3265

Affari

Il consumo di olio d'oliva in Italia e in Grecia dovrebbe crescere a causa del declino globale

Nonostante l'aumento dei prezzi, la diminuzione della produzione e gli impatti dell'inflazione, il consumo di olio d'oliva in Italia e in Grecia dovrebbe aumentare, in controtendenza rispetto alla tendenza globale.
Mercato Centrale, Atene
Di Paolo DeAndreis
2 marzo 2023 00:50 UTC

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), il consumo di olio d'oliva in Italia e in Grecia, due dei maggiori produttori mondiali, dovrebbe aumentare nell'attuale campagna agricola.

Nel frattempo, consumo in Spagna e altri paesi produttori dovrebbero rallentare. Il consumo complessivo di olio d'oliva nell'Unione europea, responsabile di quasi la metà del consumo globale, lo è proiettato a cadere considerevolmente, da 1.6 a 1.4 milioni di tonnellate.

Lo scenario per il settore oleario non è dei migliori. La campagna 2022/23, anche se non ancora conclusa, entrerà nella storia come una sfida alle aspettative.- Andrea Carrassi, direttore generale Assitol

Gli esperti ritengono che la previsione insolita, che non si è vista negli ultimi cinque anni di raccolto, sia una conseguenza di fattori convergenti.

Tra questi c'è il Mega-siccità mediterranea, fortemente impattante produzione di olive in Spagna e altri paesi del metà occidentale del bacino.

Vedi anche:Le esportazioni all'ingrosso dalla Grecia aiutano ad alimentare l'industria italiana dell'olio d'oliva

Inoltre, l'elevata inflazione ha ridotto i budget alimentari delle famiglie in tutto il continente. Sia l'inflazione che la siccità hanno provocato aumento dei prezzi dell'olio d'oliva pure. Questi fattori e la perdurante incertezza sui raccolti futuri hanno influito sui consumi.

Secondo il CIO, il consumo di olio d'oliva greco salirà a 110,000 tonnellate, rispetto alle 106,300 tonnellate della campagna 2021/22, ma al di sotto della media mobile quinquennale.

"Sappiamo tutti che l'olio d'oliva è un gran parte della cultura greca. La Grecia è tra i paesi leader in termini di consumo pro capite di olio d'oliva in tutto il mondo ", ha detto Stella Theodosiou, vicedirettrice dell'associazione greca dei produttori di olio d'oliva, Sevitel Olive Oil Times.

Theodosiou ha affermato che il consumo pro capite nel paese è stato stimato in 11 chilogrammi a persona nel 2019/20. Quell'anno, il consumo greco è stato superato solo dalla Spagna, con 11.2 chilogrammi a persona.

Theodosiou ha aggiunto che uno studio del 2021 commissionato dall'Autorità alimentare greca ha mostrato l'ubiquità di olio extravergine d'oliva nelle famiglie greche e ha confermato il ruolo della produzione su piccola scala per il consumo interno.

"La maggior parte delle famiglie, il 57%, ha riferito di utilizzare olio extra vergine di oliva acquistato da parenti o amici", ha affermato. "Gli oli d'oliva di marca sembravano essere collegati all'accesso alla produzione di olio d'oliva, quindi il 59% di coloro che non hanno accesso acquista oli d'oliva di marca, rispetto a un numero molto piccolo, il 7%, di coloro che hanno accesso.

Anche così, il quadro del consumo di olio d'oliva in Grecia è notevolmente cambiato negli ultimi anni.

"Sebbene l'accettazione dell'olio d'oliva sia in aumento, la pandemia di Covid-19 e l'aumento dell'inflazione hanno influenzato direttamente le abitudini di consumo e alla fine le hanno cambiate ", ha affermato Theodosiou.

Secondo Sevitel, una sfida significativa per lo sviluppo del mercato interno sono le prevalenti vendite all'ingrosso senza marchio, il "qualità e sicurezza [di cui] sono contestate”, ha detto Theodosiou.

"Molti anni di ricerca [indicano] che la vendita di olio d'oliva sfuso è una pratica che non garantisce la sicurezza alimentare in contrasto con la standardizzazione e l'imballaggio fino a 5 litri ", ha affermato Theodosiou.

Gli esperti di Sevitel ritengono che il settore olivicolo debba stabilire presto un piano strategico a lungo termine.

"Riteniamo che la Grecia sia in un punto critico per decidere il contenuto di una strategia nazionale che garantirà la prospettiva e il futuro dell'olio d'oliva greco ", ha affermato Theodosiou.

pubblicità
pubblicità

Nel frattempo, dall'altra parte del Mar Ionio, il CIO lo ha proiettato Consumo italiano di olio d'oliva passerebbe da 481,700 tonnellate nel 2021/22 a 486,500 tonnellate nell'anno di raccolto in corso.

Nonostante a calo significativo della produzione a causa della siccità e delle ondate di caldo, i prezzi dell'olio d'oliva rimangono alti e l'inflazione ha danneggiato i bilanci delle famiglie, i consumatori non sono stati scoraggiati dall'investire in bottiglie di olio d'oliva.

"Lo scenario per il settore dell'olio d'oliva non è dei migliori ", ha detto Andrea Carrassi, direttore generale dell'Associazione italiana dell'industria dell'olio alimentare (Assitol) Olive Oil Times. "La campagna 2022/23, anche se non ancora conclusa, entrerà nella storia come una grande sfida alle aspettative”.

"In un anno fuori stagione [nel ciclo naturale di produzione alternata dell'olivo], abbiamo perso il 50% della produzione nazionale di olio d'oliva a causa della siccità e di condizioni meteorologiche estreme ", ha aggiunto.

Un recente studio della società di consulenza Nomisma ha indagato la progressiva riduzione della produzione italiana di olio d'oliva negli ultimi decenni. Tra il 2010 e il 2012 la produzione italiana ha superato le 500,000 tonnellate. Tuttavia, dal 300,000 i volumi di produzione sono scesi a 2020 tonnellate o meno.

Per contrastare la tendenza, agricoltori, mugnai, imbottigliatori, esportatori e il Ministero dell'Agricoltura stanno lavorando per creare un'organizzazione interprofessionale.

L'obiettivo dell'interprofessionale sarebbe quello di aumentare la produzione attraverso l'innovazione, proteggere i produttori tradizionali, stimolare la coltivazione dell'olivo e limitare la diffusione dei batteri mortali dell'olivo, Xylella fastidiosa.

"L'industria è abituata a far fronte al deficit produttivo nazionale, ma [in questa stagione] ha dovuto affrontare avversità molto più impegnative del previsto", ha detto Carrassi. "L'olivicoltura attraverso il Mediterraneo ha sofferto, non solo in Italia.

Assitol ha stimato che il consumo salirà a 600,000 tonnellate, sottolineando la disparità tra consumi e produzione locale, scesa a 235,000 tonnellate nel 2022/23.

"A questo bisogna aggiungere i disagi innescati dall'aumento dei costi di carta e vetro, materiali fondamentali per l'imballaggio”, ha detto Carrassi.

Ha aggiunto che il "il moderato aumento del consumo di olio d'oliva in Italia stimato dal CIO è una buona notizia, dato il momento altamente difficile.

"Siamo sempre stati tra le prime posizioni per il consumo di olio d'oliva ", ha affermato Carrassi. "Durante la pandemia di Covid-19, gli italiani hanno aumentato i loro acquisti di prodotti alimentari sani, compreso l'olio extra vergine di oliva, e questa tendenza continua.

Tuttavia, il direttore generale di Assitol ha sottolineato quanto sia necessario fare di più per far crescere il consumo di olio d'oliva a livello globale.

"Dobbiamo evidenziare come questo amato prodotto rappresenti meno del 5% del consumo globale di grassi alimentari", ha affermato Carrassi. "Abbiamo tanto da fare per promuovere questo alimento straordinario all'estero. In Italia bisogna superare l'idea che l'olio d'oliva sia solo un ingrediente, valorizzando in ogni modo possibile le sue qualità organolettiche e salutari”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati