L'azienda agricola biologica di Jaén apre la strada alla vendita di crediti di carbonio

O.Live genera circa 4.5 crediti di carbonio per ettaro dai suoi 1,000 ettari di oliveti biologici, stabilendo un modello per i produttori per aumentare le entrate.

Le mietitrici elettriche emettono meno carbonio rispetto alla raccolta meccanica. (Foto: José María Chica)
Di Daniel Dawson
11 dicembre 2023 17:55 UTC
1030
Le mietitrici elettriche emettono meno carbonio rispetto alla raccolta meccanica. (Foto: José María Chica)

La domanda di sostenibilità e in aumento l’olio d’oliva biologico a livello globale, con alcune ricerche di mercato che indicano che il valore del settore sarà più che raddoppiato entro il 2031.

Tuttavia, le sfide continuano a dissuadere molti coltivatori dal convertirsi a pratiche biologiche.

Quando gli agricoltori vogliono passare all'agricoltura biologica, molti scoprono rapidamente che non ci sono vantaggi economici… I crediti di carbonio sono una soluzione per cambiare la mentalità delle persone riguardo all'agricoltura biologica.- José María Chica, amministratore delegato di O.Live

A uno studio del 2018 condotto da ricercatori in Spagna ha studiato gli svantaggi affrontati dagli olivicoltori biologici rispetto alle loro controparti convenzionali.

Una delle sfide più significative è la resa inferiore degli alberi biologici rispetto a quelli convenzionali, con il risultato che i coltivatori biologici necessitano di più terreno per produrre la stessa quantità di olio d'oliva.

Vedi anche:L'espansione degli oliveti biologici rallenta in Spagna

Ciò è stato aggravato da aumento dei prezzi dell’olio d’oliva all’origine, che hanno reso l'olio d'oliva prodotto in modo convenzionale molto più redditizio da vendere per gli agricoltori nell'ultimo anno rispetto all'olio d'oliva biologico.

"Gli agricoltori biologici si trovano spesso in una certa posizione di svantaggio rispetto a quelli convenzionali», scrivono gli autori dello studio. "Il futuro dell’agricoltura biologica dipenderà dalla sua sostenibilità economica”.

José María Chica, amministratore delegato di O.Live, è ampiamente d'accordo con questa valutazione e sta sviluppando un modello di vendita di crediti di carbonio sul mercato volontario per rendere più redditizia l'olivicoltura biologica.

business-europe-organic-farm-a-jaen-traccia-la-strada-per-la-vendita-di-crediti-di-carbonio-tempi-dell-olio-di-oliva

José María Chica (a sinistra) con suo padre, José Chica

"Quando gli agricoltori vogliono passare all’agricoltura biologica, molti scoprono rapidamente che non ci sono vantaggi economici e nel giro di due o tre anni molti tornano all’agricoltura convenzionale”, ha detto Olive Oil Times. "I crediti di carbonio sono una soluzione per cambiare la mentalità delle persone nei confronti dell’agricoltura biologica”.

Situato a Jaén, una provincia dell'Andalusia responsabile di circa un terzo della produzione spagnola di olio d'oliva in un dato anno, O.Live vanta più di 1,000 ettari di uliveti biologici, un frantoio all'avanguardia alimentato da pannelli solari , un mulino storico e alcune infrastrutture turistiche.

Chica ritiene che i crediti di carbonio forniranno agli olivicoltori biologici un flusso di entrate alternativo mantenere queste pratiche e consentire loro di competere con gli olivicoltori convenzionali della regione.

"Emettiamo 4.5 crediti di carbonio per ettaro di uliveti ", ha affermato Chica. Un credito di carbonio equivale a una tonnellata di anidride carbonica sequestrata.

Attualmente, un credito di carbonio nel mercato della conformità dell'Unione Europea mestieri a € 68.08 ($ 73.28), che è circa il 15% in meno rispetto all'inizio dell'anno.

Secondo la normativa attuale, gli olivicoltori possono certificare le emissioni sequestrate risalenti a quattro anni fa. "In totale abbiamo a disposizione 18,045 crediti di carbonio”, ha affermato.

L'idea di iniziare a vendere crediti di carbonio è venuta a Chica tre anni fa dopo che alcuni suoi amici avevano iniziato a vendere i crediti attraverso il loro progetto di silvicoltura. Pensò che i 1,000 ettari di uliveti di O.Live, completi di colture di copertura, fossero molto simili al progetto forestale del suo amico e iniziò a indagare sulla possibilità.

Chica si è rivolta ai ricercatori dell'Università Politecnica di Madrid per determinare la quantità di anidride carbonica sequestrata dagli alberi e dal suolo, insieme alla quantità di carbonio emessa dall'azienda durante la coltivazione, la raccolta e la molitura delle olive nel proprio frantoio.

Ha aggiunto che i coltivatori devono essere scrupolosi in questo processo, compreso il conteggio delle emissioni provenienti dai lavoratori che si recano al lavoro e delle emissioni provenienti da varie attrezzature agricole.

pubblicità
pubblicità

Dopo aver preso questa decisione, Chica ha invitato una terza parte a verificare i risultati dello studio, cosa che hanno fatto. Chica ha poi portato lo studio a una società separata che ha generato il credito di carbonio in base ai suoi risultati.

Una volta certificati, i crediti vengono pubblicati in un registro pubblico sul sito blockchain, che secondo Chica crea trasparenza e responsabilità nel mercato. I crediti rimangono sulla blockchain, dove vengono pubblicati anche ordini e fatture, quindi il movimento dei crediti è molto pubblico e visibile.

Chica reinveste nell’azienda agricola il denaro guadagnato vendendo crediti di carbonio sul mercato volontario del carbonio per continuare a migliorarne la sostenibilità.

"La filosofia dei crediti di carbonio è l’addizionalità”, ha affermato. "Ogni anno devi essere migliore. Devi fare qualcosa per migliorare”.

Chica ha detto che l'azienda pratica agricoltura senza lavorazione, composta i rami potati e utilizza questo compost per fertilizzare il terreno.

business-europe-organic-farm-a-jaen-traccia-la-strada-per-la-vendita-di-crediti-di-carbonio-tempi-dell-olio-di-oliva

Cavalli, capre e api sostengono un ecosistema che sequestra il carbonio in modo più efficace di un’azienda agricola monoculturale. (Foto: José María Chica)

Negli uliveti dell'azienda sono presenti anche capre, api e cavalli che mangiano l'erba e fertilizzano naturalmente gli alberi.

"Naturalmente siamo biologici, quindi non utilizziamo insetticidi, pesticidi o fungicidi”, che richiedono tutti una quantità significativa di energia per la produzione, ha affermato.

La sostenibilità continua anche nello stabilimento, che incorpora pannelli solari e vanta la tecnologia più recente per utilizzare l'energia in modo più efficiente. L'azienda ha utilizzato anche il file noccioli di oliva come biocarburante per riscaldare l'acqua utilizzata nel mulino.

Attualmente, Chica vende crediti di carbonio ad aziende spagnole locali, compreso un ordine significativo di 4,000 all’inizio di quest’anno, quando i crediti venivano scambiati a 72 euro (77.50 dollari) ciascuno.

Una delle sfide con i mercati volontari è la speculazione. Il prezzo dei crediti di carbonio ha registrato una tendenza al ribasso nell'ultimo anno dopo aumenti significativi, ma Chica ritiene che i prezzi continueranno ad aumentare in futuro.

"Le persone acquistano crediti di carbonio oggi per rivenderli tra due, tre o quattro anni perché il prezzo è in calo adesso, ma [penso] aumenterà in futuro”, ha affermato.

Chica ha detto che fa del suo meglio per non vendere agli speculatori, che tentano di acquistare crediti a un prezzo inferiore e di trattenerli per rivenderli quando il prezzo aumenta.

"Non vogliamo vendere a qualcuno che vuole speculare con i miei crediti di carbonio”, ha detto. "Vendiamo direttamente ad aziende che compensano le loro emissioni per essere a zero emissioni di carbonio”.

Le entrate aggiuntive generate dalla vendita di crediti di carbonio hanno aiutato l'azienda ad affrontare le sfide del raccolto precedente e attuale in Spagna, ma Chica ha affermato che la ragione per cui O.Live è un produttore biologico va oltre le entrate aggiuntive.

O.Live raccoglie solitamente dai cinque ai sei milioni di chilogrammi di olive. L'anno scorso hanno raccolto solo un milione di tonnellate e quest'anno si aspettano di raccoglierne due milioni.

Il caldo intenso di maggio, al momento della fioritura, ha danneggiato gli alberi che stavano per fiorire, con conseguente riduzione dei raccolti.

"Per noi la sostenibilità è molto importante”, ha affermato Chica. "[Essere biologico] non riguarda solo i vantaggi economici [della vendita di crediti di carbonio], ma anche la creazione di un ambiente in cui i miei figli e i figli dei miei figli possano produrre anche olio extra vergine di oliva biologico."


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati