Preoccupazioni per la carenza di olio d'oliva in Italia Mount

Diverse organizzazioni hanno lanciato terribili avvertimenti di carenze significative nel mercato al dettaglio nazionale del paese. Altri prevedono l'aumento dei prezzi per ridurre la domanda.
Napoli, Italia
Ottobre 31, 2022
Simon Roots

Notizie recenti

Andrea Carassi, direttore generale dell'Associazione italiana dell'industria dell'olio commestibile (Assitol), ha avvertito che l'Italia sta affrontando una carenza di olio d'oliva maggiore di quella vista in oltre una generazione.

I suoi commenti arrivano in mezzo a una serie di previsioni di vendemmia deludenti in tutto il bacino del Mediterraneo.

Coltivatori in Spagna, il più grande del mondo olive oil producer, prevedere a 50 per cento di calo in produzione. Intanto le autorità entrano Tunisia, Italia e Portogallo prevedono anche significative diminuzioni della produzione quest'anno.

Vedi anche:Tra la crescente inflazione, gli italiani danno la priorità agli acquisti di cibo di alta qualità

"Avevamo parlato di un caldo autunno per l'olio d'oliva all'inizio di settembre. Purtroppo non ci siamo sbagliati", ha detto Carassi a Il Sole 24 Ore. "Lo sproporzione tra consumo e produzione è tale che, da qui alla prossima estate, potremmo non avere abbastanza petrolio per gli scaffali della grande distribuzione”.

Il mercato interno italiano rappresenta circa 600,000 tonnellate di olio extravergine d'oliva saldi ogni stagione. Tuttavia, stime recenti prevedono che solo un terzo di questo sarà fornito, a causa di una serie di eventi climatici catastrofici che vanno dalle tempeste al siccità.

pubblicità

L'impennata dei prezzi dell'energia ha ulteriormente complicato la situazione, aumento dei costi di produzione e sollecitando richieste di sussidi sia per i produttori che per i consumatori.

Tuttavia, Carassi vede un pericolo nell'abbassare artificialmente i prezzi. Ha detto che questo potrebbe portare a un esaurimento delle scorte ancora più precoce e così via "in un momento in cui l'olio d'oliva sta diventando una merce rara, riteniamo che sia opportuno evitare il ricorso continuo a promozioni che danneggerebbero la fiducia dei consumatori nell'intero settore dell'olio d'oliva e sminuirebbero il valore dei nostri sforzi".

Ciò, tuttavia, farà ben poco per placare i timori dei consumatori. La Confederazione Nazionale degli Agricoltori Indipendenti (Coldiretti) ha avvertito che l'olio extra vergine di oliva potrebbe raggiungere un prezzo record al dettaglio di € 10 al litro poiché ogni parte della filiera, dalla produzione e confezionamento all'etichettatura e al trasporto, è gravata da aumenti dei costi di 30 al 170 per cento.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti