Nuova ricerca per studiare l'impatto della salute del suolo sulla qualità dell'olio d'oliva

Il progetto cerca di comprendere meglio in che modo l'olivicoltura influisce sulla biodiversità del suolo e sulla funzione ecologica e in che modo la salute del suolo influisce sulla qualità e sulla sicurezza dell'olio d'oliva.
Di Paolo DeAndreis
8 dicembre 2022 14:42 UTC

La prima significativa indagine sulla qualità del suolo degli oliveti in tutto il bacino del Mediterraneo è stata intrapresa da un gruppo di istituti di ricerca europei e grandi olive oil proriduttori.

Sostenuto dall'Unione Europea, il Progetto Soil O‑live analizzerà l'impatto del degrado del suolo e dell'inquinamento sugli oliveti nei prossimi cinque anni.

Il progetto studierà anche l'impatto degli oliveti sulla biodiversità e sulla funzione ecologica e studierà il legame tra la qualità e la sicurezza del suolo e dell'olio d'oliva.

Vedi anche:Il nuovo strumento misura le interazioni suolo-atmosfera per ottimizzare le pratiche agricole

L'UE e l'Università di Jaén, che coordina l'iniziativa, hanno firmato l'accordo di ricerca da 7 milioni di euro, che fa parte del programma Programmi di ricerca dell'UE Horizon.

"Dopo oltre 50 anni di applicazione dell'agricoltura intensiva, la situazione ambientale di molti oliveti nella regione mediterranea è piuttosto drammatica in termini di degrado del suolo, impoverimento della biodiversità e perdita di funzionalità, che potrebbero aver già influito sulla qualità e sulla sicurezza dell'olio d'oliva, uno delle merci più importanti prodotte in Europa”, si legge nell'introduzione del progetto.

Implementando un approccio multidisciplinare esteso a tutti i principali paesi produttori di olive, il progetto "eseguirà la prima rigorosa diagnosi della situazione ambientale dei suoli degli oliveti su larga scala, considerando le aree più importanti di produzione di olive nella regione mediterranea e le sue relazioni con la qualità dell'olio d'oliva.

Valutare la qualità del suolo e il tendenze legate all'agricoltura intensiva sono considerati cruciali per il loro impatto sui sistemi alimentari e sulla sicurezza alimentare.

Le fasi successive del progetto Soil O-live si concentreranno sul ripristino della funzione ecologica e del suolo, sulla promozione della biodiversità e sul miglioramento della salute degli oliveti in tutta la regione. I suoi sostenitori ritengono che questi passaggi si tradurranno in un miglioramento del prodotto finale.

L'ultima fase della ricerca sarà incentrata sulla definizione di "rigorose soglie ecologiche che consentano di implementare future norme e regolamenti chiari per progettare una nuova certificazione per suoli sani negli oliveti europei.

Il progetto riunirà ricercatori provenienti da diversi campi di ricerca, come le scienze ambientali, le scienze biologiche e l'ecologia, l'agricoltura e la silvicoltura.

Oltre al dipartimento di ricerca sulle olive e sull'olio d'oliva dell'Università di Jaén, parteciperanno al progetto anche dozzine di istituti di ricerca provenienti da Portogallo, Italia, Grecia, Polonia, Germania, Svizzera e Marocco.

Alle indagini partecipa anche Deoleo, la più grande azienda al mondo produttrice e imbottigliatrice di olio d'oliva.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti