L'Italia investirà 3 miliardi di euro nel settore dell'olio d'oliva per aumentare la produzione e la qualità

I fondi proverranno da una combinazione di schemi nazionali ed europei per contribuire a migliorare le infrastrutture, la tecnologia e la conoscenza.
Può. 3, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Fondi significativi raggiungeranno il settore olivicolo italiano nei prossimi anni da diverse fonti, pari a circa € 3,000 per ciascuno dei un milione di ettari dedicati all'olivicoltura nel paese.

Tali fondi proverranno dal Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (RRP) approvato dall'Unione Europea, il nuova politica agricola comune (PAC) e la nuova Organizzazione comune dei mercati (OCM).

Serve un intervento di rottamazione e ricostruzione per consentire una riorganizzazione del settore molitorio che oggi necessita e deve utilizzare le migliori tecnologie disponibili.- Stefano Caroli, presidente AIFO

I nuovi fondi sono destinati a aumentare i volumi e la qualità di italiano olive oil produzione, che ha visto la sua i rendimenti medi scendono notevolmente col tempo.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, l'Italia ha visto le sue rese di olio d'oliva diminuire del 15-20 percento nell'ultimo decennio rispetto al precedente, con cifre in peggioramento negli ultimi tre o quattro anni.

Vedi anche:Costi di produzione in forte aumento in Italia

Inoltre, gli anni di allevamento alternati mostrano un calo medio ancora più pronunciato rispetto ai decenni precedenti.

Secondo le principali associazioni di olivicoltori, olive oil proproduttori e mugnai, il settore ha un disperato bisogno dei fondi della PAC.

pubblicità

Tuttavia, sostengono che l'invasione russa dell'Ucraina ha cambiato radicalmente le prospettive del settore agricolo e dovrebbe essere presa in considerazione dal piano agricolo paneuropeo prima che entri in vigore nel 2023.

"Abbiamo bisogno di un approccio diverso perché le condizioni geopolitiche sono cambiate", ha affermato Giuliano Martino, direttore dell'Organizzazione interprofessionale olivicola italiana. "Occorre ridefinire le politiche approvate solo poche settimane fa”.

"Non dobbiamo abbandonare la nostra ricerca della qualità, ma abbiamo bisogno di un migliore coordinamento tra gli attori della filiera per affrontare le sfide di una nuova globalizzazione", ha aggiunto.

Nicola Di Nola, direttore di Unaprol, l'associazione italiana di olive oil proriduttori, ha detto, "abbiamo bisogno di un passo avanti cultura dell'olio d'oliva”, creando di nuovo olive oil proesperti di filiera.

Una tale cultura aumenterebbe "coscienza del consumatore su olio extravergine d'oliva uso, che può interessare i grandi supermercati e portarli a dare la giusta dignità a questo prodotto, liberandosi delle offerte economiche sottocosto”, ha aggiunto.

La recente 30 milioni di euro di investimento nell'ammodernamento e recupero degli uliveti approvato da Roma è stato accolto dall'industria.

Tuttavia, lo ha detto Bruno Armillas, un collega regista di Unaprol "è una goccia nell'oceano, che aumenta la resa potenziale di circa 10,000 tonnellate, ma avremmo bisogno che si ripetesse nel tempo per avere un vero impatto sul settore".

"Segnaliamo solo che la Spagna ha investito 10 volte di più e ora ha una produzione di 1.5 milioni di tonnellate", ha aggiunto.

L'obiettivo principale della rinnovata attenzione del governo sul miglioramento delle rese di olio d'oliva sono i frantoi del paese, che erano concesso 100 milioni di euro per aggiornare le proprie infrastrutture e attrezzature. Tuttavia, l'associazione dei frantoi dell'olio d'oliva, AIFO, ha affermato che è necessario un nuovo approccio.

"Non vogliamo né dobbiamo seguire il modello spagnolo, ma il nostro 5,000 frantoi non sono competitivi più”, ha affermato Stefano Caroli, presidente dell'AIFO. "Serve un intervento di rottamazione e ricostruzione per consentire una riorganizzazione del settore molitorio che oggi ha bisogno e deve utilizzare il migliori tecnologie disponibili. "

"Per questo chiediamo che i fondi non siano destinati alla creazione di piccoli impianti a livello aziendale, ma utilizzati per finanziare più ristrutturazioni strutturali, con un grande impatto sull'intera filiera", ha aggiunto.

Luigi Caricato, un esperto di olio d'oliva italiano e organizzatore di convegni sull'olivicoltura, ha raccontato a IlSole24Ore come l'Italia "ha sempre avuto alti e bassi, con stagioni a volte molto negative, ma ci sono le condizioni per una forte ripresa a medio e lungo termine”.

Caricato ha aggiunto come consumo di olio d'oliva si sta espandendo in tutto il mondo, ben oltre i confini dell'Europa meridionale o del Nord Africa.

"Parliamo ora di un cibo interetnico che ha varcato ogni confine; esso ha penetrò in Cina, Giappone e l'India", ha detto. "Se il consumatore italiano è sempre concentrato sul prezzo, l'olio d'oliva è percepito come un prodotto di pregio che può giustificare un prezzo più alto all'estero".

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il consumo globale di olio d'oliva è lento ma costantemente aumentato, passando dai 3.061 milioni di tonnellate della campagna 2010/11 ai 3.214 milioni di tonnellate stimati nel 2021/22.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti