La chiave della sostenibilità del successo dei produttori pluripremiati del Centro Italia

I produttori del Centro Italia hanno riflettuto sul successo del 2022 NYIOOC e guardava avanti al raccolto imminente.

Umbria, Italia
Settembre 13, 2022
Di Ylenia Granitto
Umbria, Italia

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition.


I produttori del centro Italia sono stati protagonisti indiscussi al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition. Ancora una volta, hanno ottenuto numerosi riconoscimenti grazie alla loro cura per la terra e all'attenzione all'uso sostenibile delle risorse.

Si sono aggiunti gli olivicoltori con una lunga storia di successi vincitori per la prima volta, tutti consapevoli del ruolo cruciale che gli agricoltori svolgono come protettori dell'ambiente.

"Siamo entusiasti di aver vinto questo prestigioso premio", ha affermato Laurence Deprez Zenezini, di Cultura Viva, dopo ricevere un Gold Award per la sua miscela Le Clarisse.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva dall'Italia

"Il nostro mercato di riferimento sono gli Stati Uniti, e questo ci ha spinto a partecipare alla NYIOOC, che è una vetrina importante per il mercato internazionale”, ha aggiunto.

Dopo aver vissuto in molti paesi del mondo, si è stabilita Umbria con la sua famiglia. "L'anno scorso, a giugno, abbiamo frequentato un corso per degustatori di olio d'oliva e ad ottobre abbiamo effettuato il nostro primissimo raccolto ", ha affermato.

Situata a Collazzone, in provincia di Perugia, la sua proprietà comprende un piccolo borgo con l'ex monastero delle Clarisse, da cui deriva il nome dell'olio e un casale circondato da 40 ulivi. Altre 600 piante di Moraiolo, Leccino e Frantoio, sono sparse sulla collina sottostante.

concorsi-europa-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-oli-time-di-oliva

Il co-fondatore Stefano Zenezini raccoglie olive presso Cultura Viva

"Il primo progetto è stato quello di recuperare questo posto", ha detto Deprez Zenezini. "Poi abbiamo iniziato a potare gli alberi facendo un lavoro di riforma coerente. L'anno scorso, anche a causa di problemi meteorologici, abbiamo raccolto il 25 per cento della capacità del boschetto".

Recentemente hanno aggiunto un nuovo appezzamento con 120 alberi della varietà Don Carlo, piantati secondo uno schema tradizionale per preservare la forma originaria del paesaggio. La tutela del territorio e della sua biodiversità è alla base della visione di Cultura Viva, che significa cultura viva.

"Vogliamo fare cultura", ha detto Deprez Zenezini. "Con le foglie di olivo della raccolta e della potatura, produciamo anche un kombucha unico. Nel fare questo io e mio marito Stefano siamo supportati dai nostri due figli, che ci aiutano nella comunicazione dei prodotti”.

"Nostra figlia ha creato il packaging di Le Clarisse attraverso il quale vogliamo esprimere purezza, armonia e semplicità", ha aggiunto.

Seguendo i principi dell'agricoltura rigenerativa, l'azienda di famiglia ha adottato un approccio di economia circolare, dove nulla va sprecato e tutto viene riutilizzato, compresa l'acqua piovana.

"La siccità è ora il problema principale”, ha detto Deprez Zenezini. "Considerando il aumento dei costi di produzione, siamo consapevoli di essere partiti in un momento complesso. Eppure siamo molto fiduciosi nel futuro e, basandoci anche su questi successi, non vediamo l'ora che arrivi il prossimo raccolto".

Insieme ai destinatari per la prima volta, da molto tempo NYIOOC i vincitori dell'Italia centrale hanno celebrato il successo al più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

Tra questi c'erano i produttori di Domenica Fiore, sempre in Umbria, che hanno ottenuto tre Gold Awards per i loro marchi Olio Novello, Novello di Notte e Olio Reserva.

concorsi-europa-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-oli-time-di-oliva

Vendemmia notturna a Domenica Fiore

"Anche quest'anno siamo riusciti a creare prodotti di alto profilo”, ha raccontato Cesare Bianchini Olive Oil Times. "Siamo molto contenti di questo risultato che ci rende molto orgogliosi”.

A mastro mugnaio e frullatore, Bianchini segue tutto il processo produttivo delle pluripremiate miscele.

"Raccogliamo le diverse varietà – Leccino, Frantoio, Moraiolo e Canino – separatamente”, ha affermato. "Li combiniamo con cura in seguito per creare profili sensoriali equilibrati e complessi che non potremmo ottenere mescolando casualmente le varietà".

Gli ulivi prosperano in modo ottimale a 400 metri sul livello del mare in un terreno ricco e sabbioso – milioni di anni fa, probabilmente in epoca plio-pleistocenica, il terreno che ospita questi frutteti era un fondale marino, ed è ancora possibile trovare antiche conchiglie in il terreno.

Dopo la raccolta, i frutti vengono frantumati nel frantoio aziendale, cioè dotato delle ultime tecnologie. Dopo l'estrazione, i sottoprodotti vengono utilizzati come compost naturale.

"Abbiamo sparso il residuo umido come fertilizzante per i nostri boschi”, ha detto Bianchini. "Abbiamo creato un sistema circolare in cui i rifiuti vengono riutilizzati”.

caldo intenso degli ultimi mesi ha costretto la squadra di Domenica Fiore ad effettuare un'irrigazione di emergenza e ad utilizzare la polvere di caolino come corroborante per evitare l'irraggiamento eccessivo delle piante. Ciò ha comportato più lavoro, ma ha consentito loro di avere olive sane prima della raccolta.

"L'invaiatura in Leccino e Frantoio di solito avviene presto", ha detto Bianchini. "Poiché le temperature diurne possono ancora superare i 25 °C a fine settembre, può essere un problema. Questo ci ha spinto a programmare parte della vendemmia di notte, con temperature più basse”.

"Le operazioni notturne offrono vantaggi durante l'estrazione, mentre la raccolta dei frutti è più complicata", ha aggiunto. "Particolare attenzione è richiesta durante le operazioni al buio, per le quali bisogna utilizzare una torre faro. Tuttavia, il risultato è eccellente e ci rende felici, poiché otteniamo un prodotto eccellente che ha successo sul mercato".

Nel Lazio Paolo de Filippis ha ricevuto un Gold Award per la sua Itrana monovarietale prodotta sul Carroccia Campodimele immobiliare.

concorsi-europa-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-oli-time-di-oliva

Risultati pluripremiati dalla policoltura nella tenuta Carroccia Campodimele

"Ottenere questo premio è la più grande soddisfazione per un'azienda agricola come la nostra”, ha affermato. "Siamo determinati a rimanere un'azienda di nicchia. Poiché il nostro mercato di riferimento è l'estero, in particolare in Germania, ci siamo affidati al ns olio extravergine d'oliva Vai all’email NYIOOC per la sua reputazione mondiale”.

Situata tra i comuni di Lenola e Campodimele, in provincia di Latina, la proprietà comprende dolci colline sostenute da antichi muretti a secco, che conferiscono al paesaggio una suggestiva bellezza.

"La maggior parte dei nostri ulivi sono disposti sulle terrazze ", ha detto de Filippis. "Sono intervallati da diversi tipi di susino, mele cotogne, mandorli, noci e piante aromatiche, soprattutto lavanda e rosmarino. "

"Li consideriamo importanti per attirare gli insetti impollinatori e li utilizzeremo per produrre oli essenziali", ha aggiunto.

Diversi alberi di fico completano la composizione del frutteto. I fichi vengono raccolti ed essiccati per il periodo natalizio e usati freschi per fare la marmellata.

"La gestione sostenibile dell'immobile, secondo l'art principi della policoltura, promuove una ricca biodiversità”, ha affermato de Filippis.

"Mia figlia è responsabile del marketing e della comunicazione dell'azienda, attraverso i quali miriamo a trasmettere la nostra vocazione organica e il nostro impegno per la sostenibilità”, ha aggiunto. "Anche la nostra bottiglia è realizzata in maniera ecosostenibile, con dettagli in vetro di Murano e sughero che sostituiscono la plastica”.

In vista dell'attuale raccolta, il Lazio ha dovuto affrontare le stesse sfide causate dalla pervasiva siccità, con conseguente riduzione del volume delle olive.

"Penso che il futuro vedrà l'introduzione di sistemi di recupero dell'acqua piovana", ha affermato. "Ci stiamo organizzando come produttori, ma credo sia fondamentale che anche i governi locali e statali ci supportino in questa azione”.

Tuttavia, i suoi frutti di Itrana sono ora sani dopo essere stati rinfrescati dalle tempestive piogge di fine estate che li hanno aiutati immensamente a riprendersi dallo stress idrico dei mesi precedenti.

"Verso la metà di ottobre, quando l'invaiatura raggiungerà il 20-30%, dovremmo iniziare la raccolta", ha affermato de Filippis. "Questa è la tendenza della zona, dove la maggior parte dei produttori punta ormai sull'alta qualità, ottenendo prodotti con ottimi profili organolettici”.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti