L'esperienza alla base della ricerca sostenibile dell'eccellenza di Tamia

Pietro Re di Tamia produce oli extravergine di oliva di alta qualità e mira a portare nuove tecnologie e pratiche al marchio sostenibile.

Pietro Re al podere Tamia (Foto: Maurizio Di Giovancarlo)
Di Ylenia Granitto
19 gennaio 2023 14:19 UTC
Pietro Re al podere Tamia (Foto: Maurizio Di Giovancarlo)

Nella Tuscia, terra di origine vulcanica un tempo abitata dagli Etruschi, la storia di successo di Tamia inizia all'inizio del secolo scorso. I rigogliosi uliveti di Tamia danno vita a pregiati oli extra vergine di oliva nel cuore di questo affascinante territorio costellato di antichi borghi e percorsi naturalistici.

Il produttore ha recentemente riscosso successo al NYIOOC (New York International Olive Oil Competition), dove i Gold Awards sono andati al suo Tamia Iron Organic Caninese e Tamia Oro Miscela Biologica al concorso del 2022.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva al mondo

"L'attività della nostra azienda è iniziata negli anni '1920”, racconta Pietro Re Olive Oil Times. "Nel magazzino ho trovato di recente una seggiolina in legno d'ulivo che serviva ai raccoglitori di olive per riposare durante la raccolta, con sopra incisa la data 1922. Quest'anno, dopo 100 anni, stiamo piantando un nuovo uliveto.

Imprenditore volitivo con notevole lungimiranza, Re ha preso le redini dell'azienda agricola di famiglia nel 2012. Da lì, ha creato un nuovo marchio fresco fondato sui valori della sostenibilità, un legame con la terra e l'obiettivo di perseguire la massima produzione qualità. Tale obiettivo è stato raggiunto con la creazione da parte di Tamia di oli extra vergini di oliva autoctoni di classe mondiale varietà.

Le varietà Caninese, Maurino, Frantoio, Leccino, Moraiolo e Bolzone prosperano sulle dolci colline di Vetralla grazie al ricco suolo vulcanico e alle condizioni climatiche ideali. Recentemente sono state aggiunte alla tenuta 1,500 piante di Itrana provenienti dal sud della regione. Hanno ampliato la fattoria a 15 ettari (37 acri) di uliveti.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva

Uliveti Tamia

"La nostra visione si fonda sul legame con questa terra bella e fertile, che è chiaramente espressa dai profili sensoriali dei nostri oli”, ha sottolineato Re. "Abbiamo investito molto impegno nella loro creazione, cercando di raggiungere una grande armonia tra le loro componenti organolettiche. Dopo alcuni anni di attività e tante sperimentazioni, posso dire che siamo riusciti a dare ai nostri prodotti uno stile proprio distinto e riconoscibile”.

Gli oli extravergine di oliva Tamia sono presentati nello showroom aziendale, recentemente allestito nelle vicinanze Strada dell'Olio (Strada dell'olio d'oliva). Le strade dell'olio d'oliva ne incrociano molte olive oil proterritori di produzione in Italia. Nello showroom buyer e consumatori possono degustare gli oli e organizzare degustazioni di gruppo.

"Al fine di essere parte attiva del settore del turismo oleario, mostriamo il nostro terroir e gli oli che ne derivano ”, ha sottolineato Re.

L'accogliente spazio espositivo progettato da giovani architetti mostra gli strati geologici della zona, dal tufo grigio, al tufo rosso, al cosiddetto occhio di pesce, fino allo strato superiore, il tufo giallo. I paesi della Tuscia sono costituiti dallo strato di tufo giallo.

"È una specie di atelier di moda», ha precisato Re. "Gli oli extra vergini di oliva di quest'anno, infatti, vengono presentati come 'Collezione 2022/23.' "

Re ha ideato negli ultimi anni un'altra linea di prodotti dedicati alla cucina in collaborazione con alcuni coltivatori selezionati. "Ci è piaciuto lavorare con altre varietà per creare diversi profili aromatici adatti a vari tipi di cucina", ha sottolineato, spiegando che la ristorazione di alto livello è uno dei nuovi focus dell'azienda.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva

Pietro Re al podere Tamia (Foto: Maurizio Di Giovancarlo)

"Vogliamo proporci come attori del settore, soddisfacendo tutte le esigenze degli chef con i nostri oli extravergine di oliva, che oggi vengono utilizzati in diversi ristoranti di pregio”.

Re prevede di stabilire a frantoio aziendale di ultima generazione per creare i suoi prodotti di alta gamma. Nel frattempo, i frutti vengono schiacciati in un fidato impianto all'avanguardia con due linee di pressatura gestito dai tecnici dell'azienda. Un gruppo di assaggiatori professionisti assiste sempre al processo di macinazione.

"La produzione di oli extra vergini di oliva di alta qualità richiede un tecnologia avanzata macchinari e un know-how unico nella gestione del mulino ", ha considerato il nostro agricoltore. "Eppure, il lavoro più importante nella nostra ricerca dell'eccellenza è svolto dagli assaggiatori. Ogni giorno durante la vendemmia eseguono diversi test sensoriali, appena l'olio esce, fino a trovare il giusto profilo con un giusto equilibrio”.

"Oggi il processo è dominato dalle capacità umane, cosa che prima non era possibile”, ha sottolineato Re, che supervisiona l'intero processo produttivo con un'attenzione incessante. "Li chiamo 'profilers', che ci aiutano a creare gli oli degustandoli, in completa sinergia con i tecnici, che sanno intervenire facendo una nuova impostazione ad ogni operazione.”

Una volta estratto, l'olio viene prontamente consegnato agli assaggiatori in una stanza dedicata con un ambiente rilassante e inodore, dove possono concentrarsi completamente sui campioni.

pubblicità

"Ad ogni assaggio le loro caratteristiche, l'amaro e il piccante attributi può essere regolato dai tecnici, fino al raggiungimento del miglior risultato possibile”, ha spiegato Re. "Il nostro compito è infatti quello di ottenere il massimo dai frutti ogni sera”.

Al termine della stagione, il team di lavoro assaggia tutti gli oli e calcola come migliorare il processo produttivo per l'anno successivo.

"La partita si gioca tutta sui dettagli”, ha riflettuto il nostro agricoltore. "È un lavoro di precisione che richiede un lavoro lungo e scrupoloso, a cui si aggiunge la cura in più che mettiamo nella pulizia dei componenti del mulino, che significa più tempo e impegno. Ma alla fine i risultati ottenuti ci ripagano di tutti i nostri sforzi”.

L'anno scorso, inoltre, è stato necessario ulteriore lavoro per affrontare un problema sostanziale siccità. Il disastro è stato fortunatamente evitato dalle piogge cadute al momento giusto. Poi, le operazioni di raccolta si sono prolungate in alcune zone a causa della maturazione tardiva delle olive Caninese. Eppure questo varietà, insieme a Maurino e Itrana, hanno mantenuto standard produttivi medi, mentre Moraiolo, Frantoio e Leccino hanno subito un leggero calo produttivo.

"Ora è chiaro che dobbiamo adattarci a ciò che è in corso cambiamento climatico”, rifletté il nostro agricoltore. "Abbiamo recentemente piantato diversi ulivi e continueremo a farlo, il che significa dare un contributo sostanziale all'assorbimento di CO2. Inoltre, abbiamo stabilito un sesto d'impianto non intensivo di 6 x 6 o 6 x 5 metri, che ci permette di mantenere sano il territorio oltre a dare un valore paesaggistico al nostro lavoro».

"La decisione di preservare e continuare a piantare boschetti tradizionali è parte fondamentale della nostra visione, che include la salvaguardia di biodiversità con diverse varietà autoctone", ha sottolineato. "Questo approccio ci permette anche di realizzare ottimi oli, ricchi di polifenoli, quindi più fragrante e strutturato.”

"I nostri oliveti biologici si integrano perfettamente nel paesaggio della Tuscia”, ha osservato Re. "Ci rendiamo conto che la scelta di sostenibilità che abbiamo realizzato già diversi anni fa è funzionale al turismo dell'olio d'oliva, ma quello che ci interessa davvero è la tutela del ambiente. Crediamo che noi agricoltori abbiamo il dovere almeno di preservare l'integrità del territorio, non certo di peggiorarlo ma, se possibile, anche di migliorarlo. La nostra missione non è solo produrre la massima qualità, ma anche proteggere la nostra preziosa terra”.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti