato nella stagione in corso, poiché l'olio d'oliva globale la produzione dovrebbe diminuire.

Nelle sue previsioni ufficiali di raccolta, il Ministero dell'Agricoltura ha stimato che la produzione raggiungerà le 781,000 tonnellate nell'annata agricola in corso, circa 700,000 tonnellate in meno rispetto al totale del 2021/22. Tuttavia, altre parti interessate ritengono che il totale sarà più vicino a 900,000 o 1 milione di tonnellate.

Un notevole esempio di regioni normalmente fruttuose che registrano forti diminuzioni della produzione viene dalla Sierra de Segura, una regione di Jaén con un Denominazione d'origine protetta certificazione (DOP).

Il consiglio locale incaricato di amministrare la certificazione DOP ha affermato di prevedere un calo dei volumi del 57% quest'anno, con la regione che produce poco più di 12,000 tonnellate di olio extravergine d'oliva.

Nonostante le stime di produzione storicamente basse per il prossimo raccolto, Luis Carlos Valero, direttore e portavoce di Asaja Jaén, ha affermato di non aspettarsi shock significativi dal mercato.

"Il mercato dovrà essere regolamentato e lo sarà regolato dai prezzi o con la deviazione del consumo verso altri grassi”, ha detto. "Non credo che arriveremo alla carenza di mercato, ma rende molto complicato il marketing dell'olio d'oliva confezionato ".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti