L'Italia investe 3 miliardi di euro per convertire un quarto di terreno agricolo in biologico entro il 2027

L'annuncio è arrivato dopo che uno studio ha stabilito che l'agricoltura biologica può ridurre i costi di produzione per gli agricoltori.
Giu. 17, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Una nuova studio sulle strategie sostenibili per arginare la diffusione di parassiti e malattie in Italia ha dimostrato che gli allevamenti di ortaggi biologici possono ridurre i trattamenti fitosanitari del 40 per cento rispetto agli allevamenti convenzionali.

Lo studio OrtoAmbiente, finanziato dalla regione Emilia-Romagna del nord Italia, ha misurato l'impatto benefico di un approccio biologico integrato alla difesa delle colture negli ultimi tre anni.

Non possiamo sperare di continuare a produrre rese elevate e prodotti di alta qualità se la fertilità del suolo continua a diminuire.- Matteo Mancini, coordinatore tecnico, Deafal

I ricercatori dell'Università di Bologna hanno dimostrato che l'applicazione delle migliori pratiche, come la promozione della biodiversità, può ridurre significativamente l'uso di sostanze chimiche e costi di produzione.

I risultati dello studio confermano la strategia del governo italiano e delle associazioni locali di agricoltori di convertire più terreni all'agricoltura biologica.

Vedi anche:Studiare le reazioni delle piante ai fattori di stress ambientale chiave per un'agricoltura sostenibile

Il governo italiano prevede di convertire il 25 per cento dei terreni agricoli del Paese all'agricoltura biologica entro il 2027, un enorme sforzo alimentato da oltre 3 miliardi di euro dal piano strategico nazionale per implementare il Politica agricola comune (CAP), il piano di recupero e resilienza e il recentemente approvato legge sull'agricoltura biologica.

Ulteriori incentivi nei prossimi anni potrebbero provenire anche da altri fondi della PAC. Sotto il suo Strategia dalla fattoria alla tavola, l'Unione Europea prevede di convertirsi 25 per cento di tutti i terreni agricoli alle pratiche biologiche entro il 2030.

pubblicità

"L'agricoltura biologica è la risorsa strategica di cui abbiamo bisogno”, ha affermato il ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli durante una presentazione a Roma dedicata alla strategia di espansione biologica.

Secondo il ministero, l'Europa produce cibo a sufficienza per essere autosufficiente. I prezzi alle stelle per molte materie prime agricole sono principalmente dovuti alla speculazione alimentata dalle incertezze legate all'invasione russa dell'Ucraina.

Altrove, come in Africa, il ministero ha riconosciuto una preoccupazione e crisi alimentare incombente che è destinato a peggiorare presto.

Patuanelli ha descritto la nuova legge ei fondi come motori per a "transizione verde” destinata a migliorare le pratiche agricole, la qualità degli alimenti e promuovere il Made in Italy sui mercati esteri.

Nello stesso evento, le principali associazioni italiane di agricoltura biologica hanno presentato un biodecalogo di azioni che dovrebbero garantire che gli agricoltori siano premiati per la conversione al biologico e che i consumatori possano accedere al cibo biologico a parità di prezzo.

Tali azioni includono benefici fiscali per le aziende agricole conformi al piano, misure per promuovere l'agricoltura biologica nelle aree meno sviluppate e sostegno per aziende agricole che promuovono la biodiversità integrando attività agricole, zootecniche e forestali.

Le associazioni hanno anche chiesto una più stretta collaborazione con i ristoranti, campagne di comunicazione per informare i consumatori sull'agricoltura biologica, nuovi strumenti di tracciabilità, burocrazia semplificata e agricoltura biologica obbligatoria nelle aree naturali.

"Uno dei maggiori ostacoli in ogni strategia di trasformazione dell'agricoltura italiana è il età dell'agricoltore medio”, ha raccontato Matteo Mancini, agronomo e coordinatore tecnico per l'agricoltura biologica e rigenerativa dell'organizzazione non governativa Deafal Olive Oil Times.

"In molti settori, compresa l'olivicoltura, la maggior parte degli agricoltori ha un'età compresa tra 60 e 75 anni", ha aggiunto. "Nelle nostre classi e nella nostra esperienza, quel tipo di agricoltore è raramente interessato a mettersi al passo con un nuovo approccio all'agricoltura".

Nello scenario attuale, in cui il mercato è in rapida evoluzione, e il impatti del cambiamento climatico sono amplificati, l'innovazione e la tecnologia diventano essenziali ma spesso sono fuori dalla portata degli agricoltori più anziani.

Mancini ha affermato che l'azienda agricola media italiana è solitamente inferiore a 11 ettari, qualificando quelle aziende come piccoli operatori agricoli.

"Il più delle volte, un'azienda di questo tipo non può adottare programmi innovativi né supportare una formazione speciale per il proprio personale", ha affermato.

Che si tratti di agricoltura biologica o di un approccio rigenerativo più innovativo all'agricoltura e al suolo, è necessario un ricambio generazionale.

"Viviamo in un paese che condivide con molti altri un processo di desertificazione in corso”, ha detto Mancini. "Abbiamo perso molti punti di carbonio organico nel suolo e questo ha potenziato i processi di desertificazione, che ora interessano tra un terzo e un quarto del nostro Paese”.

Mentre alcuni dei nuovi fondi saranno destinati alla ricerca sui metodi di agricoltura biologica e alla creazione di incentivi per gli agricoltori, Mancini ha sottolineato la necessità di un approccio più completo incentrato sulla salute del suolo.

"Non possiamo sperare di continuare a produrre rese elevate e prodotti di alta qualità se la fertilità del suolo continua a diminuire”, ha affermato.

"Le risorse naturali sono limitate e dobbiamo vivere nel modo più sostenibile”, ha affermato durante la presentazione a Roma Maria Grazia Mammuccini, presidente dell'associazione dei produttori di alimenti biologici FederBio.

Mammuccini lo ha avvertito "il giorno di overshoot nel 2022, preoccupantemente, è stato collocato a maggio”. L'Earth Overshoot Day, creato dal Global Footprint Network, stabilisce il giorno di un dato anno in cui la domanda di risorse naturali da parte dell'umanità supera quella che la Terra può rigenerare in quello stesso anno.

"Questo indicatore sta lanciando evidenti segnali di avvertimento: abbiamo solo una Terra e dobbiamo rispettarla", ha aggiunto.

Secondo Mammuccini, "l'agricoltura biologica è un sistema produttivo che difende la fertilità del suolo, favorisce la biodiversità e la salute dell'habitat e delle persone”.

"Contribuisce anche a combattere il cambiamento climatico e stimola l'economia circolare, [che è necessaria] per garantire un futuro alle generazioni più giovani", ha aggiunto.

La nuova legge italiana e la presentazione del biodecalogo hanno alimentato il dibattito sull'agricoltura biologica che è stato innescato nelle ultime settimane dal CEO di Syngenta Erik Fyrwald, che ha chiesto al mondo di abbandonare l'agricoltura biologica.

Secondo Fyrwald, a capo di uno dei maggiori produttori mondiali di prodotti chimici per l'agricoltura, i raccolti dell'agricoltura biologica sono significativamente inferiori a quelli provenienti dall'agricoltura convenzionale. Ha anche sottolineato quanto sia rilevante editing genomico e una tecnologia simile potrebbe essere nel miglioramento della produzione alimentare nei paesi più ricchi.

"Quell'opinione non dovrebbe sorprendere", ha detto Mancini. "Quello che abbiamo imparato sul campo è che non esiste una bacchetta magica. Se una soluzione è là fuori, viene da vari approcci all'agricoltura. Di sicuro, la produzione alimentare industriale dovrebbe puntare sulla sostenibilità”.

"Rispetto all'agricoltura convenzionale, l'agricoltura biologica potrebbe vedere rese ridotte tra il 10 e il 30 percento, a seconda del settore", ha aggiunto. "Ecco perché dobbiamo anche concentrarci su approcci agronomici e tecnici più innovativi, come lavorare con il ripristino del suolo, la riproduzione di microrganismi, i bio-potenziatori ottenuti dagli scarti di produzione e lavorare per migliorare il reddito degli agricoltori e ridurre i loro costi. "

Tornato a Roma, Patuanelli ha affermato che i recenti dati sulle esportazioni indicano la domanda di prodotti biologici e prodotti in modo sostenibile, che secondo lui dovrebbero galvanizzare il settore.

"Il nostro boom delle esportazioni alimentari registrato lo scorso anno, con un fatturato record di 52 miliardi di euro, ci dice che l'agroalimentare italiano può raggiungere mercati di alto valore", ha affermato. "Non dobbiamo pensare che la scelta di oggi sia tra produzioni economicamente sostenibili e rispettose dell'ambiente».

"Questa è una scelta impossibile perché ognuno di questi due tipi di sostenibilità, con il loro impatto sociale, non può esistere senza l'altro", ha concluso Patuanelli. "Non possiamo permettercelo”.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti