L'Europa affronta la peggiore siccità degli ultimi 500 anni, affermano i funzionari

I paesi dell'Europa meridionale e occidentale stanno sopportando il peso della siccità, con impatti variabili sugli olivicoltori e sulla società in generale.

Agosto 18, 2022
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Secondo il Centro comune di ricerca della Commissione europea, l'Europa sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 500 anni.

"Non abbiamo analizzato completamente [la siccità di quest'anno] perché è ancora in corso, ma sulla base della mia esperienza, penso che questo sia forse anche più estremo del 2018", ha detto Andrea Toreti, ricercatore senior presso l'Osservatorio europeo sulla siccità a un conferenza la scorsa settimana.

"Giusto per darti un'idea, la siccità del 2018 è stata così estrema che, guardando indietro almeno agli ultimi 500 anni, non ci sono stati altri eventi simili alla siccità del 2018, ma quest'anno penso che sia davvero peggio del 2018", ha aggiunto.

Vedi anche:Le siccità sono più frequenti, durano più a lungo e accelerano la carenza d'acqua, afferma l'ONU

L'Europa occidentale e centrale non ha praticamente registrato precipitazioni negli ultimi due mesi e il Centro comune di ricerca ha avvertito che le condizioni probabilmente peggioreranno nei prossimi tre mesi.

I funzionari del principale servizio di scienza e conoscenza in Europa hanno stimato che il 47 percento del blocco di 27 membri è a rischio di essere colpito dalla siccità, con gli agricoltori di quattro dei più grandi paesi produttori di olio d'oliva del continente tra i più gravemente colpiti.

pubblicità

Francia, Italia, Portogallo e Spagna, che insieme producono l'88% di quello dell'Unione Europea olive oil proriduzione nella campagna 2021/22 – hanno subito gli impatti di un inverno e una primavera insolitamente secchi seguiti da numerose ondate di caldo estremo.

In Spagna, il paese produttore di olio d'oliva più grande del mondo con un margine significativo, i bacini idrici del paese sono solo il 40 percento della loro normale capacità. I funzionari hanno risposto mettendo in atto restrizioni sull'acqua.

In Andalusia;, la regione produttrice di olio d'oliva più fruttuosa al mondo, la siccità è particolarmente pronunciata. I serbatoi locali hanno una capacità di appena il 25%. Anche le falde acquifere sotterranee ei corpi idrici naturali di superficie stanno esaurendosi.

affari-europa-europa-affronta-la-peggiore-siccità-in-500-anni-i-funzionari-dicono-il-tempo-del-petrolio-d-oliva-

Fossa di irrigazione secca nelle risaie dell'Albufera di Valencia

Gli olivicoltori della regione hanno avvertito che il raccolto dai boschi piovani sarà probabilmente inferiore al 20 percento della media del mezzo decennio precedente. Anche le rese dei boschi irrigati dovrebbero diminuire di oltre il 50%.

L'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori (Asaja) prevede che la Spagna produrrà 1 milione di tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2022/23, il totale più basso dal 2013/14.

Uno studio pubblicato di recente su Nature Geoscience ha scoperto che alcune parti della Spagna sono le più aride in più di 1,000 anni.

La siccità è stata altrettanto spietata sulla costa occidentale della penisola iberica in Portogallo. Anche le precipitazioni nel quarto paese produttore di olio d'oliva più grande d'Europa sono state storicamente scarse.

Secondo l'Istituto portoghese del mare e dell'atmosfera (IPMA), il Portogallo ha ricevuto la metà delle precipitazioni che normalmente fa durante un anno idrologico, che va da ottobre a settembre.

Complessivamente, l'anno idrologico 2021/22 è destinato a essere il secondo più secco dall'inizio dei record nel 1931, con appena 419 millimetri di pioggia caduti fino ad oggi. Solo il 2004/05 è stato più asciutto.

Gonçalo Almeida Simões, direttore esecutivo dell'Alentejo Olive Oil Association, ha detto ai media locali che erano gli olivicoltori di tutto il paese sentendo l'effetto della siccità.

Gli oliveti pluviali, che rappresentano il 30 percento di tutti gli uliveti portoghesi, sono stati i più colpiti dalla siccità e si aspettano un calo significativo della produzione.

D'altra parte, i boschi irrigui vengono ancora riforniti di quantità adeguate di acqua ed è probabile che subiscano diminuzioni di produzione minori.

Di conseguenza, i funzionari della regione portoghese settentrionale di Trás-os-Montes hanno impegnato investire più denaro nelle infrastrutture di irrigazione per aiutare i produttori a far fronte a gravi carenze idriche.

Dall'altra parte della Spagna, anche la Francia sta affrontando la sua "più grave” siccità in registrazione.

Precipitazioni insufficienti in tutto il paese - in particolare nel sud-est montuoso dove le nevicate all'inizio dell'anno si sciolgono durante l'estate per ricostituire fiumi e bacini artificiali - combinate con ondate di caldo torrido, che hanno portato all'evaporazione da quei fiumi e bacini non riforniti, hanno causato il governo a mettere in atto restrizioni sull'acqua attraverso il paese.

Meno di 1 centimetro di pioggia è caduto in media in tutta la Francia a luglio, il che ha provocato la carenza di acqua potabile e la possibilità di interruzioni in alcune centrali nucleari del paese.

Agli agricoltori del sud del paese è stato detto di ridurre la quantità di acqua che utilizzano per irrigare i raccolti e, quando lo fanno, di irrigare di notte per evitare l'evaporazione.

Nella regione meridionale dell'Occitaine, un olivicoltore nel Gard ha detto ai media locali che la siccità e le ondate di caldo hanno essiccato le sue olive. Bruno Nicolas ha detto che ha anche provato a scavare un pozzo nel tentativo di raggiungere la falda acquifera, ma non poteva permettersi di scavare abbastanza in profondità per raggiungerlo.

Nel complesso, i produttori francesi si aspettano di vedere la produzione di olio d'oliva diminuisce fino al 50 percento a causa della siccità.

Nel frattempo, la siccità e le scarse infrastrutture hanno indotto il ministro dell'agricoltura italiano ad avvertire il parlamento che un terzo della produzione agricola del Paese è a rischio di fallimento.

I livelli d'acqua storicamente bassi del Lago di Garda e del fiume Po hanno ha strappato la maggior parte dei titoli internazionali, ma siccità nelle regioni meridionali italiane del Puglia, Calabria e Sicilia dovrebbero risultare olive oil proriduzione di un terzo.

Tuttavia, la siccità in Puglia ha avuto conseguenze molto diverse dal resto d'Europa. Il clima sempre più arido nella più grande regione produttrice di olio d'oliva d'Italia ha prosciugato il suolo e ridotto la sua capacità di trattenere l'acqua.

Le forti piogge sperimentate dalla regione all'inizio della settimana hanno provocato frane e inondazioni, che hanno causato circa 200 milioni di euro di danni agli uliveti e ad altre colture.

Gli esperti prevedono che queste forti burrasche estive diventino sempre più frequenti poiché la regione riceve le sue precipitazioni annuali in periodi di tempo più concentrati.

Coldiretti, un'associazione di agricoltori, ha affermato che l'Italia meridionale deve investire in infrastrutture per catturare e salvare questa acqua piovana evitando che danneggi i raccolti e le infrastrutture rurali.

"Di fronte alla tropicalizzazione del clima è necessario ridurre i consumi di suolo e organizzarsi per raccogliere l'acqua nei periodi più piovosi per renderla disponibile nei momenti di difficoltà”, ha detto Coldiretti ha scritto in una dichiarazione.

"Per questo sono necessari interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclo dell'acqua con opere infrastrutturali, potenziando la rete degli invasi della regione, realizzando bacini e utilizzando anche le ex cave per raccogliere l'acqua piovana per gestirne l'utilizzo quando necessario”. concluse l'associazione.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti