I prezzi dell'olio d'oliva hanno raggiunto livelli record in Spagna dopo eventi di mercato "senza precedenti".

I prezzi per tutti i tipi di olio d'oliva sono aumentati dopo che i governi spagnolo e andaluso hanno pubblicato stime ufficiali del raccolto ben al di sotto delle aspettative iniziali.

Ottobre 13, 2022
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Nonostante integrato aspettative di un raccolto disastroso, pochi in Spagna erano preparati prezzi dell'olio d'oliva per raggiungere livelli record la scorsa settimana.

"Stiamo vivendo un momento che non ha precedenti”, Juan Vilar, a consulente strategico, Ha detto Olive Oil Times. "L'olio d'oliva non ha mai avuto un prezzo così alto.

Se non piovesse, sarebbe impossibile prevedere fino a che punto aumenteranno i prezzi.- Juan Vilar, consulente strategico

Secondo Poolred, un database dei prezzi dell'olio d'oliva gestito dal governo andaluso, olio extravergine d'oliva attualmente viene venduto a € 4,397 per 100 tonnellate, l'olio d'oliva vergine ha un prezzo di € 4,261 per 100 tonnellate e l'olio d'oliva lampante viene venduto a € 4,005 per 100 tonnellate.

Álvaro Olavarría, manager di Oleoestepa, una cooperativa, ha detto ad Agropopular che i prezzi dell'olio d'oliva all'origine sono aumentati tra il 25 e il 47 percento rispetto a questo periodo dell'anno scorso.

Vedi anche:Prezzi dell'olio d'oliva in aumento in tutto il mondo

"La scorsa settimana, sia il governo andaluso che il governo spagnolo hanno fatto una previsione ufficiale del raccolto", ha affermato Vilar. "Le loro previsioni ufficiali sul raccolto sono leggermente inferiori a quanto si pensava sarebbe successo".

Il ministero dell'agricoltura spagnolo ha affermato di prevedere una produzione leggermente inferiore a 800,000 tonnellate. Il ministero dell'agricoltura dell'Andalusia ha dichiarato di aspettarsi poco più di 700,000 tonnellate.

pubblicità

Da parte sua, Vilar ritiene che i dati sulla produzione finale della Spagna scenderanno da qualche parte tra 900,000 e 1 milione di tonnellate.

"La lettura ufficiale fatta dai due ministeri ha prodotto un aumento dei prezzi ", ha affermato Vilar, descrivendo questo come un momento senza precedenti per il mercato spagnolo dell'olio d'oliva.

Normalmente, i prezzi sono legati al raccolto spagnolo poiché il paese è il più grande del mondo olive oil procon un margine significativo, rappresentando circa la metà del rendimento globale in un dato anno.

"Quando c'è una bassa produzione in Spagna, i prezzi sono alti e quando c'è molta produzione in Spagna, i prezzi scendono", ha detto Vilar. "Questo è qualcosa che si è ripetuto negli ultimi 40 anni”.

Tuttavia, il raccolto di quest'anno, che potrebbe essere il peggiore dell'ultimo decennio, ha coinciso con cali significativi in ​​altri grandi produttori, tra cui Italia, Marocco, Portogallo e Tunisia.

All'inizio, quando le stime di produzione non ufficiali erano di 1 milione di tonnellate, i mugnai e gli imbottigliatori spagnoli hanno ipotizzato che la resa di quest'anno, combinata con le scorte rimanenti dell'anno scorso, sarebbe solo per la domanda di copertura in patria e dall'estero.

"La domanda rimane più o meno stabile", ha affermato Vilar. "Quindi ora non c'è abbastanza offerta per coprire tutta la domanda durante il prossimo anno".

Questi aumenti dei prezzi senza precedenti arrivano mesi dopo che i prezzi dell'olio d'oliva hanno subito un aumento separato ma altrettanto insolito del 15 percento causato dall'invasione russa dell'Ucraina.

I due paesi sono tra i maggiori esportatori di olio di girasole. La combinazione delle sanzioni occidentali nei confronti della Russia e del grave danno arrecato al raccolto di girasole in Ucraina ha indotto alcuni ristoranti e consumatori spagnoli a farlo scambiare olio di girasole con olio d'oliva.

Tuttavia, Olavarría ha esortato i consumatori a non smettere di acquistare olio d'oliva. Ha affermato che il consumatore medio pagherebbe solo 5 euro in più a persona nel 2022 rispetto al 2021.

Tuttavia, Vilar ha affermato che se nelle prossime settimane non arriva la pioggia prima dell'inizio della raccolta, i prezzi all'origine continueranno a salire. Il mese scorso, la Commissione Europea ha avvertito il è probabile che la siccità persista nella penisola iberica fino a novembre.

"Non c'è modo perché i prezzi smettano di salire", ha concluso. "Se non piovesse, sarebbe impossibile prevedere fino a che punto aumenteranno i prezzi”.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti