Le esportazioni all'ingrosso dalla Grecia aiutano ad alimentare l'industria italiana dell'olio d'oliva

Gli esportatori guadagnerebbero di più con i prodotti di marca, tuttavia, l'ingresso nel mercato italiano richiede risorse al di fuori della portata di molti piccoli produttori greci.
Attica, Grecia
Settembre 6, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

La Grecia è costantemente il secondo fornitore dell'industria olearia italiana dopo la Spagna, che copre ogni anno una parte significativa della domanda italiana di olio d'oliva importato, secondo un'analisi del settore oleario italiano dell'Ufficio per gli affari economici e commerciali del Ambasciata greca a Milano.

Nel 2021, oltre il 75 percento delle esportazioni di olio d'oliva greco è andato all'ingrosso in Italia, secondo l'analisi. In altre parole, la Grecia ha fornito più di 111,000 tonnellate delle 500,000 tonnellate di olio d'oliva importate dall'Italia, rappresentando il 22 percento di tutte le importazioni italiane di olio d'oliva lo scorso anno.

Le esportazioni di olio d'oliva greco alla rinfusa non sono da biasimare per le limitate esportazioni del paese di olio d'oliva di marca. Il problema è dovuto principalmente all'inefficacia degli esportatori nazionali. - Yiorgos Economou, direttore generale, SEVITEL

D'altra parte, la Spagna, il più grande produttore ed esportatore mondiale di olio d'oliva, rappresentava oltre il 60 percento delle importazioni italiane di olio d'oliva quell'anno.

Esportazioni totali di greco olio d'oliva di tutte le qualità ha raggiunto le 146,000 tonnellate nel 2021 e sono state valutate 533 milioni di euro, mentre nel 165,000 sono state esportate dal Paese 470 tonnellate per un valore di 2020 milioni di euro.

Vedi anche:Notizie commerciali sull'olio d'oliva

Le cifre indicano che l'Italia è il maggiore acquirente di olio d'oliva greco. Tuttavia, l'olio dalla Grecia fluisce sfuso nella vicina Italia, con i produttori e gli esportatori greci che regolarmente non riescono a ottenere il valore aggiunto dell'olio d'oliva di marca.

Inoltre, il rapporto afferma che gli importatori italiani di solito pagano meno per l'olio d'oliva greco rispetto all'olio prodotto in Italia. Sulla base dei dati storici, fino al 2020, un chilogrammo di greco importato olio extravergine d'oliva costano ai commercianti italiani meno di 3.00 euro rispetto al prezzo all'origine in Italia di circa 3.70 euro.

pubblicità

Secondo Medit Hellas, una società con sede a Patrasso che esporta olio d'oliva non confezionato in Italia e in altri paesi, i produttori greci dipendono in gran parte dai commercianti italiani quando cercano di vendere i loro oli.

"Le grandi aziende di produzione e imbottigliamento italiane chiamano in gran parte i colpi nel settore greco dell'olio d'oliva ", hanno detto i proprietari dell'aziendo olive oil Times. "Vengono ogni anno e comprano grandi quantità di olio d'oliva greco.

"L'Italia imbottiglia da 800,000 a 900,000 tonnellate di olio d'oliva ogni stagione ", hanno aggiunto. "Con una produzione del paese compresa tra 250,000 e 300,000 tonnellate, hanno bisogno di molto più olio d'oliva, che acquistano da altri paesi produttori, tra cui Grecia e Spagna.

"L'olio d'oliva greco è generalmente più costoso degli oli di altri paesi, ma gli italiani lo acquistano in grandi quantità e sempre sfuso per fare miscele ", hanno continuato i proprietari di Medit Hella. "Il mercato italiano dell'olio d'oliva è dominato dai marchi nazionali. Non siamo a conoscenza di un solo produttore greco che esporti olio d'oliva di marca in Italia".

È anche pratica comune per gli agenti commerciali italiani recarsi nelle regioni produttrici di olio d'oliva greche per monitorare l'evoluzione della stagione e cosa aspettarsi in termini di quantità e qualità.

La scorsa primavera, gli importatori italiani si sono recati nell'area di Laconia, nel Peloponneso meridionale, per dare un'occhiata più da vicino alla fioritura degli ulivi.

La cooperativa agricola di Petrina in Laconia, una delle prime associazioni di olio d'oliva in Grecia fondata più di un secolo fa, esporta da tempo olio d'oliva in Italia.

"Circa il 30-40 percento dell'olio d'oliva che produciamo ogni anno viene esportato in Italia alla rinfusa ", ha detto la cooperativa Olive Oil Times. "Esportiamo anche olio d'oliva di marca confezionato in altri paesi, inclusi Stati Uniti e Canada. Tuttavia, non abbiamo ancora capito come inviare l'olio d'oliva in bottiglia in Italia".

"Produciamo ed esportiamo solo olio extra vergine di oliva di prima qualità”, hanno aggiunto. "Naturalmente, nonostante gli elevati standard del nostro olio d'oliva, non otteniamo un premio per le nostre esportazioni in Italia poiché il nostro olio viene spedito senza marchio.

Circa il 30 percento dell'olio d'oliva imbottigliato in Italia è esclusivamente di origine italiana, afferma il rapporto, mentre è ampiamente accettato l'alta qualità dell'olio d'oliva italiano è fondamentale per il suo successo nei mercati globali.

Inoltre, la pratica di lunga data degli imbottigliatori italiani che acquisiscono oli d'oliva da altri paesi e li miscelano ha portato l'olio d'oliva miscelato a essere registrato nella coscienza dei consumatori a livello globale come un prodotto esclusivo 'Prodotto Made in Italy.

Alcuni anni fa, Costco, il sesto più grande rivenditore al mondo, è passato dall'olio d'oliva italiano a quello greco per la sua miscela di olio extra vergine d'oliva firmata Kirkland a causa di problemi di fornitura e aumento dei prezzi degli oli d'oliva italiani.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva dalla Grecia

Costco ha modificato di conseguenza il tappo e l'etichetta delle bottiglie per illustrare il nuovo contenuto. Tuttavia, dopo poco più di un anno, il l'azienda è tornata alle miscele da fornitori italiani dopo che i suoi clienti hanno cercato di acquistare olio d'oliva italiano.

"Era ciò che i membri volevano ", ha detto Chad Sokol, l'acquirente di olio d'oliva di Costco all'epoca Olive Oil Times in una Intervista del 2016. "Sono abituati a ciò a cui sono abituati e c'è la percezione che l'olio extra vergine di oliva italiano sia il top di gamma. L'olio greco ha funzionato bene. L'ho preferito in una degustazione alla cieca, ma non era un venditore così forte".

L'olio d'oliva greco di marca rimane assente dal mercato interno italiano, dove gli oli d'oliva monovarietali (oli prodotti da un'unica varietà di oliva) e miscelati di produzione italiana dominano il mercato dell'olio d'oliva.

Sofia Zervaki, greca che vive e lavora a Roma da 20 anni, ha detto che gli scaffali dei supermercati della capitale sono pieni di 'Olio d'oliva Made in Italy e miscele di olio d'oliva di origine dell'Unione Europea.

"Di solito uso l'olio d'oliva dei boschi di famiglia in Grecia per cucinare ", ha detto Zervaki Olive Oil Times. "Tuttavia, durante il lockdown, ho dovuto comprare l'olio d'oliva al supermercato, e ho trovato solo olio italiano o miscele prodotte da aziende italiane. Non c'è olio d'oliva in bottiglia dalla Spagna o dalla Grecia.

"Inoltre, le etichette sulle bottiglie non sono così informative e complete come su altri prodotti alimentari, ad esempio yogurt e feta", ha aggiunto. "Non si può conoscere il paese esatto di produzione dell'olio d'oliva utilizzato nelle miscele italiane.

Secondo la legislazione dell'Unione Europea, le miscele di olio d'oliva vendute nel blocco dei 27 membri dovrebbero riportare sulle loro etichette informazioni pertinenti che designano se gli oli miscelati sono stati prodotti all'interno dell'UE o in paesi extra UE, senza specificare l'esatto paese di origine .

Nel frattempo, gli autori dell'analisi hanno proposto una serie di misure che i produttori e gli esportatori greci devono adottare per penetrare nel mercato italiano con oli d'oliva di marca, inclusa la partecipazione costante a fiere alimentari e concorsi di olio d'oliva tenutasi nel paese vicino, organizzando tour di familiarizzazione per giornalisti e commercianti italiani presso frantoi e impianti di imbottigliamento in Grecia e invitando food blogger e influencer dall'Italia a partecipare a degustazioni in Grecia.

Tuttavia, irrompere nel mercato italiano dell'olio d'oliva con prodotti di marca potrebbe essere arduo per gli aspiranti produttori greci.

"Il mercato dell'olio d'oliva in Italia è sostenuto principalmente dall'olio d'oliva di produzione nazionale e i consumatori italiani sono dipendenti dalle caratteristiche organolettiche e qualitative delle varietà italiane, proprio come i consumatori in Grecia ", Yiorgos Economou, direttore generale dell'Associazione greca di oliva Oil Bottlers (SEVITEL), ha detto Olive Oil Times.

"L'olio d'oliva in bottiglia in piccole quantità da altri paesi potrebbe raggiungere gli scaffali dei negozi di alimentari specializzati, ma le vendite previste non coprirebbero in alcun modo i costi di esportazione e promozione degli oli in Italia ", ha aggiunto.

"Quando si tratta di esportatori greci, uno sforzo coordinato da 'Enterprise Greece, l'organizzazione nazionale per gli investimenti e il commercio, potrebbe convincere alcune aziende a contribuire con le proprie risorse per promuovere il proprio marchio”, ha proseguito Economou. "Tuttavia, sulla base dell'esperienza precedente, la maggior parte degli esportatori sceglierebbe altre destinazioni di esportazione più facili da raggiungere".

Economou ha anche attribuito le limitate esportazioni del paese di olio d'oliva sfuso, rispetto alle esportazioni di olio d'oliva greco confezionato, al fatto che i mercati globali rimangono in gran parte irraggiungibili per i produttori e gli esportatori greci.

"Le esportazioni di olio d'oliva greco alla rinfusa non sono da biasimare per le limitate esportazioni del paese di olio d'oliva di marca ", ha affermato. "Il problema è dovuto principalmente all'inefficacia degli esportatori nazionali nell'istituire canali commerciali adeguati e alle piccole dimensioni delle società greche, che non dispongono delle risorse finanziarie per promuovere e commercializzare i loro oli d'oliva all'estero per lunghi periodi".

"Fortunatamente, per il momento, l'olio d'oliva greco è molto apprezzato dai commercianti italiani e spagnoli per la sua qualità superiore e le speciali caratteristiche organolettiche ", ha concluso Economou. "Altrimenti, grandi quantità rimarrebbero invendute, con un profondo impatto sui nostri coltivatori e produttori".



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti