Si prevede un altro raccolto scarso in Andalusia

La bassa produzione nella più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo continuerà a spingere i prezzi più in alto.

(Foto: Rafael Alonso Barrua)
Di Daniel Dawson
12 ottobre 2023 14:51 UTC
1493
(Foto: Rafael Alonso Barrua)

Secondo una stima preliminare delle autorità regionali, la produzione di olio d'oliva in Andalusia potrebbe raggiungere le 550,600 tonnellate nella campagna 2023/24.

Si prevede che il raccolto nella più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo aumenterà del 7% rispetto a minimo storico dello scorso anno ma sarebbe inferiore del 40% alla media dei quattro anni di raccolto precedenti.

Il raccolto appare molto limitato, anche se si sono ottenuti frutti e olio di buona qualità. Quest'anno ci troviamo di fronte ad una raccolta molto complessa a causa del clima, dei prezzi e del mercato in generale.- Rafael Alonso Barrau, direttore commerciale ed export, Oro del Desierto

Secondo la stima preliminare del Ministero spagnolo dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione, la produzione di olio d'oliva potrebbe raggiungere le 765,400 tonnellate nel paese, il 15% in più rispetto alla resa dell'anno scorso ma il 34% in meno rispetto alla media dei quattro anni di raccolto precedenti.

Gli agricoltori di tutta l'Andalusia hanno sperimentato ancora una volta un caldo elevato in primavera, seguito da un'estate calda e secca, che ha ridotto la quantità di olive sugli alberi e ostacolato l'accumulo di olio.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

"Fondamentalmente è stata una campagna leggermente migliore della precedente”, ha detto ad Agropopular Carmen Crespo, ministro dell'Agricoltura dell'Andalusia. "Ma è vero che in queste ultime due campagne, a causa della siccità, “sono stati al di sotto della media.

Tuttavia, si prevede che alcune province dell’Andalusia se la caveranno meglio di altre.

A Jaén, la più grande provincia produttrice di olio d'oliva dell'Andalusia, si stima che questo raccolto produrrà 215,000 tonnellate, il 20% in più rispetto alla resa dell'anno scorso ma il 46% in meno rispetto alla media dei quattro anni di raccolto precedenti.

"Quest'anno abbiamo una prospettiva di produzione, da quello che possiamo vedere nel nostro uliveto, leggermente superiore rispetto al 2022/23, ma ancora ben al di sotto della produzione media in una situazione normale", il team di qualità e produzione di Aires de Jaén detto Olive Oil Times.

attività-produttiva-europea-un-altro-scarso-raccolto-in-andalusia-tempi-previsti-per-l'olio-d'oliva

(Foto: Aires de Jaén)

Hanno aggiunto che l'azienda ha prodotto il 40% in meno di olio d'oliva nel 2022/23 rispetto a una stagione media. La raccolta di quest'anno dovrebbe iniziare entro la terza settimana di ottobre. Il team di produzione ha affermato che si concentrerà su un raccolto anticipato per massimizzare la qualità.

"D'altra parte, grazie alla massima cura che il nostro uliveto ha ricevuto, stiamo notando, nei primi test, che la qualità del frutto è superiore a quella degli anni precedenti ", hanno affermato.

"La delicata situazione del settore olivicolo quest'anno sarà simile a quella dell'anno scorso a causa del calo della produzione che continuiamo a mantenere di fronte alla forte domanda", ha aggiunto il team.

Insieme a Jaén, le autorità prevedono che la produzione di Almería rimbalzerà del 20% rispetto allo scorso anno, arrivando a 13,000 tonnellate, appena al di sotto della media di 13,232 tonnellate dei quattro anni di raccolto precedenti.

Rafael Alonso Barrau, direttore commerciale ed esportazione dell'azienda di Almería Oro del Desierto, Ha detto Olive Oil Times che la raccolta delle olive è sempre impegnativa nell'arido microclima della provincia.

"Il raccolto sembra molto limitato, anche se sono stati ottenuti frutti e olio di buona qualità", ha affermato. "Quest'anno affrontiamo un raccolto molto complesso a causa del clima, dei prezzi e del mercato in generale".

Alonso Barrua ha citato l'autunno insolitamente caldo che sta vivendo il sud della Spagna come la sfida principale che prevede di affrontare con l'inizio della raccolta.

"Nella nostra azienda agricola raccoglieremo tutto a ottobre, mentre le altre aziende agricole con cui collaboriamo per il nostro secondo marchio lo faranno a novembre", ha affermato.


Produzione di olio d'oliva dell'Andalusia
2023/24Prod. Stima (T)Variazione % 2022/23Variazione % 2019 – 23 Avg
Almería13,00020-2
Cadice7,1005 all'23 ottobre
Córdoba143,0000 all'37 ottobre
Granada56,000-1 all'47 ottobre
Huelva7,5001 all'18 ottobre
Jaén215,00020 all'46 ottobre
Malaga31,0002 all'37 ottobre
Sevilla78,0000 all'26 ottobre
Andalusia;550,6007 all'40.1 ottobre
Spagna765,36215.3 all'34.4 ottobre
Fonte: Ministero spagnolo dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione

Si prevede che la produzione di olio d'oliva rimarrà più o meno la stessa nelle altre sei province dell'Andalusia. Dopo Jaén, Córdoba è la seconda provincia produttrice, con un raccolto stimato quest'anno di 143,000 tonnellate, più o meno lo stesso dell'anno scorso e il 37% inferiore alla media dei quattro anni di raccolto precedenti.

"Il raccolto sarà più o meno come l'ultimo, forse un po' di più, ma non molto", dice María Carmen Rodriguez Comino, direttrice commerciale di Almazara de la Subbética, con sede a Cordoba, Ha detto Olive Oil Times.

pubblicità
pubblicità

Secondo lei, le temperature insolitamente elevate rappresentano una sfida che la cooperativa di 8,000 soci dovrà affrontare quando, tra poche settimane, inizierà la raccolta.

"Abbiamo avuto temperature molto elevate per un mese, più tipiche di agosto che di ottobre, quindi è molto difficile lavorare sul campo a quasi 40 ºC", ha detto. "Naturalmente queste temperature non sono buone. Se alla mancanza d’acqua si aggiungono le alte temperature, si ha il problema che le olive cominciano a disidratarsi”.

attività-produttiva-europea-un-altro-scarso-raccolto-in-andalusia-tempi-previsti-per-l'olio-d'oliva

(Foto: Almazara de la Subbética)

Secondo Juan Vilar, a consulente strategico per il settore dell'olio d'oliva e il produttore con sede a Jaén, è probabile che lo scarso raccolto in Spagna continui facendo salire ulteriormente i prezzi dell’olio d’oliva.

"A livello globale, la produzione raggiungerà i 2.4 milioni di tonnellate, creando uno scenario peggiore rispetto allo scorso anno”, ha detto Olive Oil Times. "È uno scenario peggiore rispetto allo scorso anno perché abbiamo meno scorte di olio d'oliva rispetto allo scorso anno, mentre la domanda rimane a circa 2.8 milioni di tonnellate.

Nel suo rapporto sulle prospettive agricole a breve termine dell'autunno 2023, la Commissione europea ha affermato che le scorte di olio d'oliva esistenti sono inferiori del 12% quest'anno rispetto allo scorso anno. Con un altro scarso raccolto previsto in tutta Europa, è probabile che la domanda continui a superare l’offerta, mantenendo la pressione al rialzo sui prezzi.

"Nel mondo mancano 400,000 tonnellate di olio d'oliva; la domanda potenziale è molto superiore all’offerta totale”, ha affermato Vilar. "Ciò significherà che continueremo a vedere tensioni sui prezzi e che i consumi peggioreranno ulteriormente”.

A meno che il continente non riceva piogge abbondanti quest’inverno, Vilar ha previsto che i prezzi all’origine continueranno ad aumentare fino al 2024.

In Andalusia, l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva all'origine spesso significa che anche i produttori che acquistano olive da altri coltivatori pagano di più per quelle olive.

"Per l'acquisizione di olive da aziende agricole convenzionate, la situazione è sfavorevole a causa dell'elevato prezzo di acquisto che deve essere offerto", ha affermato Alonso Barrua. "Comprendiamo che con un calo della produzione del 50%, il prezzo inevitabilmente raddoppierà, ma dal punto di vista finanziario, nella situazione attuale, è complesso e le vendite a prezzi più alti possono soffrire parecchio".

"La stessa cosa accade in tutta la filiera dove, a causa del prezzo elevato all’origine, i margini si riducono e sicuramente lo faranno anche le vendite”, ha aggiunto.

In un anno di raccolto medio, l'Andalusia rappresenta circa i tre quarti delle esportazioni annuali di olio d'oliva della Spagna. Le aziende fortemente dipendenti dalle esportazioni hanno affermato di vedere la domanda in calo poiché anche i prezzi globali dell'olio d'oliva al dettaglio aumentano.

"L’instabilità dei prezzi e i continui aumenti dei prezzi creano problemi e perdita di clienti”, ha affermato Rodriguez Comino. "Soprattutto all’estero dove non capiscono bene la situazione e questo crea perdita di clienti”.

Tuttavia, il team di produzione e Aires de Jaén hanno affermato che i consumatori spagnoli sono rimasti estremamente fedeli, acquistando olio d'oliva prodotto a livello nazionale nonostante l'aumento dei prezzi.

"I consumi interni non sono stati influenzati; il mercato nazionale è costituito da consumatori fedeli a questo pilastro fondamentale della dieta mediterranea”, hanno concluso. "Al contrario, i nuovi mercati internazionali emergenti degli ultimi decenni hanno leggermente ridotto i loro consumi con prezzi in aumento”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati