`Studio: Il cambiamento climatico continua a minacciare la salute globale - Olive Oil Times

Studio: Il cambiamento climatico continua a minacciare la salute globale

Novembre 9, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il destino della salute umana in tutto il mondo è "alla mercé di una persistente dipendenza dai combustibili fossili”, secondo a rapporto pubblicato su The Lancet, una delle principali riviste mediche.

I 99 ricercatori coinvolti nel rapporto hanno concluso che il governo e il settore privato fanno affidamento sui combustibili fossili esacerbata insicurezza alimentare, ha aumentato la diffusione delle malattie infettive e ha reso più diffuse le malattie legate al caldo.

C'è stata una tendenza a mettere in secondo piano il cambiamento climatico. Se non siamo in grado di invertire la tendenza attuale, saremo condannati.- António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite

Il rapporto ha avvertito che i costi di cambiamento climatico l'inazione sulla salute globale raccoglierebbe quelli della pandemia di Covid-19, degli attuali conflitti armati e delle sfide macroeconomiche.

Gli esperti lo hanno scoperto ondate di calore ha portato nel 98 a 2020 milioni di persone in più che hanno segnalato un'insicurezza alimentare da moderata a media rispetto alla media del periodo di 30 anni terminato nel 2010.

Vedi anche:I redattori di 200 riviste sanitarie avvertono che il cambiamento climatico sta creando crisi sanitarie globali

Hanno detto che il 29 per cento in più di superficie lo era colpiti da estrema siccità dal 2012 al 2021 rispetto allo stesso periodo di 70 anni prima, che ha aumentato l'insicurezza alimentare e idrica, minacciato i servizi igienico-sanitari, incendi esacerbati e aumentato il rischio di diffusione di malattie infettive.

Il rapporto ha anche scoperto questo temperature medie annuali in aumento hanno allungato la stagione riproduttiva delle zanzare, aumentando la trasmissione della dengue, della febbre gialla e del parassita che causa la filariosi cardiopolmonare di oltre il 10 per cento negli ultimi 10 anni rispetto allo stesso periodo di 70 anni fa.

pubblicità

I ricercatori hanno aggiunto che il cambiamento climatico ha anche ampliato la gamma geografica di questi tipi di malattie, nonché delle malattie trasmesse dagli alimenti e dall'acqua.

Il rapporto ha inoltre rilevato che i decessi legati al caldo sono aumentati di due terzi dal 2001. Gli esperti hanno sottolineato che il caldo estremo ha una serie di impatti sulla salute, come l'aggravamento delle malattie respiratorie e cardiovascolari, l'aumento del colpo di calore e il danno alla salute mentale.

Sebbene il rapporto dipingesse un quadro cupo, gli autori hanno concluso con un ottimista invito all'azione e hanno affermato che i passi immediati per ridurre le emissioni avrebbero comunque salvato milioni di vite. Tuttavia, hanno avvertito che ciò richiederebbe una transizione notevolmente accelerata lontano dai combustibili fossili.

Nel frattempo, un separato rapporto dall'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) pubblicato subito dopo che il rapporto Lancet ha evidenziato l'entità della sfida presentata dalle estrazioni di combustibili fossili.

L'OMM ha scoperto che le concentrazioni atmosferiche dei tre principali gas serra hanno raggiunto livelli record nel 2021, indicando che la combustione di combustibili fossili ha continuato ad aumentare nonostante i sostanziali investimenti nelle energie rinnovabili negli ultimi dieci anni.

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato alla BBC che la comunità globale deve dare nuovamente priorità ai cambiamenti climatici nonostante le distrazioni create dall'invasione russa dell'Ucraina, dalla crisi energetica globale e dall'inflazione dilagante.

"C'è stata una tendenza a mettere in secondo piano i cambiamenti climatici", ha affermato. "Se non saremo in grado di invertire la tendenza attuale, saremo condannati".

"Questa è la questione determinante del nostro tempo, nessuno ha il diritto di sacrificare l'azione internazionale sul cambiamento climatico per nessun motivo", ha concluso Guterres.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti