I produttori andalusi si preparano al secondo peggior raccolto mai registrato

Olive oil prola produzione in Andalusia dovrebbe essere di quasi il 50% inferiore alla media mobile di cinque anni. Anche la raccolta delle olive da tavola sarà notevolmente inferiore.

Jaén, Spagna
Di Daniel Dawson
6 ottobre 2022 07:00 UTC
Jaén, Spagna

Contadini e produttori in Andalusia;, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo, prevede una resa di 587,000 tonnellate nel Anno del raccolto 2022/23, una diminuzione del 49% rispetto al totale dell'anno scorso e del 47.5% al ​​di sotto della media mobile di cinque anni.

Secondo il governo regionale, che ha pubblicato la sua stima ufficiale della produzione all'inizio di questa settimana, questo sarà il secondo peggior raccolto dall'inizio dei record, ma non raggiungerà il minimo della campagna 2012/13.

I funzionari della regione hanno accusato il calo della produzione su un'ondata di caldo a maggio e il estrema siccità estiva.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"La resa diminuirà del 50 percento quest'anno principalmente a causa dei due o tre giorni di temperature elevate che abbiamo avuto durante il periodo di fioritura a maggio ", ha detto Roberto García Ruiz, ricercatore agricolo presso l'Università di Jaén specializzato in olivicoltura Olive Oil Times.

Le temperature hanno superato i 35 ºC a maggio e hanno coinciso con la fioritura degli ulivi. In molti boschi, il caldo estremo ha fatto cadere i fiori dagli alberi e non ha prodotto frutti.

La duratura siccità, che secondo alcuni ricercatori era la peggiore che la penisola iberica avesse visto in più di 1,000 anni, ha provocato la caduta degli alberi che fiorivano prima o dopo l'ondata di caldo o il sacrificio dei loro frutti per risparmiare acqua.

Provincia
Olive oil prostime di produzione per il 2022/23 (tonnellate)
Variazione media mobile su cinque anni (%)
Variazione 2021/22 (%)
Almería
10,000
-31%
-25.7%
Cadice
9,000
-15.7%
-19.2%
Cordova
158,000
-42.9%
-47.3%
Granada
70,000
-43.3%
-41.4%
Huelva
10,000
5.7
-18.5%
Jaén
200,000
-59.8%
-60%
Malaga
40,000
-39.3%
-30.4%
Sevilla
90,000
-25.4%
-35.2%
Andalusia;
587,000
-47.5%
-49.1%
Fonte: Ministero dell'agricoltura andaluso

Nel complesso, i dati sulla produzione su base annua sono notevolmente diminuiti in tutte e otto le province andaluse. Tuttavia, la produzione a Huelva ha superato del 5.7% la media mobile quinquennale.

I produttori di Jaén, la provincia produttrice di olio d'oliva più significativa dell'Andalusia, prevedono di produrre circa 200,000 tonnellate di olio d'oliva, il 60 percento al di sotto del totale dell'anno scorso e della media mobile di cinque anni.

Insieme alla resa dell'olio d'oliva, Carmen Crespo, ministro dell'agricoltura, della pesca, dell'acqua e dello sviluppo rurale dell'Andalusia, ha affermato che anche la produzione di olive da tavola è previsto un calo significativo. L'Andalusia prevede di produrre 366,448 tonnellate di olive da tavola, quasi il 33% in meno rispetto al totale dell'anno scorso.

Significativi cali sia della produzione di olio d'oliva che di olive da tavola hanno portato a preoccupazioni per una notevole disoccupazione e milioni di euro di perdita di reddito per gli agricoltori e salari per i raccoglitori.

"Siamo di fronte a un raccolto più breve del normale, che influirà seriamente sull'occupazione", ha affermato Crespo. "Meno giorni significa meno entrate per i lavoratori sul campo".

Il capitolo Jaén di Cooperativas Agro-alimentarias, la principale cooperativa agricola spagnola, aveva precedentemente stimato che la provincia avrebbe perdere fino a 1 miliardo di euro a causa del cattivo raccolto.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti