Gli estremi climatici e le pressioni economiche frenano il raccolto del 2023, risultati di un sondaggio

I produttori di olio d'oliva hanno dato al raccolto 2023 una valutazione triste in termini di resa e qualità.

(Foto: Giorgio Colletti, Fratelli Colletti)
Di Daniel Dawson
21 dicembre 2023 15:27 UTC
2678
(Foto: Giorgio Colletti, Fratelli Colletti)

Agricoltori e frantoiani di tutto il mondo produttore di olio d'oliva stanno superando uno dei raccolti più difficili degli ultimi tempi.

Le cattive condizioni atmosferiche e le gelate di fine marzo hanno causato molti danni ai fiori dell'olivo e alla successiva produzione. Per alcuni agricoltori anziani non si è mai verificato un raccolto così scarso dal 1990.- Mustafa Safa Soydan, produttore turco di olio d'oliva

Nel nostro sondaggio annuale, inviato a 4,487 produttori in 34 paesi, gli intervistati hanno assegnato al raccolto 2023 un punteggio complessivo di 51 su 100, il punteggio più basso dal 2018.

Agricoltori e mugnai sono rimasti molto delusi dalla loro resa, valutandola solo 46 su 100, ma hanno anche espresso il loro giudizio sulla qualità della loro produzione il punteggio più basso (72/100) dall'inizio dell'indagine.

Lo sconforto che circonda le rese ha sottolineato il calo ampiamente pubblicizzato della produzione globale di olio d'oliva, che dovrebbe scendere a 2.407 milioni di tonnellate nella campagna agricola 2023/24, seconda diminuzione consecutiva e il totale più basso dal 2013/14.

Elencati agricoltori e mugnai cambiamento climatico, la mancanza di conoscenza dei consumatori e le difficoltà della manodopera sono tra le loro maggiori preoccupazioni, che fanno eco ai fattori che hanno citato come aver maggiormente influenzato il raccolto, tra cui costi di produzione più elevati, temperature eccessive e siccità.

Il punteggio del raccolto 2023

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

I produttori ritengono che le parti interessate del settore dell'olio d'oliva dovrebbero concentrarsi sull'applicazione degli standard per ridurre le frodi, fare pressione sui governi per un maggiore sostegno specifico al settore e campagne di marketing globali per promuovere il consumo di olio d'oliva.

Il cambiamento climatico rimane la principale preoccupazione per i produttori

Ancora una volta, gli impatti del cambiamento climatico rimangono la sfida più significativa per i produttori, con poco più del 63% degli intervistati che la considerano una delle maggiori preoccupazioni.

"Il cambiamento climatico, in particolare la siccità, ci ha davvero colpito in questa stagione”, ha affermato Mehmet Taki Bata Tarim e Gida Urunleri nella Turchia occidentale. "La nostra produzione è diminuita del 65%”.

Gli impatti del cambiamento climatico sono stati particolarmente acuti nel bacino del Mediterraneo, responsabile di circa il 95% della produzione mondiale di olio d’oliva, con caldo senza precedenti ed tempo asciutto danneggiando gli oliveti nei momenti chiave dello sviluppo dell’olivo nell’Europa meridionale, nel Nord Africa e nel Medio Oriente negli ultimi due anni.

Dopo il cambiamento climatico, i produttori hanno citato la mancanza di conoscenza dell'olio d'oliva da parte dei consumatori come una delle loro maggiori sfide, con quasi il 49% degli intervistati che lo definisce uno dei ostacoli più significativi.

Le principali preoccupazioni

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

"I consumatori devono comprendere meglio la produzione di olio d'oliva e riconoscere l'eccellenza di determinati prodotti ", ha affermato Adriana Saldarriaga del Casale delle Mille Olive, con sede nel Lazio. "Altrimenti i piccoli produttori non sopravviveranno”.

Questo punto è particolarmente vero nei giovani mercati dell'olio d'oliva come il Brasile, dove i produttori locali hanno affermato che il prezzo è il criterio di acquisto numero uno dei consumatori, con molti acquirenti inconsapevoli delle differenze di qualità da un 'puro’ o 'light’ olio d’oliva rispetto ad un extra vergine.

"È molto difficile vendere olio d'oliva in Brasile poiché è un paese che attribuisce poco valore alla qualità olio extra vergine di oliva,” ha detto Flavio Fernandes di Azeit Pedregais nel Rio Grande do Sul.

Le difficoltà lavorative sono al terzo posto tra le preoccupazioni dei produttori, con il 40% degli agricoltori e dei mugnai che le elencano tra le loro maggiori preoccupazioni.

Gli agricoltori tradizionali hanno costantemente dovuto affrontare sfide nell’assumere abbastanza lavoratori per raccogliere i frutti in tempo, aggravate da richieste salariali più elevate.

pubblicità
pubblicità

"La raccolta è diventata incredibilmente costosa; loro [i raccoglitori a contratto] se ne vanno con la metà del nostro reddito”, ha detto un produttore nel sud della Francia.

"La carenza di manodopera è la nostra questione più impegnativa in questo momento”, ha aggiunto Julio Alves di Quinta dos Olmais a Trás-os-Montes, Portogallo.

Mentre il clima, la conoscenza dei consumatori e le difficoltà lavorative sono state di gran lunga le preoccupazioni più importanti citate dai produttori, gli alti prezzi di mercato (25%), le sfide delle esportazioni (23%), il calo dei consumi (19%), la concorrenza di mercato (15%) e le tariffe ( 7%) erano preoccupanti.

L’aumento dei costi e le condizioni meteorologiche estreme hanno ostacolato il raccolto di quest’anno

Alla domanda sugli eventi che hanno avuto un impatto più significativo sul raccolto del 2023, i produttori hanno indicato i costi di produzione, le condizioni meteorologiche estreme, i parassiti e la carenza di manodopera.

La metà degli intervistati ha detto alti costi di produzione stimolati dall’inflazione e le conseguenze del conflitto in Europa e nel Medio Oriente hanno influito sul loro raccolto.

"I prezzi dei fertilizzanti sono saliti alle stelle negli ultimi due anni, riducendo così le quantità utilizzate rispetto alle esigenze di produzione”, ha affermato Mohammed Bakkoury della Tierras de Marruecos con sede in Marocco.

Fattori che hanno maggiormente influenzato la vendemmia 2023

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

Secondo l'Associazione spagnola dei comuni olivicoli (Aemo), il costo di produzione di un chilogrammo di olio d'oliva è aumentato in modo significativo dal 2020, aumentando del 64% se adeguato all'inflazione.

Le autorità spagnole hanno affermato che i prezzi dei prodotti fitosanitari sono aumentati del 70% dal 2020. I prezzi dell’energia sono aumentati del 40% nello stesso periodo.

Agricoltori e mugnai in tutto il Mediterraneo affermano che i tassi di interesse più elevati hanno reso il servizio dei prestiti preesistenti e l’ottenimento di nuovi particolarmente difficile per i piccoli produttori.

Dopo l’aumento dei costi di produzione, il raccolto del 2023 è stato colpito da caldo eccessivo, siccità e maltempo nei momenti cruciali, consentendo l’emergere di parassiti e ostacolando le attività di raccolto.

Quasi il 43% dei produttori ha affermato che il caldo eccessivo ha influito negativamente sul loro raccolto, un aumento significativo rispetto al quasi 36% che ha affermato la stessa cosa nel caso Indagine vendemmia 2021.

Le temperature che hanno raggiunto i 30 e i 40 gradi in tutto il bacino del Mediterraneo a maggio hanno danneggiato gli ulivi mentre iniziavano a fiorire, impedendo a molti alberi di produrre frutti.

Con le temperature destinate a continuare ad aumentare nella regione, gli agricoltori sono alla ricerca di varietà più resistenti in grado di sopportare l'aumento delle temperature primaverili.

"È importante passare a nuove varietà in grado di far fronte ai cambiamenti climatici in corso ", ha affermato Eran Galili di Galili Olive Oil nel nord di Israele. "Varietà che possono fiorire in un'estate calda e sono pronte per un'estate calda. Ci vorranno alcuni anni per adattarci alla nuova situazione."

Dopo il caldo eccessivo, il 40% degli intervistati ha affermato che la siccità ha avuto un impatto sul raccolto di quest'anno, un aumento significativo rispetto al 33% degli intervistati che ha affermato lo stesso per il raccolto del 2021.

"Quest'anno, a causa dello stress idrico dovuto all'assenza di acqua a settembre, in particolare, al momento della raccolta, poche settimane dopo, le olive erano avvizzite e la resa era pessima", ha affermato Albert Cohen di Jaén. Tropicale, aggiungendo che gli servivano il triplo di olive per litro d'olio rispetto all'anno precedente.

Nonostante qualche tregua, la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti ha detto gran parte di ciò Il bacino del Mediterraneo rimane in una fase di siccità a causa delle temperature superiori alla media che accelerano l’evapotraspirazione delle piante e del precedente clima caldo e secco che riduce notevolmente il contenuto di umidità del suolo.

Galleria di immagini del raccolto 2023

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

Sebbene molte parti del bacino del Mediterraneo siano ancora in uno stato di siccità, diverse regioni hanno registrato precipitazioni significative, che hanno contribuito a ricostituire alcune fonti d’acqua e creato diversi problemi ai produttori.

"Nella mia regione [l'isola croata di Šipan] abbiamo avuto molta pioggia durante i mesi estivi, seguita da un caldo eccessivo. Ciò ha colpito gli ulivi ", ha detto Mato Goravica di Bonita. "Nei mesi di agosto e settembre si è verificata un'elevata infestazione di mosca di frutta d'oliva, causando molti danni alle olive.

Nel complesso, il 30% degli agricoltori e dei frantoiani ha affermato che le piogge eccessive hanno influenzato il loro raccolto quest'anno e il 33% ha affermato che la mosca delle olive, proliferando in climi caldi e umidi, ha avuto un impatto sul loro raccolto.

Insieme alla pioggia, anche le tempeste di grandine primaverili in alcune parti della Turchia hanno contribuito al drammatico calo della produzione del paese rispetto al suo paese raccolto record nel 2022/23.

"Le cattive condizioni meteorologiche e le gelate alla fine di marzo hanno causato molti danni ai fiori di ulivo e alla successiva produzione ", ha affermato il produttore turco di olio d'oliva Mustafa Safa Soydan. "Per alcuni agricoltori anziani, non si è mai verificato un raccolto così scarso dal 1990."

I prezzi elevati dell’olio d’oliva aiutano e ostacolano i produttori

Da quando è nato il Fondo monetario internazionale monitorare i prezzi globali dell’olio d’oliva nel 1990, non c'è mai stato un aumento dei prezzi più forte di quello registrato negli ultimi 12 mesi.

Tra novembre 2022 e novembre 2023, i prezzi globali, adeguati all’inflazione, sono aumentati di quasi il 65%, passando da 5,145 a 8,891 dollari per tonnellata.

Il 21% degli agricoltori e dei mugnai ha affermato che i prezzi più alti hanno avuto un impatto da positivo a molto positivo sulla loro attività, rispetto al 41% degli intervistati che ha affermato che avrebbe avuto un impatto negativo o molto negativo. Il restante -% ritiene che l’aumento dei prezzi non abbia avuto alcun impatto materiale.

Secondo le risposte al sondaggio, agricoltori e mugnai hanno opinioni contrastanti riguardo all’aumento dei prezzi: un campo afferma che ciò aiuta a compensare costi di produzione più elevati e rendimenti inferiori, mentre l’altro teme che i prezzi elevati incoraggiavano le frodi e adulterazione, nonché una maggiore sensibilità al prezzo i consumatori ad acquistare meno olio d’oliva o passare ad alternative più economiche.

Michail Athanasiou Sakellarios della Athanasios Sakellarios Farm ha affermato che i prezzi elevati potrebbero essere uno strumento utile per i produttori per educare i consumatori che danno per scontato l'olio d'oliva.

In che modo i prezzi elevati influiscono sul business

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

"In Grecia, l'olio d'oliva viene utilizzato ogni giorno per cucinare, quindi è un prodotto dato per scontato", ha affermato. "I consumatori erano abituati a prezzi al dettaglio molto bassi (da 4.5 a 6 euro al litro), mentre il produttore medio otteneva da 2.5 a 3.5 euro al chilogrammo”.

"In un'economia su piccola scala come il settore agricolo greco, molto fratturato, i prezzi pagati al produttore di solito non coprivano i costi di produzione", ha aggiunto Athanasiou Sakellarios. "Ora che quei prezzi sono triplicati, il produttore finalmente guadagna un po' di denaro e realizza un profitto, ma il consumatore medio ha difficoltà ad acquistare olio d'oliva per l'uso quotidiano.

Laurence Deprez-Zenezini, originario dell'Umbria cultura viva ha affermato che i prezzi elevati offrono ai produttori un'opportunità unica per informare il pubblico su ciò che serve per produrre olio extra vergine di oliva e perché si distingue.

"Esiste una grande opportunità legata all'educazione sulla produzione di olio d'oliva, sui benefici per la salute e sulla qualità ", ha affermato. "Senza questo, l'olio d'oliva rimane una merce e i consumatori si aspettano di pagare 10 euro al litro o meno. Questo è un problema."

Tuttavia, l’aumento dei tassi di interesse e i livelli storici di inflazione hanno indotto molti acquirenti a ridurre le spese discrezionali, compreso l’olio d’oliva.

"I consumatori si lamentano dei prezzi elevati e il risultato è che ordinano quantità inferiori al solito”, ha affermato Arianna De Marco cantasole in Puglia.

Taki di Bata Tarim ve Gida Urunleri, che ha subito una diminuzione del raccolto del 65% a causa della siccità, ha riassunto entrambi i lati della questione dei prezzi:

"I prezzi più alti stanno compensando parte delle nostre perdite”, ha affermato. "Tuttavia, temiamo i loro effetti negativi a lungo termine, come l’aumento delle frodi e la dissuasione dei consumatori dall’acquistare olio d’oliva. Ci auguriamo che i livelli di produzione e i prezzi si normalizzino il prima possibile”.

Il sostegno del governo nella lotta alle frodi indicato come una priorità assoluta

Mentre agricoltori e mugnai contemplavano i benefici e le sfide dei prezzi elevati, molti concordavano sul fatto che la priorità del settore dovrebbe essere quella di contenere alcune delle loro conseguenze.

Il -% degli intervistati ha affermato che l'applicazione degli standard per ridurre le frodi sul mercato dovrebbe essere una priorità per i produttori e le altre parti interessate.

"La riduzione delle frodi rappresenterebbe una risorsa enorme e aiuterebbe l'industria californiana a sopravvivere qui negli Stati Uniti", ha affermato Karen Tallent di I boschetti al 41.

Priorità per il settore

Mentre i prezzi elevati sono un fattore che incoraggia i truffatori ad agire, altri produttori temono che il calo della produzione di quest'anno si tradurrà in livelli crescenti di adulterazione per soddisfare la domanda di olio extra vergine di oliva.

"È con nostro disappunto che, a causa della carenza di produzione di olio extra vergine di oliva in tutto il mondo e soprattutto in Grecia, produttori e commercianti offrono intenzionalmente olio d'oliva di bassa qualità o miscelato e adulterato ", ha affermato Dimitris Katsanos di Alpha Pi nella Grecia nordorientale.

Oltre all’applicazione degli standard, il 50% dei produttori ritiene che il settore dovrebbe ricevere un maggiore sostegno da parte del governo.

"La riduzione dei costi di imballaggio e della burocrazia, come l'etichetta biologica e l'analisi ufficiale, specifica per le aziende agricole piccole o tradizionali alimentate con acqua piovana [dovrebbe essere una priorità]", ha affermato Marije Passos di Passeite in Portogallo.

Gian Luca Buscaglia di Umbria Tellus in Italia ha aggiunto che le autorità dovrebbero considerare "sussidi statali per le spese di spedizione; sussidi per i costi di trasformazione (mulini)” per aiutare a mantenere operativi i piccoli agricoltori nel difficile contesto macroeconomico.

Nel frattempo, Zeynep Belger di Zaito ritiene che i governi abbiano un ruolo nel promuovere le qualità organolettiche e il benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva.

"In qualità di produttore di olio extra vergine di oliva di fascia alta, la sfida principale è definire il mio prodotto come un alimento di alta qualità e non solo come una merce ", ha affermato Belger.

"L'informazione e l'educazione dei consumatori svolgeranno un ruolo", ha aggiunto. "I governi dovrebbero sostenere i produttori di olive che rispettano la sostenibilità poiché fa bene alle persone e al pianeta ".

I commenti di Belger si collegano alla necessità di una campagna promozionale mondiale per aumentare il consumo di olio d'oliva, che secondo il 45% degli intervistati deve essere una priorità per il settore.

"Il consumatore deve apprezzare la differenza tra olio d'oliva di alta qualità e olio d'oliva ", ha affermato Jeff Martin di Frantoio Grove, con sede in California.

Oltre a questi, ha detto il 32% dei produttori i programmi di crediti di carbonio dovrebbero premiare gli olivicoltori, mentre il 22% ha chiesto più programmi per attrarre lavoratori nelle regioni rurali.

Tra le tensioni commerciali degli ultimi cinque anni e i livelli storici di inflazione degli ultimi due, solo il 13% dei produttori ha chiesto riduzioni tariffarie e altre misure per ridurre i prezzi al dettaglio.

Ruolo crescente del turismo nel modello di business dell’olio d’oliva

La produzione di olio d'oliva è un'attività a basso margine e ogni modo per ridurre i costi o aumentare le entrate è necessario per preservare la situazione economica dei produttori tradizionali e di piccola scala.

Forse come risultato di alcuni calcoli, per non parlare della bellezza naturale di un uliveto, due terzi degli intervistati hanno affermato di accogliere i turisti nel loro frantoio, oliveto o struttura.

Servizi turistici offerti

Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto

Il 12% degli intervistati ha descritto l'importanza del turismo per la propria attività complessiva come da importante a estremamente importante, mentre il -% ha affermato che era estremamente importante.

Nel frattempo, oltre il 37% ha descritto il turismo come meno importante o poco importante per la propria attività. Circa il 18% lo ha descritto come piuttosto importante.

Per i produttori che accolgono i turisti, le degustazioni sono state l'attività più comune, con l'87% degli intervistati che offrono l'esperienza. Separatamente, il 61% offre visite guidate alla tenuta o al raccolto e quasi il 39% organizza corsi di formazione o seminari.

Approfittando del fatto che molti uliveti sono circondati da paesaggi meravigliosi, circa un quarto degli intervistati ha affermato di offrire i propri uliveti e le infrastrutture associate come sede di eventi e il 22% ha affermato di accogliere ospiti che pernottano.

Mentre il turismo offre l'opportunità di educare i consumatori sulla qualità dell'olio d'oliva e di convertire un consumatore curioso in un cliente per tutta la vita, i produttori affermano che la legislazione bizantina in alcuni luoghi deve mettersi al passo.

"Per essere un agriturismo [operatore in Umbria], devi avere almeno tre ettari e guadagni più alti in agricoltura che nel settore alberghiero”, ha detto un produttore.

"Non puoi offrire ai tuoi ospiti una vera esperienza o un assaggio della tua azienda agricola e del tuo lavoro se non puoi permetterti una cucina HACCP", ha aggiunto.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati