La siccità dovrebbe colpire di nuovo l'Europa, avvertono gli scienziati

Si prevede che il clima secco persista in gran parte dell'Europa per tutta l'estate, soprattutto nelle regioni centrali e mediterranee.

Vecchio villaggio abbandonato di Aceredo, Galizia, Spagna
Di Costas Vasilopoulos
4 aprile 2023 18:29 UTC
776
Vecchio villaggio abbandonato di Aceredo, Galizia, Spagna

Dopo un inverno con precipitazioni inferiori alla media, gli scienziati del clima hanno avvertito che la siccità potrebbe nuovamente colpire l'Europa quest'estate.

Nell'estate del 2022, il continente più secco degli ultimi 500 anni, ondate di caldo consecutive e prolungate e siccità hanno dominato l'Europa meridionale e sudoccidentale, con gravi ripercussioni sui raccolti.

Dato che gran parte dell'Europa ha registrato livelli di precipitazioni inferiori alla media durante il recente inverno, è ragionevole presumere che le condizioni di siccità persisteranno durante i prossimi mesi estivi.- Burak Bulut, ricercatore, CNRS

Di conseguenza, i paesi produttori di olio d'oliva, tra cui Spagna, Portogallo, Francia e Italia, hanno visto un significativo riduzione delle loro rese di olio d'oliva 2022/23.

Gli effetti della siccità non si limitano però al bacino del Mediterraneo: clima invernale mite, che ha portato scarse quantità di pioggia e neve, ha esacerbato il problema del deficit idrico in Europa, con vaste aree che sono diventate più secche del solito.

Vedi anche:La strategia Farm to Fork sotto tiro in vista delle elezioni europee del 2024

"Onestamente, in tutta l'Europa centrale, questo problema, è un problema diffuso”, ha detto Carmelo Cammalleri del Politecnico di Milano, riferendosi alla scarsità d'acqua in Europa.

Secondo uno studio della Graz University of Technology in Austria, l'Europa è in una situazione di siccità dal 2018, con il suo stato dell'acqua caratterizzato come "molto precario”.

Gli scienziati hanno seriamente messo in dubbio la capacità dei serbatoi d'acqua europei di ricostituirsi prima dell'estate.

"Chiaramente, in alcune parti d'Europa, la mancanza di precipitazioni e il deficit corrente sono tali che non sarà facile per i livelli dell'acqua riprendersi prima dell'inizio dell'estate", ha affermato Andrea Toreti, scienziato senior presso l'Osservatorio europeo della siccità .

"Ciò che è insolito è il ripetersi di questi eventi [di siccità] perché abbiamo già sperimentato una siccità da grave a estrema un anno fa e un'altra nel 2018", ha aggiunto.

Secondo Burak Bulut, un ricercatore del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS), la siccità della scorsa estate era iniziata in Europa molto prima.

"Abbiamo esaminato le anomalie del bilancio idrico da dicembre 2021 ad agosto 2022", ha detto Bulut Olive Oil Times. "Sulla base sia della nostra ricerca che delle osservazioni di altre fonti, è evidente che le condizioni di siccità sperimentate durante l'estate del 2022 sono effettivamente iniziate nell'inverno del 2021".

Bulut ha osservato che il periodo secco sta continuando in Europa e in gran parte del mondo, aggiungendo che qualsiasi precipitazione media non dovrebbe essere considerata un ritorno a una parvenza di normalità.

"Dato che attualmente siamo alla fine di marzo e le condizioni di siccità sono ancora presenti, è corretto affermare che il periodo di siccità è in corso", ha affermato. "In realtà, sembra che stiamo vivendo una siccità non solo in Europa ma nella maggior parte del mondo”.

"È importante notare che anche quando i livelli delle precipitazioni sono vicini alla media a lungo termine, gli impatti della siccità stanno diventando più evidenti a causa dell'aumento delle temperature e del conseguente aumento dell'evaporazione e della traspirazione", ha aggiunto Bulut.

Bulut prevede un'altra estate secca per l'Europa, trainata da temperature più alte del normale. Ha anche identificato uno spostamento anticipato degli effetti della siccità dal sud-ovest al sud-est della regione mediterranea.

"Dato che gran parte dell'Europa ha registrato livelli di precipitazioni inferiori alla media durante il recente inverno, è ragionevole presumere che le condizioni di siccità persisteranno durante i prossimi mesi estivi", ha affermato.

pubblicità

"Sulla base di studi sulle tendenze, è stato determinato che stiamo vivendo un periodo di tre mesi (da marzo a maggio) di temperature più elevate e livelli di precipitazioni più bassi, in particolare nell'Europa sud-orientale e nella regione mediterranea", ha aggiunto Bulut.

"Come risultato di questi risultati, si prevede che la stagione estiva sarà caratterizzata da temperature superiori alla media e condizioni più secche in queste regioni", ha continuato.

Bulut ha affermato che gli impatti della siccità dovrebbero persistere, anche se le piogge primaverili riusciranno a mitigare parte del deficit idrico in alcune aree.

Confrontando i periodi di siccità in Europa dal 1836 al 2021, i ricercatori del CNRS hanno anche identificato la siccità del 2022 come parzialmente antropogenica.

"Cambiamento climatico legato alle attività umane contribuisce al verificarsi di episodi di siccità prolungati come quello che ha colpito l'Europa occidentale e la regione mediterranea nel 2022", hanno scritto i ricercatori.

"I risultati sottolineano l'importanza di continuare gli sforzi per ridurre emissioni di gas serra e attenuare il effetti del cambiamento climatico", Hanno aggiunto.

Nel frattempo, António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha esortato i leader politici di tutto il mondo a intensificare i loro sforzi per preservare le risorse idriche globali.

"Tutte le speranze dell'umanità per il futuro dipendono, in qualche modo, dalla tracciatura di un nuovo corso per gestire e conservare l'acqua in modo sostenibile", ha affermato Guterres alla Conferenza sull'acqua 2023 delle Nazioni Unite tenutasi a New York il mese scorso, la prima convenzione globale sull'acqua in quasi 50 anni. anni.

"Deve essere al centro dell'agenda politica", ha concluso.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati