1461

Saluto

Fenoli più importanti del contenuto MUFA per i benefici sulla salute di EVOO, suggerisce la ricerca

I fenoli nell'olio extravergine di oliva sono più importanti per abbassare la pressione sanguigna, migliorare la sensibilità all'insulina e promuovere la perdita di peso rispetto ai suoi grassi.
Di Thomas Sechehaye
12 luglio 2023 16:15 UTC

A recensione di ricerca pubblicato sulla rivista scientifica Nutrients conferma che i composti fenolici svolgono un ruolo fondamentale nei benefici per la salute associati olio extravergine d'oliva che non sono associati ad altri gradi di olio d'oliva.

"La cosa più importante da capire è che l'olio extra vergine di oliva è un alimento unico ", ha detto Mary Flynn, l'autrice principale e professore associato di medicina alla Brown University Olive Oil Times.

Questa recensione indica che circa due cucchiai al giorno di olio extra vergine di oliva possono migliorare una serie di fattori di rischio di malattie croniche in appena tre settimane.- Mary Flynn, professore associato di medicina, Brown University

"Rispetto ad altri oli, olio d'oliva raffinato e non, o dieta povera di grassi, l'uso quotidiano migliorerà diversi fattori di rischio per malattie croniche, come diminuzione della pressione sanguigna, glucosio nel sangue, ossidazione e LDL e aumento dell'HDL ", ha aggiunto. "Non esiste altro alimento, o medicina per quella materia, che possa migliorare una tale gamma di fattori di rischio”.

I ricercatori hanno condotto una revisione sistematica degli studi pubblicati tra il 2000 e il 2003 che confrontavano l'olio extra vergine di oliva con diete a basso contenuto di grassi, altri oli e oli elencati come 'oli d'oliva' negli studi.

Vedi anche:Saluti Notizia

La revisione narrativa ha riassunto sistematicamente le ultime prove sugli effetti protettivi dell'olio extra vergine di oliva sui fattori di rischio di malattia.

Un criterio incluso in questa revisione era che lo studio doveva dichiarare che veniva utilizzato olio extravergine di oliva. La maggior parte degli studi pubblicati ha fornito informazioni limitate sull'olio extra vergine di oliva utilizzato. Dei 281 articoli recuperati, 34 articoli soddisfacevano i criteri di inclusione per lo studio.

"Sulla base dei test attuali nella maggior parte dei paesi, un olio potrebbe soddisfare uno standard per 'extravergine,' ma potrebbe non avere fenoli, e sono i fenoli che forniscono i benefici per la salute ", ha detto Flynn.

Flynn, che è anche il fondatore di The Olive Oil Salute Initiative del Miriam Hospital, ha aggiunto che uno degli obiettivi della ricerca era quello di separare benefici per la salute dell'olio d'oliva associati a composti fenolici e quelli che possono derivare dal suo alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi.

"Trovo molto difficile credere che ci siano ancora persone che pensano che sia il contenuto di grassi monoinsaturi a fornire i benefici per la salute", ha detto. "Sebbene non ci siano studi che supportino i grassi monoinsaturi che forniscono benefici, ci sono molti studi, alcuni dei quali sono nella nostra recensione, che mostrano chiaramente che il contenuto di [acidi grassi monoinsaturi] non è la ragione dei benefici per la salute.

"Se lo fosse, sia l'olio d'oliva raffinato che l'olio di canola avrebbero benefici per la salute, e non lo fanno ", ha aggiunto Flynn.

Catherine Itsiopoulos, coautrice e professoressa presso la RMIT University in Australia, ha aggiunto che l'olio extra vergine di oliva è l'ingrediente chiave dietro i benefici per la salute associati al Dieta mediterranea.

"L'olio extravergine di oliva è uno degli alimenti più importanti e un ingrediente distintivo altamente classificato di una dieta mediterranea tradizionale ", ha detto Olive Oil Times. "Il nostro studio mostra che l'olio extra vergine di oliva, grazie alla sua ricca fonte di polifenoli con potenziale antinfiammatorio e antiossidante, conferisce questi benefici per la salute e non solo qualsiasi tipo di olio d'oliva.

I ricercatori hanno scoperto che l'olio extra vergine di oliva è superiore per ridurre la pressione sanguigna, LDL-c, l'ossidazione delle LDL, la glicemia a digiuno e migliorare la sensibilità all'insulina. È stato anche determinato che l'olio extra vergine di oliva aumenta l'HDL-c e migliora la funzione dell'HDL.

"Una delle scoperte più interessanti è stata la prova di un netto vantaggio di olio extravergine di oliva per dimagrire”, ha detto Flynn.

"Sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio quali fenoli sono più protettivi e la quantità di fenolo necessaria nell'olio d'oliva per vedere i benefici ", ha aggiunto.

Nel frattempo, i ricercatori sperano che questi risultati possano aiutare a informare la politica di salute pubblica relativa alla nutrizione, che ritengono obsoleta.

pubblicità
pubblicità

"Ho fatto ricerche sul petrolio negli ultimi 25 anni", ha detto Flynn. "Sono stato a lungo frustrato dal fatto che le linee guida sulla salute in tutto il mondo non distinguano i diversi tipi di oli.

"L'olio extra vergine di oliva è il succo dell'oliva e offre benefici per la salute unici, soprattutto rispetto ad altri oli ", ha aggiunto. "Il consumatore deve sapere che sta usando olio extra vergine di oliva che ha benefici per la salute, il che significa che ha almeno 150 milligrammi per decilitro di fenoli totali. Il semplice superamento dei test chimici non è sufficiente”.

Itsiopoulos ha affermato che è necessario lavorare di più anche per sfatare i miti comuni in merito cottura con olio extra vergine di oliva.

"L'olio extra vergine di oliva, grazie al suo alto contenuto di nutrienti antiossidanti, è altamente stabile durante la cottura, sfatando il mito che non si può friggere con olio extra vergine di oliva ", ha detto.

Nonostante il lavoro che deve ancora essere fatto, entrambi i ricercatori hanno affermato che la revisione offre ai consumatori molte ragioni per preferire l'olio extra vergine di oliva rispetto ad altri tipi di olio d'oliva e oli da cucina.

"Questa recensione indica che circa due cucchiai al giorno di olio extra vergine di oliva possono migliorare una serie di fattori di rischio di malattie croniche in sole tre settimane ", ha affermato Flynn.

Dai produttori di olio d'oliva, Flynn vorrebbe vedere il contenuto di fenoli in primo piano sull'etichettatura e sui siti web. Il contenuto di fenoli dell'olio d'oliva è più alto quando viene prodotto per la prima volta. L’olio d’oliva vergine più fresco ha un contenuto di fenoli più elevato e quindi offre maggiori benefici per la salute.

Ha aggiunto che i produttori dovrebbero anche menzionare le date di raccolta sui loro oli d'oliva e specificare il periodo di tempo dalla raccolta al processo di trasformazione. Queste informazioni aiuterebbero i consumatori a sapere quali aziende stanno producendo il olio d'oliva più fresco con i massimi benefici per la salute.

"In molte linee guida dietetiche basate sugli alimenti in tutto il mondo, l'olio extra vergine di oliva è classificato nella sezione oli, creme spalmabili e grassi aggiunti con la raccomandazione di consumare con parsimonia ", ha aggiunto Itsiopoulos. "Date le prove sui benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva presentate in questo documento, il suo posto nelle piramidi alimentari o nei modelli di piatti deve essere più prominente.

Guardando avanti agli studi futuri, Flynn ha affermato che dovrebbero essere condotte ulteriori ricerche sulla relazione tra consumo di olio extravergine di oliva e diabete di tipo 2.

"Sono rimasto sorpreso dal numero di studi che stanno testando i benefici dell'olio extravergine di oliva per i diabetici di tipo 2 ", ha affermato. "Gli studi hanno dimostrato che i cambiamenti dello stile di vita hanno maggiori benefici per i diabetici di tipo 2 rispetto ai farmaci.

"Abbiamo esaminato alcuni studi che mostrano che l'olio extravergine di oliva può migliorare la resistenza all'insulina (ovvero la capacità dell'insulina di immagazzinare sostanze nutritive compreso il glucosio) e l'insulino-resistenza è la causa principale del diabete di tipo 2 e della sindrome metabolica", ha aggiunto Flynn. "Se ulteriori studi potessero confermare questa scoperta, sarebbe un'informazione molto importante".

Flynn prevede che gli studi futuri potrebbero "testare quanto velocemente l'uso quotidiano di olio extra vergine di oliva potrebbe migliorare il controllo della glicemia.

"Sulla base degli studi attualmente disponibili, è probabile che siano due cucchiai al giorno in appena tre settimane, ma studi futuri potrebbero esaminare se i benefici aumentano nel tempo ", ha concluso.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati