Le sfide abbondano per la Spagna Olive Oil Produttori

I prezzi elevati hanno sostenuto il settore per gran parte dell'ultimo anno e mezzo, ma l'aumento dei costi di produzione e la persistente siccità comportano sfide significative.

Andalusia, Spagna
Agosto 16, 2022
Di Daniel Dawson
Andalusia, Spagna

Notizie recenti

L'aumento dei prezzi all'origine e la domanda hanno ha rafforzato il settore dell'olio d'oliva in Spagna per gran parte dell'ultimo anno. Tuttavia, le ultime settimane hanno prodotto titoli che potrebbero mitigare parte del recente ottimismo.

All'inizio di questo mese, Deoleo ha riferito che i suoi profitti nella prima metà dell'anno sono crollati del 57 percento rispetto alla prima metà del 2021. Il più grande imbottigliatore di olio d'oliva del mondo ha registrato un profitto di 6 milioni di euro fino a giugno 2022, scendendo da 14 milioni di euro nel prima metà dell'anno precedente.

"Nel complesso contesto che esiste a livello mondiale, [Deoleo] ha dovuto far fronte non solo alla normalizzazione dei consumi legata alla fine della crisi sanitaria globale, ma anche all'aumento dei prezzi delle materie prime e alle tensioni subite nella filiera dovute a la guerra in Ucraina o il sciopero dei trasporti in Spagna”, ha spiegato la società in una dichiarazione ai media locali.

Vedi anche:Aumento delle esportazioni di olio d'oliva Surplus del commercio di carburante in Andalusia

Mentre Deoleo e il suo portafoglio di marchi andrà bene – molti altri indicatori finanziari da EBITDA all'indebitamento finanziario netto indicano questo: alcune delle tendenze di fondo che hanno portato alla riduzione dei profitti dell'azienda dovrebbero riguardare altri produttori in Spagna.

La normalizzazione dei consumi è in cima a questa lista. Durante i primi due anni della pandemia di Covid-19, il consumo di olio d'oliva è cresciuto in Spagna poiché i severi blocchi hanno portato le persone a trascorrere più tempo a cucinare a casa.

pubblicità

I blocchi in Spagna sono iniziati a marzo 2020 e sono durati fino a maggio 2021. Durante questo periodo, lo spagnolo consumo di olio d'oliva è balzato a 521,600 tonnellate nella campagna 2019/20 e 537,800 tonnellate nel 2020/21, i totali più alti dal 2013/14.

Tuttavia, il consumo è crollato a 510,000 tonnellate nella campagna 2021/22, la prima piena campagna senza blocchi e con la ripresa del normale servizio nei ristoranti.

Indagini sui consumatori negli Stati Uniti - il secondo consumatore di olio d'oliva dopo l'Unione Europea e a importante importatore di olio d'oliva spagnolo - hanno anche indicato che dopo due anni di cucina a casa, i consumatori si sentono "prosciugato”. Più di un terzo degli intervistati ha aggiunto che la loro pazienza in cucina è esaurita "minimo assoluto”.

Insieme ai segnali di calo dei consumi, Deoleo ha evidenziato l'aumento dei costi come un altro motivo per cui i profitti sono diminuiti. Questi costi di produzione in aumento vanno dall'energia alle bottiglie di vetro.

Secondo Unione Europea dati, i costi di carburante ed energia per le imprese sono più che raddoppiati dall'inizio del 2021, con un aumento significativo dei prezzi dell'energia attribuito all'invasione russa dell'Ucraina.

Olivicoltori e produttori di olio utilizzano l'energia per ogni aspetto della olive oil proprocesso di produzione, dall'elettricità o dal combustibile del generatore per far funzionare i loro mulini al gas e al diesel che alimentano trattori, pompe dell'acqua e altre macchine per la raccolta.

Sincronizzazione dei dalla Banca centrale europea mostra anche che il prezzo del vetro è aumentato costantemente nell'ultimo decennio, con un aumento più pronunciato negli ultimi 12 mesi.

Da settembre 2021, il prezzo del vetro è aumentato del 16% nell'Unione Europea. In confronto, i prezzi del vetro sono aumentati solo del 14.6% tra il 1995 e il 2021.

Allo stesso modo, il sorgere prezzi dei fertilizzanti, pesticidi e pezzi di ricambio per trattori e attrezzature per la fresatura hanno ridotto i profitti dei produttori, non solo in Spagna ma anche nel resto del mondo produttore di olio d'oliva.

Decine di produttori intervistati do olive oil Times dall'inizio del 2022 hanno affermato di aver finora cercato di non trasferire questi prezzi ai consumatori. Tuttavia, hanno avvertito che potrebbe cambiare se i costi di produzione non iniziano a diminuire.

Oltre all'aumento dei costi di produzione, lo sono anche i produttori spagnoli di fronte a una siccità paralizzante che ha ha accoppiato le aspettative di produzione a solo 1 milione di tonnellate nella campagna 2022/23.

Se queste previsioni fossero confermate, l'attuale campagna agricola sarebbe la peggiore vissuta dalla Spagna dal 2014/15, quando il paese ha prodotto solo 842,200 tonnellate di olio d'oliva.

Mentre mancano circa due mesi ai primi giorni della raccolta e le piogge tempestive da qui a allora potrebbero cambiare drasticamente il quadro, alcuni danni al raccolto attuale sono già irreversibili.

La mancanza di precipitazioni in tutta la penisola iberica - l'agenzia meteorologica spagnola ha recentemente annunciato che quest'estate è stata la più secca mai registrata - ha portato all'essiccazione degli ulivi in ​​tutta la Spagna.

Sebbene l'olivo sia una coltura notoriamente resistente alla siccità, richiede comunque piogge tempestive affinché si formi il contenuto di olio delle drupe. Quando l'albero non riceve abbastanza acqua, lascia cadere le sue olive per conservare l'acqua.

Di conseguenza, gli oliveti pluviali - che rappresentano circa il 68 percento di tutti gli uliveti spagnoli - hanno visto cadute di frutta significative durante l'estate. Il razionamento dell'acqua ha influito anche sull'alta densità e boschetti ad altissima densità, praticamente tutti irrigati.

In previsione di un raccolto più leggero, i funzionari delle aree più dipendenti dall'olivicoltura si stanno affrettando a mitigare la potenziale devastazione economica.

Il consiglio provinciale di Jaén, una provincia andalusa che produce una media di 600,000 tonnellate di olio d'oliva all'anno, ha recentemente approvato un piano occupazionale da 10 milioni di euro per compensare i salari persi dai raccoglitori di olive durante la prossima raccolta.

Secondo il Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione spagnolo, 350,000 agricoltori del paese coltivano olive. Queste fattorie supportano altri 15,000 posti di lavoro nel settore, che pagano un totale di 32 milioni di euro di salari ogni anno.

I funzionari di Jaén e di altre parti dell'Andalusia sono preoccupati per gli effetti a catena della perdita di reddito derivante dal previsto scarso raccolto. Stanno lavorando a piani per aumentare il turismo e altri settori dell'economia per aiutare a mitigare le conseguenze negative di un raccolto scarso.

Mentre un 2021 positivo e l'inizio del 2022 hanno dimostrato la forza e il potenziale del settore spagnolo dell'olio d'oliva, i tempi difficili si stanno avvicinando rapidamente. I coltivatori, i produttori ei consumatori dovrebbero essere preparati.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti