2505

Affari

Preoccupazioni per la carenza di olio d'oliva in Spagna

Con le scorte di olio d'oliva che dovrebbero esaurirsi all'inizio del prossimo raccolto e le previsioni di un altro basso rendimento, gli esperti prevedono che i prezzi continueranno a salire.
Di Daniel Dawson
31 luglio 2023 13:47 UTC

Le scorte di olio d'oliva del più grande produttore mondiale potrebbero esaurirsi prima dell'inizio del prossimo raccolto.

Le ultimi dati di mercato pubblicato dal Ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione (MAPA) mostra che le scorte di olio d'oliva sono scese a 455,000 tonnellate alla fine di giugno.

Non si è mai verificata una situazione come questa in cui, a fronte di un raccolto storicamente scarso, se ne preveda anche un altro. Siamo in una situazione in cui i prezzi continueranno a crescere fino a maggio del prossimo anno.- Juan Vilar, consulente strategico

In confronto, le scorte alla fine di giugno 2022 si attestavano a 809,000 tonnellate, arrivando infine a 454,600 tonnellate a settembre 2022, l'ultimo mese della campagna 2021/22.

"Arriveremo a ottobre con quasi zero scorte", Juan Vilar, a consulente strategico per il settore, detto Olive Oil Times.

Vedi anche:Si prevede che la produzione globale di olio d'oliva rimbalzerà

Mentre il mercato dell'olio d'oliva tende storicamente a sperimentare una relativa inattività a luglio e agosto, l'attività ritorna a settembre.

I timori di una carenza di olio d'oliva hanno visto prezzi dell'olio d'oliva storicamente alti all'origine continuano a salire. Secondo dati dell'Infaoliva, olio extravergine d'oliva sta vendendo a 7.625 euro al chilogrammo, quasi il 125% in più rispetto a luglio 2022.

Anche i prezzi dell'olio di oliva vergine e dell'olio di oliva lampante all'origine sono a livelli record, ma non sono aumentati così drasticamente come i prezzi dell'extravergine a causa dei livelli più elevati di disponibilità rispetto alla domanda.

"In questo momento si stanno verificando situazioni senza precedenti", ha affermato Vilar. "I prezzi attuali non sono mai stati raggiunti. Non c'è mai stato un legame [la quantità di olio d'oliva riportata da un raccolto all'altro] come quello che c'è attualmente. E non c'è mai stato un prezzo sullo scaffale come quello che c'è attualmente".

L'evoluzione dei prezzi dell'olio d'oliva nei prossimi mesi dipende principalmente da se la pioggia arriva negli uliveti andalusi settembre, ottobre e inizio novembre.

"Quella pioggia ha due effetti", ha detto Vilar. "Migliorerà il peso delle olive esistenti, il che potrebbe aumentare leggermente la produzione. Ma ha anche un altro problema: se piove durante la campagna, farà salire di più il prezzo” perché non sarà possibile raccogliere tutte le olive in tempo.

I campanelli d'allarme sulla situazione del mercato dell'olio d'oliva sono suonati anche a Bruxelles, sede della Commissione europea, dove vari gruppi agricoli hanno messo in guardia sullo stato del settore dell'olio d'oliva in una recente riunione del gruppo di dialogo civile sul mercato agricolo.

Un rappresentante del Copa-Cogeca, l'influente sindacato di agricoltori e associazioni agricole, ha previsto che il raccolto spagnolo nella campagna 2023/24 non supererà le 800,000 tonnellate, il che manterrebbe la pressione sui prezzi.

Vilar ha convenuto che la resa dell'olio d'oliva del prossimo anno sarà simile a quella del 663,000 tonnellate prodotte dalla Spagna nel 2022/23. Di conseguenza, ha affermato che i prezzi probabilmente continueranno a salire fino a maggio.

"Non c'è mai stata una situazione come questa in cui, a seguito di un raccolto storicamente scarso, se ne prevedesse anche un altro", ha affermato. "Siamo in una situazione in cui i prezzi continueranno a crescere fino a maggio del prossimo anno".

Un rappresentante della Federazione dell'industria dell'olio d'oliva dell'UE (Fedolive) ha anche avvertito che anche le rese in Grecia e Portogallo, rispettivamente secondo e quarto produttore europeo lo scorso anno, dovrebbero diminuire.

Mentre la prospettiva di raccolti consecutivi al di sotto della media in Europa ha destato preoccupazione in Spagna e Bruxelles, l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva ha portato a vendite record per valore per due dei maggiori venditori mondiali nel 2022: DCOOP ed jaencoop.

pubblicità
pubblicità

Anche Cristóbal Cano, capo del settore delle olive e dell'olio d'oliva presso l'Unione dei piccoli agricoltori (UPA), è stato ottimista riguardo al mercato e ha affermato che i prezzi elevati non stanno danneggiando la domanda.

"La commercializzazione dell'olio d'oliva continua a essere lanciata nonostante tutti i profeti di sventura che, mese dopo mese, hanno intenzionalmente insistito sul fatto che la commercializzazione dell'olio d'oliva soffre perché i prezzi al consumo sono molto alti ", ha detto ad Agroinformación.

"Tutto l'olio d'oliva prodotto viene venduto, e ancora di più in una campagna così bassa come quella che abbiamo vissuto, e non ci sono problemi di prezzo perché il consumatore rimane fedele all'olio d'oliva ", ha aggiunto Cano.

Tuttavia, Fedolive ha avvertito la Commissione europea che la domanda e le esportazioni non hanno visto l'impatto dei prezzi più elevati poiché le aziende hanno esitato a trasferire tali prezzi ai propri clienti, ma è probabile che la situazione cambi.

La federazione ha detto le aspettative di un altro scarso raccolto in Europa costringerebbe gli importatori non europei a cercare altrove e indurrebbe alcuni consumatori a cercare alternative più economiche.

"Queste nuove relazioni commerciali sarebbero dannose a lungo termine per i produttori dell'UE", ha affermato il rappresentante. "A livello internazionale, ci sono molte altre alternative all'olio d'oliva che i consumatori sono più spinti a scegliere".

Sebbene Vilar non contesti che la vera domanda di olio d'oliva sia più alta che potrebbe essere, ha affermato a analisi recente condotto dalla sua azienda, Juan Vilar Strategic Consultants, ha rilevato che la domanda potenziale è molto maggiore e che i consumatori acquistavano meno olio d'oliva di quanto farebbero altrimenti a causa dei prezzi più elevati.

"Le persone rimangono fedeli all'olio d'oliva [invece di acquistare olio di girasole, l'altro principale olio commestibile utilizzato in Spagna], ma acquistano olio d'oliva in formati più piccoli e lo consumano meno generosamente ", ha affermato.

Vilar ha aggiunto che mentre le vendite di olio d'oliva rimangono forti rispetto all'attuale disponibilità, il mercato deve affrontare una parziale carenza perché non tutti coloro che vogliono acquistare olio d'oliva possono farlo. Questa situazione sarà probabilmente aggravata poiché le scorte non possono essere ricostituite ei prezzi continuano a salire.

"Nel prossimo raccolto, avremo una situazione in cui tutto l'olio d'oliva prodotto ogni mese sarà completamente consumato quel mese ", ha affermato. "Meno petrolio c'è e maggiore è il consumo, più i prezzi salgono”.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati