Nuove regole in Italia definiscono gli standard per gli operatori di oleoturismo

Il regolamento crea delle linee guida per gli operatori certificati a due anni dall'inclusione dell'oleturismo nel bilancio nazionale.

Febbraio 10, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Nuove opportunità per il turismo connesso olio extravergine d'oliva hanno fatto un passo avanti per gli olivicoltori e produttori italiani.

Il governo ha firmato nuove regole tecniche, che secondo i funzionari lo consentiranno oleotourism prosperare in tutta Italia.

Nuovi scenari molto interessanti si aprono per i territori e i produttori olivicoli.- David Granieri, Unaprol

Le regole vengono dopo inclusione dell'oleoturismo nel bilancio nazionale nel 2020 e gli incontri che sono seguiti tra le parti interessate, comprese le associazioni di agricoltori e produttori.

Il nuovo decreto stabilisce una serie di standard che i potenziali operatori dovrebbero soddisfare per diventare registrati sede di oleoturismo, compreso lo spazio per offrire degustazioni e la capacità di rispettare le normative di sicurezza e igienico-sanitarie.

Vedi anche:Centonze, un'azienda agricola lungimirante radicata nella storia della Sicilia

Gli obiettivi dichiarati delle nuove regole sono la promozione e la promozione dell'extravergine cultura dell'olio d'oliva e servire come una nuova fonte di reddito per i produttori che hanno dovuto affrontare anni difficili a causa di eventi meteorologici estremi, siccità e il Pandemia di covid-19.

Le regole mirano a stabilire standard professionali tra gli operatori turistici, ma servono anche a definire chi beneficerà dei nuovi fondi stanziati dalla legge di bilancio 2020.

pubblicità

Il termoprotettore fulcro del nuovo atto è specificamente sull'extravergine olive oil procondotte certificate dall'Unione Europea con a Denominazione d'origine protetta (DOP) o Indicazione geografica protetta (IGP).

Ai turisti verrà offerta la possibilità di conoscere la produzione e la degustazione dell'olio extravergine di oliva ed esperienze come la partecipazione alle attività di raccolta gestite da personale qualificato nelle aziende agricole.

Secondo le nuove regole, degustazioni e corsi possono prevedere piccole preparazioni alimentari. I produttori dovranno inoltre essere accessibili online utilizzando siti web dedicati scritti in italiano e almeno in un'altra lingua.

Alcuni produttori avevano chiesto l'introduzione di un logo di qualità per identificare e certificare solo le aziende agricole di oleoturismo autorizzate, che il Ministero del Turismo e il Ministero dell'Agricoltura intendono promuovere, ma i dettagli di tale campagna non sono stati forniti.

Le nuove regole sono state accolte con entusiasmo da molti nel settore.

"Celebriamo oggi una notizia che aspettavamo da tempo”, Michele Sonnessa, presidente della Città dell'Olio ha raccontato l'associazione, che coordina centinaia di comuni nei territori olivicoli Olive Oil Times.

Sonnessa ha aggiunto che i prossimi passi per l'attuazione dell'iniziativa spettano alle autorità regionali.

"A loro ora spetta il compito più rilevante, che è quello di adeguare le normative locali alle linee guida fissate dal decreto sui requisiti e gli standard di qualità per le nuove attività di oleoturismo”, ha affermato.

"Per l'extravergine olive oil producenti, questo significa la possibilità di ricevere una formazione dedicata e creare un'offerta sempre più qualificata di cibo ed esperienze”, ha aggiunto Sonnessa.

Insieme ad altre importanti associazioni contadine, come Unaprol e Coldiretti, Città dell'Olio ha appena concluso la rassegna nazionale concorso di turismo dell'olio d'oliva, che anche il Ministero delle Politiche Agricole aveva promosso per mettere in luce i migliori progetti attualmente in campo.

"È un piccolo passo avanti, a cui seguiranno in primavera altre iniziative come Merenda nell'Oliveta, o il prossimo autunno Passeggiata degli ulivi, una serie di attività per promuovere la ricca diversità e le opportunità del mondo dell'olio d'oliva ", ha affermato Sonnessa.

Tra i vincitori dei concorsi di quest'anno c'era Alessandro Gilotti, titolare dell'azienda agricola Passo Palomba, per la sua esperienza denominata Tutorial.

"È mirato al background specifico di coloro che vengono nella nostra azienda olivicola ", ha detto Olive Oil Times. "Il primo passo avviene all'aperto tra gli ulivi, dove i turisti entrano in contatto con le caratteristiche degli alberi, le loro potature, le loro cultivar”.

"Il fatto che centinaia di diverse varietà di olivo siano state coltivate da agricoltori ovunque è sempre così interessante per i nostri visitatori ", ha aggiunto Gilotti, osservando come gli oleoturisti accolgono con favore l'ampia varietà di esperienze.

"Dopo il primo contatto con i nostri alberi, li porto nel nostro piccolo museo dove ammirano un antico palmento, datato nei primi anni del 18th Secolo", ha continuato. "Mostro loro un decanter del 1640, una pietra scavata dove veniva versata la pasta di olive. E posso raccontare loro l'antica storia dell'olivo. Infine, mostro loro antichi vasi usati per il commercio dell'olio d'oliva nel Mediterraneo.

L'esperienza potrebbe approfondire con discussioni di chimica e biochimica. Viene data una particolare attenzione polifenoli e antiossidanti e come si accumulano nelle drupe di oliva durante la maturazione.

"Arriviamo anche alle discussioni sui contenitori e su come erano in passato e su come vengono prodotti oggi, quando una determinata cultivar dovrebbe essere raccolta e così via", ha aggiunto Gilotti.

Gilotti è convinto che l'esperienza possa essere particolarmente arricchente per i bambini, permettendo loro di imparare come l'olio extravergine di oliva possa avere un ruolo nella loro salute man mano che crescono.

"Giochiamo con loro", ha detto Gilotti. "Uno di questi è un castello con una principessa. L'olio extravergine di oliva rappresenta la principessa, e il castello è rappresentato da una bottiglia. Il ponte levatoio è il suo sughero».

"In quello scenario, i soldati sono i polifenoli che devono proteggere la principessa da tre mostri chiamati luce, alte temperature e ossigeno, i tre nemici degli oli extra vergini di oliva di alta qualità ", ha aggiunto. "Così imparano che più soldati ci sono, più la principessa è protetta".

Vedi anche:Luoghi del turismo dell'olio d'oliva

Attraverso le degustazioni, Gilotti ha affermato che molti scoprono per la prima volta la differenza tra olio d'oliva di qualità inferiore e oli extra vergine di oliva di qualità veramente alta.

"All'inizio, ho lasciato che annusasse aromi diversi, come quelli di pezzi di mele, erba falciata di recente, pomodori o altri profumi di olio extra vergine di oliva ", ha detto. "Poi sentono l'odore dell'olio d'oliva rancido, o dell'olio con difetti tipici, ed è allora che qualcuno si avvicina dicendo che l'odore gli ricorda l'olio d'oliva che stanno attualmente usando a casa. "

"Da lì, posso insegnare loro come leggere correttamente un'etichetta, che tipo di informazioni ci sono e dico loro la differenza tra tipi di olio d'oliva e qualità", ha aggiunto Gilotti.

Gilotti ha detto che i turisti descrivono l'esperienza del Tutorial come un "eye-opener” sull'olio d'oliva.

"Si conclude con la degustazione dei nostri monovarietali di alta gamma, discussioni su quale tipo di olio extravergine di oliva è più adatto per ricette specifiche e una breve visita al nostro moderno frantoio ", ha concluso. "Dopodiché, molti di loro acquistano i nostri oli extravergini di oliva".

Secondo David Granieri, presidente di Unaprol, l'oleoturismo apre la strada a una nuova era per gli oli extra vergini di oliva italiani.

"Nuovi scenari molto interessanti si stanno aprendo per i territori e i produttori olivicoli ", ha affermato. "Possiamo dare valore a questo straordinario prodotto raggiungendo direttamente i consumatori raccontando storie, legami, emozioni dei produttori e dei territori di produzione”.

Il presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Filippo Gallinella, ha aggiunto in un comunicato che queste regole aiutano a sostenere i paesi una miriade di piccoli agricoltori e produttori che non possono sempre "garantire un reddito sufficiente”.

"Produciamo metà dell'olio d'oliva che consumiamo, con esportazioni rilevanti, ma abbiamo piccole fattorie e molti frantoi sparsi per il territorio", ha affermato. "Se iniziamo a lavorare su politiche di marketing non incentrate sullo scaffale ma incentrate sul consumatore, dragando i consumatori nella storia, nel gusto e nell'ampia biodiversità dei nostri oli d'oliva, allora potremo garantire un reddito dignitoso anche a chi ha appena un ettaro”.

"Questa è la grande sfida per dare valore al lavoro del contadino, custode del proprio territorio”, ha concluso Gallinella.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti