Pazienza e rendimento dell'investimento Olio d'oliva premiato dei Colli di Verona

La famiglia Cordioli continua a superare le sfide climatiche per produrre i propri oli extravergine di oliva in una delle regioni olivicole più settentrionali del mondo.

Marogne abbandonate prima del loro restauro (Foto: Cordioli)
Di Paolo DeAndreis
Maggio. 30, 2023 15:01 UTC
407
Marogne abbandonate prima del loro restauro (Foto: Cordioli)

Il corso Famiglia Cordioli, produttori di olio d'oliva vicino a Verona, Italia, ha vinto un Gold Award Al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition. Era la terza volta che i loro oli extra vergine di oliva si assicuravano il premio più ambito del settore.

Coltivare le olive è un lavoro da pazzi. È spiritualmente soddisfacente, ma è un lavoro molto duro, ancora più difficile quando ci sono eventi meteorologici drammatici.- Ceil Friedman, comproprietario, Cordioli

"Siamo molto contenti del premio, in quanto riconosce tutta la passione e il lavoro che noi piccoli produttori dedichiamo all'olivicoltura tutto l'anno ", ha dichiarato il comproprietario Ceil Friedman Olive Oil Times.

Gli ulivi di Cordioli affrontano le difficili condizioni climatiche del Veneto settentrionale, dove gli ulivi danno meno frutti rispetto alle regioni centrali e meridionali dell'Italia. "Non abbiamo mai cercato la quantità, quindi abbiamo dedicato tutti i nostri sforzi alla qualità", ha affermato Friedman.

Vedi anche:Profili del produttore

"Oltre al lavoro nei boschi, dipendi da alcuni elementi che puoi controllare e da molti altri che non puoi controllare affatto, come il clima", ha detto Friedman. "È un lavoro paziente di impegno economico e, ovviamente, di tempo”, ha aggiunto.

Un tempo il Veneto era considerato la regione più settentrionale del mondo per la coltivazione degli ulivi, con la posizione unica che aggiungeva sapori distintivi e sorprendenti all'olio d'oliva prodotto localmente.

L'ampia variazione nella regione di produzione relativamente piccola, dove sono piantati circa 5,000 ettari di ulivi, è stata riconosciuta con quattro Denominazione d'origine protetta certificazioni stabilite dall'Unione Europea.

Gli alberi di Cordioli popolano tre lotti distinti, ciascuno con cultivar specifiche, alcune delle quali prosperano da secoli sulle colline veronesi, tra cui le varietà Grignano e Favarol. Da ogni lotto l'azienda produce una miscela diversa.

L'uvaggio vincente di quest'anno è Campo delle Marogne, un olio extra vergine di oliva che prende il nome dai muretti a secco conosciuti come margne, caratteristica tipica del paesaggio locale. Le mura delimitano i terrazzamenti dei terreni agricoli, noti come campo.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-europa-pazienza-e-investimento-resa-olio-premiato-delle-colline-veronesi-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Il comproprietario Erminio Cordioli ha restaurato le marogne nei terrazzamenti dell'azienda.

I muri a secco proteggere il suolo dall'erosione causato dall'acqua piovana, e il margne le pietre sono state una parte cruciale dell'agricoltura locale per centinaia di anni, fornendo e mantenendo terreno fertile attraverso le generazioni.

Le radici degli ulivi contribuiscono alla stabilità dei terrazzamenti. "Fin dall'inizio mio marito, che lavora nell'edilizia, si è dedicato al restauro del margne nel nostro frutteto, poiché non solo proteggono il suolo dall'erosione dell'acqua piovana, ma sono anche un pezzo essenziale della storia della zona", ha affermato Friedman.

"Abbiamo restaurato 11 alla grande margne mura», ha aggiunto. "Alcuni di loro sono muri davvero grandi. È stato un intervento molto grande nel boschetto. È stato anche un impegno economico molto rilevante per noi”.

La superficie di Campo delle Marogne supera di poco l'ettaro, ospita circa 1 piante di ulivo; alcuni sono stati piantati più di 200 anni fa.

Friedman e suo marito Erminio Cordioli hanno iniziato a prendersi cura degli ulivi con un approccio professionale alcuni decenni fa, quando suo suocero è venuto a mancare, lasciando un uliveto che hanno chiamato Campo Storico con circa 300 alberi di ulivo.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-europa-pazienza-e-investimento-resa-olio-premiato-delle-colline-veronesi-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Erminio Cordioli e Cecil Friedmann

"Questa nostra scelta, la produzione di olio d'oliva, era piuttosto insolita in una zona ben nota per i suoi vini, come la Valpolicella ", ha affermato Friedman. "Il vino tende a produrre più profitti, motivo per cui i precedenti proprietari ci hanno venduto un loro piccolo uliveto qualche anno fa.

"Erano più interessati ai grandi vigneti che gestiscono", ha aggiunto. "Se si guarda all'economia della zona, solo pochi si concentrerebbero sulla produzione di olio d'oliva.

Ai frutteti di famiglia si è aggiunto nel tempo Campo delle Marogne, con una terza area dove sono stati piantati più di 180 nuovi ulivi di diverse varietà, tra cui Itrana.

pubblicità
pubblicità

Per la prima volta quest'anno, Cordioli ha realizzato un olio d'oliva Itrana, il suo marchio Grand Cru Augusto, dal nome del padre di Erminio, a cui è dedicato.

"È stata solo una piccola produzione, non più di 100 bottiglie, ma contiamo di farla ogni anno per celebrare la memoria di Augusto”, ha detto. "Itrana è una cultivar così straordinaria.”

"Riteniamo che il proprietario originario di Campo delle Marogne fosse un ricco agricoltore del suo tempo e avesse i mezzi per creare un frutteto speciale", ha aggiunto Friedman. "Mentre a Campo Storico abbiamo solo cultivar locali, Campo delle Marogne ospita anche ulivi di diverse regioni, come il Frantoio e qualche Moraiolo. C'è anche la Coratina e un po' di Grignano».

Secondo il produttore, un frutteto ben gestito nella zona non necessita di prodotti chimici. "Anche se non siamo ancora certificati come biologici, questo è il nostro approccio alla produzione di olio d'oliva, per il benessere della nostra famiglia e dei nostri clienti ", ha affermato.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-europa-pazienza-e-investimento-resa-olio-premiato-delle-colline-veronesi-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Oltre a ripristinare le caratteristiche storiche, Cordioli segue rigorosamente le pratiche organistiche.

Campo delle Marogne è anche un frutteto pluviale. "Dato il clima difficile dell'ultima stagione, abbiamo fornito agli alberi un po' di irrigazione di emergenza", ha affermato Friedman, sottolineando come un attento approccio quotidiano sia essenziale per ottenere la massima qualità.

Nelle ultime 14 vendemmie, Cordioli si è affidata ad un esperto agronomo. "Ogni giorno assaggia il nuovo olio d'oliva prodotto. In questo modo, può suggerire al frantoiano alcuni accorgimenti che potrebbero essere applicati nel frantoio durante l'estrazione per raggiungere la massima qualità ", ha affermato.

Friedman, anche un assaggiatore certificato di olio d'oliva, ha notato come questo dialogo continuo con l'agronomo consenta all'azienda agricola di creare le proprie miscele con il profilo e il carattere che intendono raggiungere anno dopo anno. "L'olio d'oliva viene quindi immagazzinato in serbatoi di acciaio riempiti di argon e l'imbottigliamento avviene solo in piccoli lotti quando necessario ", ha affermato.

Oltre alle vendite a negozi e ristoranti locali, l'olio d'oliva Cordioli è distribuito da un paio di negozi negli Stati Uniti, dove Cordioli vende anche direttamente.

Secondo Friedman, una tendenza più recente ha visto clienti provenienti da paesi del nord Europa, come Norvegia, Germania, Austria e Francia.

"A volte si ha la sensazione che all'estero ci sia ancora più apprezzamento per prodotti di così alta qualità rispetto a qui, anche se qui abbiamo dei clienti molto affezionati che capiscono perfettamente l'alta qualità", ha detto.

"Il 2022 è stato un anno molto speciale, ricco di premi e riconoscimenti per il nostro lavoro", ha aggiunto Friedman.

Nel 2020 l'azienda ha prodotto più di 2,000 litri di olio d'oliva, e l'anno scorso ne sono stati prodotti 1,500. Tuttavia, nel 2021, non è stato quasi prodotto olio d'oliva a causa di una forte grandinata e venti potenti.

"Possiamo solo sperare che ogni stagione sia come il 2022, ma ovviamente gran parte di questo è sulle spalle di Madre Natura", ha detto Friedman. "Il clima sta cambiando enormemente nel corso degli anni, quindi ogni anno è un'avventura diversa".

"Sono sicuro di non essere l'unico a dire che coltivare olive è un lavoro per pazzi ", ha aggiunto. "È spiritualmente soddisfacente, ma è un lavoro molto duro, ancora più duro quando ci sono eventi meteorologici drammatici.

"Tali impatti ci influenzano così tanto", ha concluso Friedman. "È così straziante vedere come tutto il tuo lavoro cade a terra sotto l'impatto di un nuovo evento meteorologico estremo”.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati