Spese in rialzo per i produttori di varietà dell'Europa meridionale

I produttori di olio d'oliva in Spagna, Italia e Grecia sono alle prese con sfide che minacciano la sostenibilità del settore.
Di Paolo DeAndreis
5 dicembre 2023 15:01 UTC

L’aumento dei costi di produzione sta mettendo a dura prova il settore dell’olio d’oliva nell’Europa meridionale nel mezzo di un secondo raccolto scarso consecutivo per i paesi del bacino del Mediterraneo.

Un recente sondaggio ha mostrato che i costi di produzione dell'olio d'oliva sono raddoppiati in Spagna tra il 2020 e il 2023. La situazione non è molto migliore in Italia, Grecia e oltre.

"L'olivicoltura ha dovuto affrontare sfide e condizioni difficili negli ultimi due anni a livello globale ", ha detto Stella Theodosiou, vicedirettrice di Sevitel, l'associazione degli imbottigliatori di olio d'oliva greci Olive Oil Times. "Queste sfide sono state trasferite a tutti i nodi della catena produttiva”.

Vedi anche:Crollo delle vendite di olio d'oliva in Spagna e Italia a causa dell'aumento dei prezzi

"Nell’era post-Covid tutti siamo stati chiamati ad affrontare le conseguenze della guerra in Ucraina, con i costi energetici alle stelle”, ha aggiunto. "Al giorno d’oggi rimangono a livelli molto alti”.

Nel suo ultimo aggiornamento sui costi di produzione delle olive, l'Associazione spagnola dei comuni olivicoli (Aemo) ha messo in guardia dal profondo impatto del ridusse significativamente la produzione di olio d’oliva sul reddito del settore.

L’indagine Aemo mostra che tra il 2020 e il 2023 i costi di produzione di un chilogrammo di olio d’oliva sono quasi raddoppiati, passando da 3.20 euro a 6.22 euro.

Secondo l'associazione l'aumento dei costi è dovuto al calo della produzione e all'aumento dei costi di produzione. I fertilizzanti e i prodotti fitosanitari, ad esempio, costano il 70% in più rispetto a tre anni fa. Nel frattempo, i prezzi dell’energia sono aumentati del 40%, mentre i salari sono aumentati del 9%.

Non tutti i costi gravano allo stesso modo sulle aziende olivicole. I costi di produzione per gli oliveti ad alta densità (intensivi) o ad altissima densità (superintensivi) rimangono significativamente inferiori a quelli riportati negli oliveti tradizionali o in forte pendenza, in parte a causa della meccanizzazione. Tuttavia, negli ultimi anni i costi sono aumentati considerevolmente in tutto il settore.

Secondo l'Istituto italiano di servizi per il mercato agricolo e alimentare (Ismea), anche nell'anno in corso i costi di produzione dell'olio d'oliva in Italia rimangono elevati.

Tuttavia, nei primi nove mesi del 2023 sono leggermente diminuiti rispetto all’anno precedente, quando sono stati segnalati aumenti sostanziali.

Nell'ultimo rapporto l'Ismea ha sottolineato come olio extravergine d'oliva le importazioni, cruciali per il settore italiano, sono diminuite in quantità del 25 per cento rispetto all'anno precedente. Tuttavia, il loro valore è cresciuto del 19%, evidenziando l'aumento dei prezzi del commercio delle olive e il loro impatto sui costi operativi dei produttori e degli imbottigliatori.

Il crollo della produzione registrato in diversi paesi ha fatto salire i prezzi delle materie prime rispetto alla stagione precedente, causando ulteriori incertezze sia per i produttori, sia per gli importatori e gli esportatori.

In Italia, dove l'olio d'oliva si prevede che i volumi di produzione nella stagione in corso supereranno rispetto a quello precedente, i margini per i produttori italiani di olio d’oliva saranno probabilmente ancora relativamente modesti.

"Con il prezzo attuale [del prodotto], durante questa campagna, recupereremo i costi di produzione, più di quanto sta accadendo ad altri", ha detto ai media locali Gennaro Sicolo, presidente dell'associazione di produttori Italia Olivicola.

Secondo Sicolo, il calo produttivo che interessa tutto il bacino del Mediterraneo – soprattutto in Spagna, Portogallo, Marocco più Tunisia – è la ragione principale di rendimenti così bassi. "Ciò significa che i produttori italiani non possono rivolgersi a quei paesi per acquistare il prodotto”, ha affermato.

"Oltre a ciò bisogna considerare anche le operazioni di macinazione che, come sappiamo, richiedono grandi quantità di energia elettrica”, ha aggiunto Sicolo. "Parlando di numeri, l’anno scorso abbiamo avuto prezzi di 25 euro al quintale (100 chilogrammi). Oggi si sale facilmente tra i 27 e i 30 euro”.

pubblicità

Theodosio fu d'accordo. "I costi di trasporto, imballaggio, funzionamento dei frantoi e delle industrie di lavorazione dell'olio d'oliva sono tutti aumentati ", ha affermato.

Thedodosiou ha aggiunto che il settore è stato colpito anche dall’aumento dei tassi di interesse e del costo del lavoro.

Mentre la Grecia ha goduto di un buon raccolto nella stagione precedente, si prevede che la produzione nella campagna 2023/24 farà altrettanto diminuire in modo significativo.

"La Grecia ha dovuto far fronte agli effetti della cambiamento climatico", ha detto Theodosiou. "Pertanto, si prevede che gli uliveti greci registreranno un calo di circa 170,000 tonnellate.

Secondo Theodosiou, la Grecia si trova ora ad affrontare un rischio domino rovesciato nel mercato dell'olio d'oliva, poiché i consumatori tendono a spendere meno in prodotti ad alto prezzo esattamente nel momento in cui i produttori di olio d'oliva hanno bisogno di più vendite per coprire i costi operativi.

"Le imprese di standardizzazione e le società di esportazione di olio d'oliva di marca gestiscono gradualmente i loro acquisti di materie prime in base alla domanda, dall'inizio di ogni anno di raccolto, novembre, fino all'inizio di quello successivo, ottobre ", ha affermato Theodosiou.

"L’industria opera secondo il rigido quadro della legislazione nazionale ed europea”, ha aggiunto. "Di conseguenza, il prezzo finale di ogni olio d'oliva di marca dipende direttamente dal costo della materia prima.

"La sfida più grande delle società di standardizzazione dell'olio d'oliva è mantenere le proprie quote nel mercato nazionale e internazionale ", ha concluso Theodosiou. "Qualsiasi ulteriore riduzione del consumo di olio d'oliva sarà disfunzionale per tutti gli anelli della catena.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati