Si prevede che la raccolta delle olive in Marocco riprenderà, nonostante i venti contrari

Nonostante un’estate calda e secca, le recenti piogge hanno migliorato le condizioni, e se ne prevedono altre nelle prossime settimane. I funzionari si aspettano che la produzione migliori rispetto allo scorso anno.

Fez, Marocco
Di Daniel Dawson
25 settembre 2023 14:15 UTC
610
Fez, Marocco

Le alte temperature, una siccità persistente e lo storico terremoto hanno afflitto gli uliveti marocchini pochi mesi prima dell'inizio della campagna agricola 2023/24.

Ci aspettiamo che la produzione sarà superiore a quella dell’anno scorso, il che è stato catastrofico.- Rachid Benali, presidente della Federazione olivicola interprofessionale marocchina

Nonostante i notevoli ostacoli del settore, i funzionari rimangono ottimisti sul fatto che il raccolto di quest’anno migliorerà comunque la resa dell’anno scorso di 107,000 tonnellate, significativamente al di sotto del 200,000 tonnellate prodotte nel 2021/22 e l’8% al di sotto della media quinquennale.

"Ci aspettiamo che la produzione sia superiore a quella dell'anno scorso, il che è stato catastrofico ", ha detto ai media locali Rachid Benali, presidente della Federazione interprofessionale marocchina dell'olivo.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

Tuttavia, ha aggiunto, i rendimenti finali dipendono in gran parte da quanta pioggia cadrà nei prossimi due mesi.

Secondo il Ministero dell'Agricoltura del Marocco, nell'anno idrologico 2022/23 il paese ha ricevuto più precipitazioni rispetto all'anno precedente, il 22% in più, ma le precipitazioni totali sono state ancora del 32% inferiori alla norma.

Recentemente la pioggia è caduta in tutto il nord del paese, anche in diverse importanti regioni produttrici di olivi, e nelle prossime settimane sono previste ulteriori precipitazioni.

Anche se la pioggia aiuterà l'accumulo di petrolio nei 750,000 ettari di boschi irrigati del paese, Benali ha affermato che durante il periodo di fioritura di aprile si sono verificati danni significativi.

attività-produttiva-africa-medio-oriente-marocco-il-raccolto-delle-olive-si-prevede-una-ripresa-malgrado-i-venti-sfavorevoli-tempi-dell'olio-d'oliva

Tra il 60 e il 70 per cento degli ulivi hanno sofferto le temperature torride primaverili. "I fiori dell’olivo bruciarono a causa di questo fenomeno climatico, che è molto diffuso”, ha detto.

La primavera insolitamente calda è stata seguita da un'estate torrida e da forti venti, noti come Chergui, che hanno causato ulteriori danni ad alcuni ulivi del paese.

Questo fenomeno è stato particolarmente acuto nella regione centrale di El Kelâa des Sraghna, con alcuni stima dei funzionari locali che la produzione potrebbe diminuire dell'80% rispetto allo scorso anno a causa degli ingenti danni causati da cosa e dal vento.

Nelle regioni orientali di Taza, Guercif e Outat El Haj, che ospitano 186,000 ettari di uliveti, si prevede che la produzione continuerà ad aumentare nonostante alcuni agricoltori riferiscono perdite significative dopo le grandinate di inizio settembre.

Tuttavia, nella regione di Fez-Meknes, nel nord-est del Marocco, che ospita un terzo degli uliveti del paese, il funzionario dell'agricoltura Mostapha Mrhari ha dichiarato ai media locali che gli ulivi irrigati non hanno subito danni significativi.

Nella regione montuosa di Al Haouz, situata nell’epicentro del terremoto di magnitudo 6.8 che a settembre ha ucciso circa 3,000 persone, gli agricoltori sono ancora al lavoro per rimuovere le macerie e determinare l’entità del danno.

La regione ha circa 124,200 ettari di uliveti, circa il 10% del totale del paese. Secondo I media locali, i boschi ad alta densità situati ai piedi delle montagne dell'Alto Atlante rimasero in gran parte illesi.

Più in alto sulle montagne, gli oliveti tradizionali di proprietà dei piccoli produttori sono stati danneggiati in modo più esteso.

"Sono state le comunità montane, che vivono nelle tradizionali case di argilla, ad essere le più colpite”, ha detto un produttore ai media locali. "Queste comunità praticano un’agricoltura di sussistenza basata sull’arboricoltura, come frutta e olive, e sulla produzione di erbe aromatiche, come lo zafferano, per l’autoconsumo o in piccole quantità vendute sul mercato locale”.

Anche più a sud, nella regione di Souss-Massa, situata appena sotto l'epicentro del terremoto, si prevedeva una ripresa della produzione. Sebbene l'area abbia evitato il peggio del sisma, le scosse si sono comunque avvertite e hanno causato danni alle infrastrutture. Sono stati segnalati danni minimi agli ulivi.

A causa della siccità durata un anno, i funzionari a livello nazionale sottolineano la necessità di investire negli uliveti. A maggio, il governo ha fornito alla Federazione interprofessionale marocchina dell'olivo 16.9 miliardi di dirham (1.54 miliardi di euro) da investire nell'irrigazione.

Secondo i funzionari, il 37.5% degli uliveti del paese sono irrigati, per un totale di 450,000 ettari. Tuttavia, questi oliveti rappresentano tra il 50 e il 60% della produzione totale.

L'irrigazione del resto dei boschi del paese aumenterebbe significativamente la produzione, cosa che i funzionari ritengono che ciò accadrà migliorare la bilancia commerciale internazionale del Marocco ed inferiore prezzi interni persistentemente elevati.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati