L'arte della permacultura nell'Italia centrale

Il consiglio di un vicino amichevole ha ispirato i fondatori dell'azienda italiana Carma a scegliere un percorso sostenibile verso il successo.

L'edera di Boston sul mulino di Carma lascia entrare la luce nel inverno e fornisce ombra in estate. (Foto: Carma)
Di Lisa Anderson
6 settembre 2023 20:05 UTC
702
L'edera di Boston sul mulino di Carma lascia entrare la luce nel inverno e fornisce ombra in estate. (Foto: Carma)

Sviluppare un regime di permacultura biologica di successo richiede tempo, ma i produttori restano indietro Carma hanno realizzato una formula pluripremiata.

I produttori del Centro Italia guadagnato due premi Al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition – Oro e Argento per una coppia di miscele di media intensità.

Crediamo che nel lungo termine… (la permacultura) sarà (redditizia). Ma se vuoi guadagnare velocemente, il mio consiglio è di investire alla Borsa di New York. Il successo di una filosofia non ha prezzo.- Giulio di Gropello, amministratore delegato Carma

Il tempo impiegato per raggiungere il NYIOOC è in linea con il nome della loro azienda, che è diventata la loro identità e un obiettivo dopo la fondazione dell'azienda nel 2000.

I tre fondatori hanno chiamato la loro nuova attività Carma seguendo il consiglio di un vicino di fare le cose con calma, o con le sue parole con carma... molta carma.

Vedi anche:Profili del produttore

I tre avevano grandi progetti, ma il vicino diceva loro di non avere fretta perché, in natura, le cose buone arrivano a chi si prende il suo tempo.

Lo ha raccontato il fondatore e amministratore delegato di Carma, Giulio di Gropello Olive Oil Times sono molto selettivi nel olio extravergine d'oliva concorsi di qualità a cui scelgono di partecipare.

"L'idea di base è proprio quella di far valutare il nostro lavoro da soggetti esterni per confermare il corretto schema della nostra filosofia corroborata dall'analisi che facciamo dei nostri prodotti”, ha detto Di Gropello.

"Per noi è importante avere un’organizzazione esterna affidabile che valuti il ​​risultato dei nostri sforzi”, ha aggiunto. "A questo proposito, abbiamo analizzato il NYIOOCnel corso degli anni e abbiamo stabilito che il loro feedback sarebbe stato importante per noi."

Però, i la sostenibilità è più di una strategia di marketing per i fondatori di Carma, che fin dall’inizio hanno adottato una filosofia di permacultura.

"Abbiamo analizzato un rapporto di Greenpeace di oltre 35 anni fa. Sapevamo cosa sarebbe successo”, ha detto Di Gropello, riferendosi a cambiamento climatico.

I fondatori hanno deciso di intraprendere il percorso della permacultura basandosi sulla convinzione che coltivare l’ambiente naturale tramandato dai loro antenati avrebbe avuto un piccolo impatto sul cambiamento climatico ma sarebbe servito da esempio importante per gli altri.

"Usiamo pochissimi fertilizzanti, che sono ovviamente organici”, ha detto. "Ma anche per gli imballaggi utilizziamo solo prodotti naturali come carta e vetro e, ove possibile, niente plastica”.

"Sappiamo che spedire i nostri prodotti in tutto il mondo produce anidride carbonica”, ha aggiunto Di Gropello. "Quindi, anche se iniziamo con emissioni molto basse nella fase di produzione, una volta che i prodotti raggiungono la loro destinazione finale, viene prodotta anidride carbonica”.

Di conseguenza, l’azienda limita il numero di clienti che vende, optando invece per inviare volumi maggiori verso un minor numero di destinazioni per ridurre le emissioni.

"Il cambiamento climatico è un dato di fatto; la natura ce la farà, ma dobbiamo dare il massimo sforzo per ridurre le emissioni", ha detto Di Gropello. "La stessa filosofia applicata al materiale da costruzione che utilizziamo nel nostro progetto di ospitalità.”

"In pratica, non tocchiamo mai la terra dove si trovano i nostri ulivi ", ha aggiunto. "Non tocchiamo mai la natura che circonda le piantagioni, preservandone la diversità. Riutilizziamo tutti i rami potati dei nostri ulivi e di altri alberi frammentandoli e lasciandoli nel terreno per fertilizzarlo.

pubblicità
pubblicità

L'azienda utilizza anche i sottoprodotti solidi del processo di molitura delle olive - la sansa di oliva - come fertilizzante naturale per gli alberi.

"Abbiamo naturalmente una terra molto fertile, anche se ci vogliono molti più anni rispetto all’utilizzo di fertilizzanti, anche organici”, ha detto Di Gropello.

Carma si affida anche agli asini per tagliare l’erba, optando per una simbiosi naturale invece dei trattori alimentati a combustibili fossili.

"Puliscono e fertilizzano la terra in modo naturale”, ha detto Di Gropello. "Gli alberi sono molto più felici, così come tutta la fauna e la flora della proprietà”.

Ha aggiunto che anche i boschi dell'azienda sono più fertili. "Crediamo che, in generale, tutto il processo sia più armonico, prerequisito per realizzare un ottimo prodotto”, ha affermato Di Gropello.

Oltre a promuovere l'agricoltura sostenibile, Di Gropello ha indicato che le pratiche di permacultura dell'azienda si riflettono nel loro olio extra vergine di oliva, che ha raggiunto 500 microgrammi di polifenoli per chilogrammo per la prima volta nel 2022.

Ha spiegato che tutti i prodotti acquistati da fonti esterne per migliorare la qualità e la salute della terra e degli alberi hanno un impatto sui livelli di anidride carbonica.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-l-arte-della-permacultura-nel-centro-italia-i-tempi-dell-olio-d-oliva

Cultivar di olivo tradizionali crescono negli oliveti dell'Italia centrale di Carma.

"Se si riesce ad ottenere lo stesso risultato senza interventi esterni naturalmente, anche se ci vuole tempo, sarà meglio”, ha detto Di Gropello.

La visione di Di Gropello per Carma è stata ispirata da un dipinto che vide molti anni fa in una galleria d'arte a Londra.

Quando Di Gropello lavorava lì come agente di cambio nel 1978, visitava le gallerie d'arte durante i fine settimana. È stato particolarmente ispirato da un dipinto dell'artista JMW Turner chiamato Paesaggio italiano, probabilmente Civita di Bagnoregio, che ritraeva un paesaggio straordinario e selvaggio.

Di Gropello ha deciso di visitare Civita di Bagnoregio nel Lazio il prima possibile. Quando lo visitò qualche anno dopo, incontrò la famiglia Pizzo, che possedeva un rudere che usavano per ricoverare i loro animali e i loro raccolti.

I Pizzo vendettero il rudere ai Di Gropello mentre continuavano a curare i loro alberi di Leccino nella proprietà adiacente. Di Gropello ha ristrutturato l'edificio e la famiglia Pizzo ha lavorato per raggiungere l'obiettivo di diventare produttori di olio extra vergine di oliva.

Di Gropello apprese l'olivicoltura dai Pizzo. Il loro figlio più giovane Gianluca ha aiutato Di Gropello nella produzione di olio extra vergine di oliva.

Di Gropello capì che il controllo del processo produttivo era fondamentale per produrre un olio di qualità superiore. Avrebbe bisogno di un proprio frantoio, ma questo sarebbe economicamente sostenibile solo se possedesse più alberi.

L'occasione si presentò nel 2000, quando nelle vicinanze venne messo in vendita un terreno abbandonato con circa 600 alberi. Insieme al giovane Pizzo e ad Enrico Carlo Scio (che si ritirò qualche anno dopo per motivi di tempo), Di Gropello fondò la Carma.

Il sogno di Di Gropello del frantoio Carma è diventato realtà. "Il nostro mulino è stato costruito sottoterra per sfruttare la temperatura naturale”, ha detto Di Gropello.

La facciata è rivolta a ovest ed è realizzata con blocchi di vetro trasparente, inventati dal famoso architetto Renzo Piano, che ha progettato la Maison Hermès, un edificio a Tokyo, utilizzando gli stessi mattoni.

Il frantoio di Carma è ricoperto di edera di Boston, una pianta asiatica verde d'estate, rossa in autunno e dormiente in inverno. "Quindi quando raccogliamo il mulino è pieno di luce e non abbiamo bisogno dell’illuminazione elettrica. D’estate non abbiamo bisogno dell’aria condizionata”, spiega Di Gropello.

Oggi Carma conta 7,000 alberi tra Lazio, Umbria e Toscana, alcuni dei quali sono secolari.

"Le nostre cultivar sono tipiche del centro Italia, per lo più Leccino, Frantoio, Moraiolo, Maurino e alcune varietà autoctone dove il nome si è perso nel tempo”, spiega Di Gropello.

"Di questi, ogni anno produciamo un monocultivar, due blend e un super blend", ha aggiunto.

Dieci anni dopo la fondazione di Carma, come mezzo per valutare la qualità dei loro oli extra vergini di oliva, hanno iniziato a inviare campioni da classificare in rispettate guide di olio extra vergine di oliva.

Nel 2017 hanno iniziato a partecipare a concorsi internazionali di qualità extravergine, vincendo il loro primo premio al concorso AVPA Parigi.

Di Gropello ha affermato di ritenere che essere elencati nelle guide dell'olio d'oliva e vincere premi non faccia una grande differenza dal punto di vista commerciale perché i consumatori valutano un prodotto alimentare in base al sapore.

"Ma per noi è molto importante avere un punto di vista specialistico esterno”, ha affermato. "I produttori di olio extra vergine di oliva sono sempre convinti di produrre il prodotto migliore. Crediamo che ci sia sempre un margine di miglioramento”.

Carma ha festeggiato i suoi 20 annith anniversario nel 2020, commemorando l'amore di Di Gropello per l'arte e l'ambiente. L'azienda ha chiesto a tre artisti di realizzare venti opere e di scegliere tre progetti incentrati sulla sostenibilità a cui donare il ricavato delle vendite delle loro opere.

Di Gropello ha definito il progetto un successo; tutti i pezzi sono stati venduti, e la celebrazione ha anche dimostrato la sostenibilità economica della filosofia di permacultura di Carma.

"Crediamo che a lungo termine – tutti gli agricoltori hanno una visione a lungo termine – ciò accadrà”, ha affermato. "Ma se vuoi guadagnare velocemente, il mio suggerimento è di investire alla Borsa di New York.”

"Il successo di una filosofia non ha prezzo”, ha concluso.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati