Aumento delle infestazioni di mosca della frutta delle olive segnalate in Andalusia

Mentre gli oliveti entrano nella fase di sviluppo più vulnerabile, le autorità hanno affermato che il numero di mosche catturate e i danni osservati sono stati significativamente più alti rispetto agli anni precedenti.
Bactrocera oleae (Tephritidae)
Di Máté Pálfi
6 luglio 2023 14:07 UTC

Mentre gli oliveti in Andalusia, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo, entrano nella fase di indurimento del loro sviluppo fenologico, il numero di mosche della frutta dell'olivo segnalato nei boschetti in tutta la comunità autonoma è aumentato.

Mentre recenti precipitazioni in Andalusia è improbabile che salverà le aspettative di un altro scarso raccolto in Spagna, la poca pioggia caduta ha creato le condizioni ideali per la proliferazione della mosca dell'olivo, il più importante parassita dell'olivo della regione.

Secondo le autorità fitosanitarie del governo regionale, il numero di mosche catturate e la quantità di frutti già danneggiati indicano una maggiore presenza di mosche della frutta dell'olivo nella primavera del 2023 rispetto alle precedenti.

Vedi anche:Misteriosi insetti africani infestano gli uliveti portoghesi

Tuttavia, le autorità hanno aggiunto che le alte temperature alla fine di giugno, combinate con sforzi sostenuti per trattare gli oliveti, hanno portato a una recente diminuzione delle popolazioni di moscerini della frutta e danni alle olive.

I primi danni causati dalla mosca delle olive in Andalusia sono stati segnalati alla fine di maggio.

I sondaggi condotti alla fine di giugno dalle autorità hanno rilevato che la provincia di Córdoba ha subito i danni maggiori, con il 4.6% delle olive intervistate con morsi visibili di mosca della frutta, un leggero aumento rispetto alla metà del mese.

Ciò ha coinciso con un aumento delle catture di mosca delle olive nella provincia. Le autorità usano le catture di piastre come proxy per il comportamento riproduttivo poiché usano i feromoni per attirare le mosche prima che rimangano bloccate.

Nel frattempo, a Jaén, la più grande provincia produttrice di olio d'oliva dell'Andalusia, le autorità hanno registrato una diminuzione delle punture di mosca della frutta delle olive, con un sondaggio di metà mese che ha rilevato il 2.6 percento di frutti danneggiati e il sondaggio di fine mese che mostra il 2.04 percento con danni .

Tuttavia, le autorità hanno anche notato un aumento significativo delle catture di piastre nello stesso periodo, indicando che gli olivicoltori devono rimanere vigili.

Anche la provincia di Cadice ha registrato un preoccupante aumento delle punture di mosca delle olive, mentre la provincia di Siviglia ha registrato un leggero calo. Le autorità non avevano pubblicato dati da altre province al momento della scrittura.

Tuttavia, le autorità hanno affermato che le catture di mosche della frutta delle olive da tutti i tipi di trappole sono state notevolmente più elevate a giugno del solito, anche nelle aree in cui tradizionalmente si sono verificati meno problemi con le infestazioni di mosche della frutta.

Insieme ai trattamenti chimici e organici, le autorità hanno raccomandato agli olivicoltori di promuovere ambienti appropriati per i predatori naturali della mosca della frutta dell'olivo, comprese varie specie di vespe e coleotteri - Pnigalio mediterraneo, Psittalia concolore, Eurytoma martellii, Cyrtoptyx latipes più Eupelmus urozonus.

In precedenza, i ricercatori andalusi hanno promosso sforzi per introdurre i pipistrelli negli uliveti, un altro predatore locale della mosca delle olive.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati