I produttori esprimono l'allarme negli ultimi Olive Oil Times Indagine

I produttori affermano di dover affrontare difficoltà sempre maggiori a causa degli effetti di una pandemia globale, dei cambiamenti climatici, dei costi di produzione più elevati, dell'instabilità del mercato e di una persistente mancanza di comprensione da parte dei consumatori dei loro prodotti.

Gennaio 25, 2022
A cura dello staff OOT

Notizie recenti

Gli ultimi dodici mesi hanno posto sfide per tutti in tutto il mondo. Per olive oil producers, il cui lavoro non è mai stato facile, è stato un periodo particolarmente difficile secondo i risultati di an Olive Oil Times sondaggio.

Da mano d'opera difficili da trovare, fino al tremendo aumento delle spese, tutto sta andando alle stelle.- Demosthenis Chronis, Olea Estates

Agricoltori e produttori affermano di dover affrontare minacce sempre maggiori ai loro mezzi di sussistenza, a causa degli effetti di a pandemia globale e il cambiamento climatico a costi di produzione più elevati, instabilità del mercato e una persistente mancanza di comprensione da parte dei consumatori dei propri prodotti.

Il sondaggio, che è stato inviato a 4,253 olive oil proproduttori di 36 paesi, hanno posto una serie di domande sulla stagione del raccolto 2021/22.

I risultati suggeriscono che ci sono molti nel settore che si sentono quasi sopraffatti da un assalto senza fine di ostacoli che colpisce ogni fase del processo da olivicoltura al marketing e alla realizzazione.

Il compito storicamente gravoso di produrre olio extravergine d'oliva proficuamente è diventato ancora più confuso ultimamente, suggeriscono le risposte al sondaggio.

La situazione non era grave ovunque. Ci sono stati produttori che hanno riportato solo un piccolo impatto sulle loro attività a causa delle interruzioni legate alla pandemia e ci sono anche quelli che ne vedono un po' riscaldamento globale in quanto non particolarmente problematici per il loro microclima.

La valutazione complessiva della stagione del raccolto, tuttavia, ha dipinto un quadro più cupo rispetto ai sondaggi precedenti.

Gli agricoltori e gli imbottigliatori sono rimasti per lo più delusi dalla quantità effettiva o prevista di olio prodotto, o dalla resa, nella raccolta 2021/22, iniziata lo scorso autunno per i coltivatori dell'emisfero settentrionale e che continuerà fino alla tarda primavera, quando verranno lavorate le ultime olive dell'emisfero australe .

La valutazione da parte degli agricoltori della resa di questa stagione è significativamente inferiore al punteggio di 68 dell'anno scorso, mentre il punteggio di qualità, che riflette le valutazioni dei produttori sul valore intrinseco del loro olio, è aumentato rispetto a 82 nella campagna precedente.

Cambiamento climatico

Gli agricoltori hanno accusato il caldo eccessivo, la siccità e il maltempo per la minore resa, aggravata dalla carenza di manodopera e dalle interruzioni del personale che hanno ostacolato le operazioni di raccolta. Gli incendi hanno rivendicato i boschi dalla California alla Grecia.

Quale dei seguenti fattori ha influito sul tuo raccolto quest'anno?

"Siamo sicuri che ciò sia dovuto al cambiamento climatico che, oltre al clima, cambia anche i parassiti e le malattie a cui erano suscettibili i nostri uliveti ", ha affermato Luís Brito di Azeites do Cobral, che produce olio d'oliva biologico certificato per circa 15 anni.

"Da allora, abbiamo notato che, per produrre un ottimo olio d'oliva biologico, la raccolta deve essere [spostata] di un mese. Gli uliveti o si adattano alle nuove esigenze climatiche o dovranno sicuramente salire di latitudine", ha affermato.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Luís Brito (a destra), Azeites do Cobral

Altri produttori hanno fatto eco a quel riconoscimento di un panorama in evoluzione per l'olivicoltura e la produzione di olio. Mentre gli ulivi sono sempre stati ciclici - un raccolto eccezionale segue uno scarso e così via - gli agricoltori esperti vedono e dicono cose che esprimono le condizioni senza precedenti che stanno affrontando.

"Principalmente a causa della siccità, in Turchia abbiamo avuto una diminuzione di circa il 70 percento della quantità di olive che abbiamo raccolto quest'anno ", ha riferito Uğur Özen. "Anche se è ciò che chiamiamo 'alta stagione,' [mulini] può funzionare solo pochi giorni infrasettimanali di gennaio a Milas, la capitale olivicola della Turchia. Alta inflazione e raccolta follemente in aumento e costi di produzione come il gas, l'elettricità e il lavoro sono gli altri e più oscuri lati della luna.

"C'è un grande bisogno di un piano d'azione per la carenza di merci in arrivo nel prossimo futuro ", ha detto Tasos Anestis di Rhizoma Olive Farms Olive Oil Times. "Gli ecosistemi che erano stabili in termini di densità di popolazione e diversità sono cambiati radicalmente”.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Tasos Anestis, Rhizoma Olive Farm

"Il nostro clima cambia a un ritmo drammatico e dobbiamo mitigarlo", ha continuato Anestis. "Una dinamica azienda olivicola può sequestrare tonnellate di CO2 e ridurre gli effetti immediati di questo problema globale. Olive oil proi produttori sono persone oneste e con i piedi per terra che si sforzano ogni giorno di lasciare il segno in questo mondo in continua evoluzione”.

C'era un senso condiviso dagli intervistati in quasi tutte le regioni che le mutevoli condizioni climatiche mettono olive oil proriduttori a un bivio precario unico.

"Noi, come olive oil proproduttori e agricoltori hanno bisogno di un equivalente a Turismo dichiara emergenza climatica”, ha affermato Debra Carol Haddock di Casale Prato delle Coccinelle, riferendosi a un'iniziativa di emergenza degli attori del settore turistico che sostengono l'azione per il clima.

Giovanni Gambini, titolare di Texas Hill Country Olive Company, mettilo chiaramente: "Riteniamo che il cambiamento climatico sia la più grande minaccia a lungo termine per l'industria olivicola".

crisi covid

Gli effetti immediati e a catena della crisi del Covid hanno avuto un effetto sbalorditivo sui produttori. Dalla mancanza di lavoratori del raccolto ai clienti dell'ospitalità chiusi e agli alloggi delle fattorie vuote, c'erano pochi che vedevano la situazione migliorare in tempi brevi.

"Il Covid-19 è stato il principale fattore che ha influenzato il nostro settore. Da mano d'opera difficili da trovare, fino all'enorme aumento delle spese (spese di spedizione, tasse all'esportazione, prezzi dei fertilizzanti), tutto sta andando alle stelle", ha affermato Demosthenis Chronis, proprietario di Tenute Olea a Sparta, in Grecia.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Tenute Olea

A parte i devastanti costi umanitari della pandemia, i produttori hanno affermato che l'esaurimento degli ordini da ristoranti, hotel e altri cosiddetti clienti Horeca li ha colpiti particolarmente duramente.

Quegli stabilimenti, che in genere strombazzano il loro uso di prodotti freschi e locali, possono fungere da ancora di salvezza per i produttori più piccoli che hanno meno probabilità di raggiungere gli acquirenti in mercati più ampi. Non sorprende che le interruzioni di Horeca abbiano avuto un impatto su così tanti produttori che hanno risposto alle nostre domande.

Carenza di manodopera

Raccolta tradizionale dell'olio d'oliva, che si applica ancora alla stragrande maggioranza delle aziende agricole del mondo, è per definizione ad alta intensità di manodopera. I braccianti, che spesso migrano con l'oliva in maturazione, avevano una scorta ancora più ridotta per la campagna 2021/22.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Quinta dos Olmais Lda

Per altri, il nocciolo dei loro problemi si riduceva all'ottenimento delle forniture necessarie e al movimento dei loro prodotti finiti. "La logistica è il problema più grave", ha affermato George Colletti di Fratelli Colletti. "Sei settimane di attesa e stiamo ancora aspettando che il nostro container diventi disponibile”.

Turismo

The ottimismo dello scorso anno, quando sembrava che la pandemia si sarebbe placata e i turisti stavano cercando destinazioni più significative come gli oliveti, ha lasciato il posto a posti liberi prolungati e stanze per lo più vuote. Tuttavia, c'è stato un aumento dei viaggiatori domestici notato da alcuni host e, con più persone che rimangono vicino a casa, una rinnovata attenzione agli ingredienti di una cucina sana.

"Il Covid ha portato un maggiore interesse per il turismo e le visite alla nostra fattoria", ha affermato Curtis Poling a Picchio Trail Olive Farm nello stato della Georgia del sud degli Stati Uniti.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Picchio Trail Olive Farm

A parte i leviatani globali del cambiamento climatico e del Covid, quest'anno ci sono stati molti aggravamenti regionali che hanno trattenuto i produttori.

Sfide sistemiche

Tra le risposte al sondaggio c'erano richieste di intervento del governo e collaborazione tra i produttori più piccoli che si trovano sempre più vulnerabili in un mercato in rapida evoluzione.

"In Italia gran parte di olive oil prola produzione è nelle mani di tante piccole aziende agricole che realizzano prodotti di alta qualità”, ha affermato Andrea Maffei, che gestisce Agriturismo Loggia del Centone a Matraia. Senza una politica di aggregazione a lungo termine, non ci sarà spazio per l'innovazione e la produzione di petrolio si ridurrà rapidamente in molte regioni.

"Siamo principalmente colpiti dalla crisi economica e dalle azioni imprevedibili del governo in Turchia”, ha affermato Mehmet Taki, proprietario di Bata Tarim e Gida Urunleri AS, azienda agricola che si affaccia all'ingresso dello Stretto dei Dardanelli.

"Il paese è quasi allo sbando, rendendo impossibile qualsiasi pianificazione. A causa della crisi economica, i consumi interni stanno diminuendo notevolmente”, ha affermato. "Il divieto di esportazione dell'anno scorso ha dato freddo agli acquirenti stranieri. I prezzi di beni e servizi cambiano ogni giorno. È un po' caotico".

Can Aytekin, il proprietario della Canemre Olive and Olive Oil Company, ha anche incolpato le tariffe per aver aggiunto carburante al fuoco. "Le elevate tasse doganali sono un grosso ostacolo per i produttori di olive turche che desiderano esportare il loro olio d'oliva di alta qualità nei paesi dell'Unione europea ", ha affermato.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Can Aytekin, Canemre Olive e Olive Oil Company

Raouf Ellouze, proprietario di Huilerie Raouf Ellouze in Tunisia ha anche lamentato i prelievi dell'UE: "Le normative sulle esportazioni dovrebbero cambiare tra [l'Europa] e i nostri paesi", ha scritto. "Dovrebbero aprire il loro mercato per il nostro petrolio”.

Confusione dei consumatori

Anche se olivicolo ed extravergine olive oil proLa produzione è stata facile - e non lo è - i produttori ci dicono che tra le loro principali preoccupazioni c'è la continua mancanza di conoscenza pubblica in merito qualità dell'olio d'oliva e valore, che vedono come una chiave per il futuro del settore.

Ad alimentare il vuoto della comprensione dei consumatori sono imbottigliatori di bassa qualità e grandi rivenditori che vendono prodotti scadenti a prezzi al di sotto del costo di una produzione etica.

La dignità del settore è fondamentale", ha affermato Emma Rovira della sua fattoria, Molí dels Torms in Catalogna, in Spagna. "Il mercato deve conoscere l'importanza degli agricoltori e della coltivazione, e gli agricoltori dovrebbero essere orgogliosi del lavoro che svolgiamo. Dare dignità al nostro lavoro rafforzerà il valore dei prodotti che realizziamo".

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Emma Rovira (al centro), Molí dels Torms

"[Abbiamo bisogno] di un maggiore riconoscimento dei prodotti di qualità con bassa acidità e alti polifenoli: prodotti biologici e marchi di qualità come DOP e IGP", ha affermato Cristoforo Bacchi, proprietario di Bacchi Azienda Olearia Siciliana.

"Trovare raccoglitori disponibili e mulini biologici disposti ad aprire abbastanza presto per essere in grado di produrre la migliore qualità di EVOO per la raccolta anticipata è una grande sfida, ma sono eclissati da dilaganti frodi di olio d'oliva che ha un impatto grave e negativo sul prezzo a cui può essere venduto l'olio d'oliva onesto ", ha affermato Françoise de Valera Rose di Oli 4. "Il buon EVOO si estinguerà a causa della pressione finanziaria sugli agricoltori onesti.

L'inflazione sta avendo un altro impatto minaccioso sulle scelte dei consumatori, contrapponendo qualità e prezzo, osserva Michelakis Nikos di Kolympari SA Michelakis. "Per il consumatore, ogni giorno riduci il potere d'acquisto. Di conseguenza, ti rivolgi a prodotti più industrializzati e a basso costo e lasci i prodotti naturali che sono molto importanti per la nostra salute".

Il produttore tunisino Ahmed Hamza ha concordato: "Abbiamo bisogno di innovare ed educare per mantenere metodi di coltivazione sostenibili di alta qualità e sostenere tali comportamenti con agricoltori, esportatori e consumatori”.

produzione-mondo-produttori-express-allarme-in-ultimi-tempi-di-olio-d-oliva-sondaggio-tempi-di-olio-d-oliva

Azienda agricola di olive di San Miguel, California

La situazione è diventata quasi insostenibile per alcuni piccoli agricoltori e distributori che sono stati colpiti dalla cascata di tutto questo.

Uno, Mary Teeter, che produce Il Bel Cuore in Italia e distribuisce il marchio negli Stati Uniti, ha condiviso questo:

"In questi giorni stiamo affrontando estremi in tutte le condizioni atmosferiche. Se non è un gelo quando le olive stanno germogliando, allora il vento estremo, il caldo, il freddo o la pioggia diventano i prossimi ostacoli che affrontiamo.

"Inoltre, la possibilità di ottenere forniture come il cartone è un altro ostacolo. Non c'era carta in Italia per fare le scatole di cartone che usiamo per contenere le lattine.

"Ora, il problema sono i ritardi di spedizione e la ricerca di spazio disponibile su una nave in arrivo negli Stati Uniti. Stiamo perdendo diversi mesi su un prodotto di consumo a causa delle carenze e dei ritardi.

"Potrebbe essere la fine della nostra piccola operazione. Vendiamo direttamente al consumatore e abbiamo molte variabili che influiscono sulla nostra capacità di sostenere la nostra attività.

"Persevereremo in questi tempi, proprio come questi alberi perseverano e crescono nelle condizioni più difficili”, ha affermato Teeter.

Ma John Cancilla a Marchese de Valdueza resistette con un certo ottimismo.

"Il rischio politico, i cambiamenti climatici, le turbolenze economiche e altri fattori stanno influenzando l'industria dell'olio d'oliva, ma questi stessi fattori, insieme a una crescente consapevolezza di un'alimentazione sana, danno origine a una serie di opportunità ", ha affermato.

"Una risposta rapida e misurata a queste condizioni esterne è stata fondamentale per la nostra continua crescita in questi tempi turbolenti. Sebbene cauti, siamo entusiasti di ciò che l'immediato futuro ha in serbo per noi olive oil proproduttori di tutto il mondo”.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti