A Jaén, la produzione di olio d'oliva crolla peggio del previsto

Nuovi sondaggi indicano che la resa complessiva nella regione di Jaén potrebbe scendere al di sotto del tonnellaggio più basso registrato in un secolo.

Jaén, Spagna
Di Paolo DeAndreis
13 dicembre 2022 17:03 UTC
1521
Jaén, Spagna

Coltivatori dentro Jaén, una delle più importanti aree produttrici di olio d'oliva al mondo, hanno dovuto far fronte a volumi di raccolta molto inferiori a quelli previsione. Il raccolto di quest'anno potrebbe finire per essere il più basso mai registrato nella storia moderna.

Dopo il suo ultimo sondaggio, l'associazione agricola COAG Jaén ha descritto la situazione attuale come a "vero disastro” e decisamente peggiore di qualsiasi proiezione precedente.

Vedi anche:Il cambiamento climatico sta mettendo a dura prova la produzione di olio d'oliva andaluso

Secondo COAG Jaén, l'attuale campagna potrebbe produrre 140 mila tonnellate di olio d'oliva. Cioè duemila tonnellate in meno rispetto alle 142.849mila tonnellate dichiarate nel Stagione 2012/2013, che era stato considerato il peggior raccolto in un secolo.

L'associazione ha spiegato che le previsioni iniziali non potevano tenere conto di quanto accaduto a ottobre e novembre. "La mancanza di precipitazioni in quei due mesi è stata insolita e ha limitato molto le proiezioni di raccolto, modificando al ribasso i calcoli effettuati", scrive l'associazione.

COAG Jaén ha dettagliato i numeri provenienti dai suoi associati. In aree come Jimena o Las Escuelas, la media di 60-70 chilogrammi raccolti da ogni albero è scesa a 8-10 chilogrammi.

"Inizialmente si aspettavano per l'anno in corso di raccogliere il 50 percento in meno di olive, fino a 30-35 chili ", l'associazione ha spiegato le notevoli differenze tra le prime stime e lo scenario attuale. I produttori locali, quindi, dovrebbero aspettarsi di raccogliere solo una frazione di quanto previsto.

In altri settori, come ad es Royal Spot, la produzione di olio d'oliva sembra diminuire dal 60 all'80%, con i coltivatori locali che segnalano che gli alberi che in genere raggiungono circa 50 chilogrammi di olive vengono ora raccolti a 15.

"Nella regione di La Loma, a Torreperogil, gli ulivi ben irrigati, che di solito offrono un raccolto medio di seimila chilogrammi per ettaro, ora rimangono a mille chilogrammi ", ha scritto COAG Jaén.

In altre zone, come Fuerte del Rey, ulivi piovosi sono quasi completamente infruttuosi, mentre i frutteti irrigati sono diminuiti del 30%. Due cooperative locali, la cui resa media supera i nove milioni di chili, prevedono ora di raccoglierne due milioni.

In Mengibar, COAG Jaén ha anche riportato un calo maggiore del previsto, con alberi che producono in media 80 chili ora ridotti a 20.

"Lo stesso accade a Porcuna, dove Mariano de la Rosa fa notare che dei 3,800 chili raccolti in media per ettaro, ne raccoglieranno a malapena il 13 per cento, circa 500 chili per ettaro”, scrive l'associazione.

"Ad Alcalá la Real Francisco Cano, che di solito riporta un raccolto medio di chili 4,000 per ettaro, buoni uliveti alimentati dalla pioggia, quest'anno si prevede di circa chili 800 per ettaro ", ha aggiunto COAG Jaén.

L'eccezionale condizioni di siccità che hanno interessato la Spagna, compresa la zona di Jaén, dallo scorso inverno stanno esercitando effetti duraturi sugli alberi, i cui rami sono molto più fragili e secchi rispetto al passato.

Vedi anche:Lo studio rivela gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore olivicolo spagnolo

Uno degli esperti di COAG Jaén, Juan Carlos Hervás, ha osservato che gli agricoltori devono adattarsi alla nuova situazione. Le operazioni di raccolta ora possono facilmente danneggiare gli alberi, da allora "le loro radici stanno soffrendo e il tronco è strappato, motivo per cui vengono utilizzate aste invece di macchinari ", ha osservato.

Il calo significativo della produzione di olio d'oliva di Jaén esemplifica uno scenario già cupo Produzione spagnola di olio d'oliva.

Nella sua nota, COAG Jaén ha sottolineato come anche prima delle previsioni riviste per Jaén, le stime ufficiali andaluse mostrassero un calo della produzione del 49.1% rispetto al raccolto precedente, fino a 587mila tonnellate di olio d'oliva.

E ora, la mancanza di precipitazioni questo autunno sta avendo un effetto maggiore del previsto sulla resa complessiva della regione.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati