In vista della vendemmia, Olive Oil ProI costi di riduzione continuano ad aumentare

La crisi energetica aumenterà notevolmente il costo delle attività per i mugnai. Tuttavia, non saranno in grado di trasferire tali aumenti ai consumatori.

Settembre 13, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Raccolta delle olive 2022 in Italia inizierà nelle prossime settimane ma sarà avvolta dall'incertezza, con i produttori che dovranno affrontare rese ridotte e costi di produzione in aumento.

Aumento dei costi delle materie prime, fertilizzante, vetro, carta e logistica stanno mettendo a dura prova la resilienza del settore, mentre i prezzi vertiginosi di energia ed elettricità stanno interessando l'intera filiera produttiva.

La bolletta energetica in alcuni casi è cresciuta di cinque volte, portando le aziende a considerare due terrificanti ipotesi, l'assunzione di nuovi debiti o la chiusura.- Gennaro Sicolo, presidente, Italia Olivicola

Inoltre, le prime stime per la prossima stagione mostrano a Dal 20 al 30 percento di calo nella resa complessiva di olio d'oliva nel paese.

Data la turbolenza nel mercato energetico europeo causata dall'invasione russa dell'Ucraina, i prezzi dell'elettricità hanno superato i 400 euro per megawattora in tutti i mercati significativi. L'Italia sta affrontando prezzi di 450 euro per megawattora.

Vedi anche:Le esportazioni all'ingrosso dalla Grecia aiutano ad alimentare l'industria italiana dell'olio d'oliva

In confronto, il prezzo medio dei decenni precedenti era compreso tra € 20 e € 30 per megawattora.

Mentre i coltivatori devono affrontare le conseguenze del la peggiore siccità degli ultimi decenni, i mugnai dovranno anche far fronte a questi prezzi dell'energia inauditi, che dovrebbero raggiungere nuovi massimi nelle prossime settimane quando inizierà la stagione del raccolto e il consumo di elettricità raggiungerà il suo massimo.

pubblicità

"Al momento, stiamo assistendo a un aumento dei costi tra il 200 e il 250 percento ", ha detto Elia Pellegrino, presidente dell'Associazione italiana dei frantoi di olio d'oliva (AIFO). Olive Oil Times. "Naturalmente ciò può avere conseguenze significative per il settore, ancor più considerando le stime del basso rendimento per regioni molto importanti come Puglia. "

La Puglia, situata nell'Italia sud-orientale, è di gran lunga la regione olivicola più importante del paese, rappresentando dal 40 al 50 percento della produzione nazionale complessiva.

Come risultato dell'aumento dei costi di produzione, alcuni mugnai si aspettano olio extravergine d'oliva i prezzi aumenteranno notevolmente per i consumatori.

"Non credo che si possa evitare di alzare il prezzo finale del prodotto”, ha detto a Il Resto del Carlino Silvano Pasquinoni, grande mugnaio dell'Emilia-Romagna settentrionale. "Non ci sono solo i costi dell'energia da considerare, ma anche la ridotta produzione in molte regioni».

"E tutte le altre spese da considerare, come l'imballaggio o il vetro", ha aggiunto. "Tutto ora costa il doppio di quello che costava prima".

In risposta all'aumento dei costi, le associazioni di produttori, tra cui Assitol e Italia Olivicola, hanno chiesto al governo di adottare misure straordinarie per limitare i costi energetici.

"Il nostro settore, da sempre caratterizzato da bassi margini di profitto, lavora da molto tempo per abbassare i costi fissi", ha affermato Anna Cane, presidente del gruppo oleario di Assitol. "Ma ora le aziende non possono fermare questa ondata di aumento dei costi. È quasi impossibile lasciare il prezzo finale del prodotto sul mercato esente da tali aumenti di energia e materie prime».

Assitol ha aggiunto che le autorità dovrebbero lavorare a stretto contatto con i grandi rivenditori di generi alimentari - che sono responsabili del 70 percento delle vendite di olio d'oliva in Italia - per mantenere prezzi dell'olio d'oliva alla portata dei consumatori abituali.

L'elevata variabilità dei prezzi dell'olio extravergine di oliva sullo scaffale ha avuto un impatto significativo sull'intero settore. I maggiori rivenditori hanno visto aumentare le loro vendite complessive interesse dei consumatori per il loro olio d'oliva a basso prezzo offerte. Tali offerte tradizionalmente mirano all'olio extra vergine di oliva per via del posto speciale che occupa nel carrello della famiglia italiana.

Pertanto, i prezzi dell'olio extra vergine di oliva più elevati potrebbero non tradursi in pagamenti maggiori per produttori e frantoi.

"Se l'olio extra vergine di oliva dovesse essere venduto a € 6.00 o € 6.50 al litro, ciò potrebbe probabilmente aiutare un po' i produttori ", ha affermato Pellegrino. "Tuttavia, l'esperienza ci dice che quando i prezzi dell'olio d'oliva sfuso aumentano in modo significativo, la maggior parte di quel prodotto rischia di non essere venduta. Un prezzo più alto potrebbe influenzare notevolmente le vendite".

Ha aggiunto che l'aumento del costo della vita in Italia probabilmente significava che i consumatori non potevano pagare prezzi più alti per l'olio d'oliva.

A causa delle prospettive del raccolto e dell'attuale situazione macroeconomica dell'Italia, è probabile che i mugnai sostengano la maggior parte dell'onere finanziario. "Dovranno acquistare le olive [dai coltivatori] sulla base di un ipotetico prezzo di mercato che non alimenterà un volume di vendita rilevante ", ha affermato Pellegrino.

"L'aumento spropositato dei costi energetici rischia di fare olive oil proattività di produzione e trasformazione economicamente insostenibili, in quanto colpiscono aziende già colpite da una crisi prolungata, dall'emergenza climatica alla carenza idrica”, ha affermato Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola.

"La bolletta energetica in alcuni casi è aumentata di cinque volte, portando le aziende a considerare due terrificanti ipotesi, l'assunzione di nuovi debiti o la chiusura", ha aggiunto.

AIFO, Assitol e altre parti interessate della catena di produzione si incontreranno regolarmente nelle settimane precedenti la raccolta per cercare di contrastare tali sfide.

"Dobbiamo ripensare la filiera in termini di crescente integrazione dei suoi settori specifici”, ha affermato Pellegrino. "I frantoi, i produttori, gli imbottigliatori e i rivenditori dovrebbero fare un passo avanti e creare mutualità e solidarietà sia quando le sfide sono difficili sia quando le cose vanno bene".

"Capiamo tutti che quando viene penalizzato solo uno dei settori della filiera non c'è beneficio per nessuno e crescono gli squilibri nel sistema”, ha aggiunto.

Vista la scarsità delle precipitazioni, che ha gravemente influenzato le varie fasi di sviluppo dell'olivo, diversi frantoi italiani stanno pianificando di aprire i propri impianti con un certo ritardo rispetto alla consueta programmazione.

C'è la speranza che alcune precipitazioni si diffondano nel paese tra settembre e ottobre. L'attesa potrebbe tradursi in rese maggiori, poiché alle olive viene concesso più tempo per accumulare olio.

"Parlando da imprenditore, aspetterei un po', ove possibile", ha detto Pellegrino. "Se non c'è una particolare urgenza, come una raccolta anticipata causata dall'attacco del mosca di frutta d'oliva, potrebbe essere opportuno aspettare, viste le rese molto basse che ci si possono aspettare se le olive vengono raccolte molto presto.

"Quest'anno potrebbe sembrare straordinariamente complesso, ma abbiamo iniziato a sperimentare una maggiore integrazione tra i diversi attori della filiera molto tempo fa”, ha concluso. "Ora siamo seduti al tavolo per discutere le soluzioni a tempi così difficili. Speriamo che presto le cose inizino a migliorare".



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti