Il Parlamento Europeo approva la strategia Farm to Fork

Tra i principali inquilini del piano ci sono il benessere degli animali, la riduzione delle emissioni e l'etichettatura nutrizionale nella parte anteriore della confezione. Toccherà ora alla Commissione Europea proporre la normativa formale.

Novembre 8, 2021
di Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il mese scorso, il Parlamento europeo ha votato per adottare il Strategia Farm to Fork, aprendo la strada a un sistema alimentare più sano e sostenibile nell'Unione europea.

La proposta di Anja Hazekamp, ​​deputata al Parlamento europeo (MEP) del partito Sinistra unitaria europea – Sinistra verde nordica e relatrice per la commissione per l'ambiente, la salute pubblica e la sicurezza alimentare, è stata sostenuta da 452 eurodeputati. Nel frattempo, 170 hanno votato contro e 76 si sono astenuti.

La produzione intensiva di carne e le monocolture su larga scala rappresentano attualmente un onere troppo grande per l'uomo e gli animali. A tal fine è necessario fissare obiettivi chiari e misurabili.- Anja Hazekamp, ​​eurodeputata olandese

Spetterà ora alla Commissione europea proporre la strategia come normativa formale. Fatto ciò, il Parlamento Europeo e il Consiglio dell'Unione Europea voteranno per ratificarlo.

Vedi anche:La maggior parte della spesa agricola fa più male che bene, sostiene il rapporto delle Nazioni Unite

"I nostri agricoltori stanno già facendo un ottimo lavoro, quindi quando chiediamo loro giustamente di ridurre ulteriormente la loro uso di pesticidi, fertilizzanti e antibiotici, dobbiamo sostenerli in modo che la produzione non si sposti solo al di fuori dell'UE", ha affermato Herbert Dorfmann, relatore della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale.

"Garantire la disponibilità di cibo a prezzi ragionevoli deve continuare a essere una priorità", ha aggiunto.

pubblicità

L'approvazione da parte dell'UE della strategia Farm to Fork è arrivata sulla scia di un'intensa attività di lobbying da entrambe le parti della questione. I gruppi ambientalisti hanno sostenuto a gran voce la strategia, mentre l'associazione degli agricoltori dell'UE, COPA-COGECA, ha fatto disperati tentativi per convincere i deputati a rifiutarla.

Durante la delibera e dopo l'approvazione della strategia, i legislatori hanno sottolineato la necessità di avere un sistema di approvvigionamento alimentare sostenibile che coinvolga tutti, dall'agricoltore al consumatore.

Per salvaguardare la capacità degli agricoltori di guadagnare una quota equa del denaro ricavato dai loro prodotti, i deputati hanno proposto alla Commissione europea di lavorare per rafforzare il loro ruolo all'interno della catena di approvvigionamento.

Tra i principali inquilini della strategia vi sono il benessere degli animali, riduzione delle emissioni e etichettatura nutrizionale sulla parte anteriore della confezione (FOPL).

I legislatori hanno concordato di stabilire indicatori di benessere degli animali completi, armonizzati e basati sulla scienza nell'UE. Questi includono la necessità di porre fine all'uso delle gabbie nell'allevamento degli animali. Saranno vietati anche i prodotti animali provenienti da paesi terzi che non soddisfano tali requisiti.

Gli eurodeputati hanno anche chiesto un'ambiziosa riduzione delle emissioni durante la produzione alimentare abbinata al sostegno a soluzioni basate sulla natura e agroforestale.

I deputati hanno inoltre suggerito di utilizzare un'UFPL semplificata per assistere i consumatori in scegliere cibi più sani. Inoltre, l'UE vuole che tali etichette siano rese obbligatorie con qualsiasi esenzione che richieda prove scientifiche.

Tuttavia, i deputati in precedenza hanno votato a favore cibi con un solo ingrediente esenti ad aprile dall'UFPL.

Thomas Haahr, addetto stampa del Parlamento europeo, ha detto Olive Oil Times che l'intera portata dell'UFPL paneuropeo rimane poco chiara e dovrebbe essere discussa nella fase legislativa del processo al Parlamento europeo.

Tuttavia, i sostenitori della strategia Farm to Fork hanno affermato che si stavano muovendo nella giusta direzione.

"Il nostro sistema alimentare deve essere riformato per funzionare all'interno della capacità di carico della nostra Terra", ha affermato Hazekamp. "Produzione intensiva di carne e le monocolture su larga scala sono attualmente un onere troppo grande per l'uomo e gli animali. Per questo bisogna fissare obiettivi chiari e misurabili”.

"La responsabilità per un'agricoltura più sostenibile deve essere uno sforzo congiunto di agricoltori e consumatori", ha concluso Dorfmann.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti