Gli olivicoltori della California abbracciano l'agricoltura rigenerativa per combattere le sfide climatiche

Dopo l’investimento iniziale, gli agricoltori californiani affermano che le pratiche agricole rigenerative migliorano la salute del suolo, combattono i parassiti e migliorano la qualità dell’olio.

Immagine generata dall'intelligenza artificiale
Di Thomas Sechehaye
13 settembre 2023 12:52 UTC
1075
Immagine generata dall'intelligenza artificiale

Nonostante Il 2023 insolitamente umido della California, gli agricoltori continuano a cercare modi per mitigare gli effetti del clima sempre più caldo e secco dello stato.

Anche se le piogge estive hanno contribuito a riempire i bacini idrici, i funzionari avvertono che un anno piovoso non ha invertito molti degli effetti a lungo termine della siccità.

Siamo solo a pochi anni dall’inizio di un viaggio a lungo termine. Crediamo che nel tempo i terreni sani portino ad alberi sani, che portano a frutti sani e ad un olio d'oliva ancora migliore.- Michael Fox, amministratore delegato della California Olive Ranch

Di conseguenza, gli olivicoltori di tutto lo stato continuano a proteggere le loro scommesse. Un modo in cui lo stanno facendo è abbracciando pratiche agricole rigenerative migliorare la salute del suolo e aiutarlo a trattenere più acqua.

"La grande idea alla base dell’agricoltura rigenerativa non è solo quella di produrre cibo in modo sostenibile, ma di invertire (o rallentare) cambiamento climatico", Michael Fox, amministratore delegato di California Olive Ranch (COR), detto Olive Oil Times. "Ciò avviene coltivando suoli sani, aumentando la biodiversità e migliorando gli ecosistemi complessivi”.

Vedi anche:Una migliore gestione del suolo salverà gli uliveti mediterranei

Fox ha affermato che COR, il più grande produttore di olio d'oliva del Nord America, continua a porre al centro l'agricoltura rigenerativa le sue strategie di mitigazione del clima nei suoi boschi in tutto lo stato.

"L’agricoltura rigenerativa va oltre le pratiche biologiche concentrandosi su qualcosa di più '“Vista a volo d’uccello” quali la rigenerazione delle risorse naturali, la promozione della resilienza delle aziende agricole e la creazione di un impatto positivo sull’ambiente”, ha affermato.

Tra le strategie adottate dall'azienda figurano la piantagione di colture di copertura nei propri oliveti, la riduzione della lavorazione del terreno, il compostaggio di rami di ulivo potati, sansa e acque reflue, il pascolo del bestiame negli oliveti e la riduzione dei fertilizzanti sintetici.

Anche i produttori più piccoli della California hanno riconosciuto la necessità di cambiare l’attuale paradigma agricolo.

"Siamo decisamente in linea con il crescente movimento dell'agricoltura rigenerativa ", ha detto Thom Curry, proprietario della Temecula Olive Oil Company Olive Oil Times. "Questa era la nostra missione molto prima che la terminologia diventasse una cosa.”

"Avevamo bisogno di andare oltre il biologico. Niente prodotti chimici, terreno edificabile, introduzione di animali nella fattoria ma non far parte del movimento della permacultura”, ha aggiunto. "Gli ulivi offrono una piattaforma meravigliosa per raggiungere questo obiettivo.

Gli ulivi prosperano su terreni non adatti ad altre colture. Gli alberi richiedono una quantità minima di acqua e il loro fabbisogno di erbicidi e pesticidi è moderato. Fox ha spiegato che gli ulivi sono già una coltura molto sostenibile.

affari-nord-america-california-coltivatori-di-oliva-abbracciano-l'agricoltura-rigenerativa-per-combattere-le-sfide-climatiche-tempi-dell'olio-di-oliva

California Olive Ranch (archivi OOT)

"La nostra ricerca mostra che i nostri alberi hanno un sequestro netto di carbonio di oltre 4 chilogrammi di anidride carbonica equivalente per litro prodotto”, ha affermato.

"Un altro modo per dirlo è che catturiamo più carbonio nella biomassa degli alberi e nel suolo di quanto ne produciamo direttamente per produrre il nostro petrolio”, ha aggiunto. "Crediamo che attraverso pratiche rigenerative continueremo a ridurre nel tempo il nostro impatto sull’ambiente”.

Oltre all'implementazione di strategie di agricoltura rigenerativa, Fox ha affermato che il COR sta studiando l'impatto di queste pratiche sugli ulivi e sull'ambiente in generale.

"Stiamo investendo nella ricerca per quantificare l'impatto delle pratiche rigenerative sugli ulivi ad alta densità in modo da poter condividere i risultati con altri coltivatori di olivi e colture speciali, sperando di ispirarli a mettere in atto pratiche simili ", ha affermato.

Pur celebrando il lavoro già svolto, Fox ha riconosciuto che l’agricoltura rigenerativa è una pratica a lungo termine su cui occorre lavorare continuamente.

pubblicità
pubblicità

"Siamo solo a pochi anni dall’inizio di un viaggio a lungo termine”, ha affermato. "Crediamo che nel tempo i terreni sani portino ad alberi sani, che portano a frutti sani e ad un olio d'oliva ancora migliore.

Oltre ad adottare queste strategie rigenerative sui suoi 2,000 ettari di uliveti gestiti dall'azienda nel nord della California, Fox ha affermato che COR condivide anche la sua ricerca con molti dei suoi 50 partner agricoli che coltivano olivi in ​​tutto lo stato.

Frank Olagaray, il proprietario di Blossom Vineyards, è tra i partner COR che abbracciano l'agricoltura rigenerativa. La sua azienda coltiva 280 ettari di uva da vino, 130 ettari di mandorle biologiche, 130 ettari di olive biologiche per olio d'oliva e 88 ettari di noci biologiche.

"Ho imparato alcune cose dalle idee dell’agricoltura biologica, sostenibile e rigenerativa”, ha detto Olive Oil Times. "Mi è stato insegnato che le erbacce e gli insetti erano dannosi per la produzione e che dovevano essere uccisi. Ora ho imparato a lavorare con le erbacce e gli insetti utili”.

Tuttavia, Olagaray ha aggiunto che l’agricoltura rigenerativa implica qualcosa di più della semplice piantagione di colture di copertura tra filari di alberi e viti. "Mi sembra che la maggior parte delle aziende agricole che si considerano rigenerative stiano solo aggiungendo colture di copertura alle proprie aziende agricole”, ha affermato.

"Utilizziamo colture di copertura nei nostri vigneti da 20 anni e non abbiamo riscontrato alcun miglioramento nella salute del nostro suolo", ha aggiunto. "Penso che ciò sia dovuto al fatto che stavamo coltivando il raccolto di copertura e la lavorazione distrugge il terreno”.

Invece, Olagaray ha affermato che il terreno è diventato significativamente più sano nei suoi campi biologici dopo aver ridotto la lavorazione al minimo assoluto e aver iniziato ad applicare liberamente il compost ottenuto da "25% di rifiuti alimentari e 75% di rifiuti di giardino”.

Vedi anche:In che modo l'agricoltura intensiva e la coltivazione dell'olivo influiscono sulla salute del suolo

"Abbiamo smesso di falciare le erbacce”, ha aggiunto. "Utilizziamo il pacciame tra i filari degli alberi per ridurre al minimo le erbacce”.

Olagaray ha aggiunto che incoraggiare la crescita delle piante autoctone lo ha aiutato a combattere le infestazioni di parassiti creare habitat naturali per i predatori.

"Abbiamo piantato siepi con piante autoctone e sembrano aiutare”, ha detto. "Le olive hanno un parassita chiamato cocciniglia nera che è difficile da controllare chimicamente. Da quando sono state piantate le siepi, la cocciniglia nera è stata tenuta sotto controllo per evitare che venisse parassitata da insetti utili”.

"Nelle nostre mandorle, stiamo spruzzando solo zolfo bagnabile per controllare la ruggine”, ha aggiunto. "Non stiamo effettuando alcuna irrorazione per gli insetti. Inoltre non ci sono parassiti nelle noci. Non so se è perché le siepi aiutano o perché gli alberi sono più sani e tengono lontani i parassiti”.

Nel frattempo, nei suoi boschi nel sud della California, Curry ha affermato che la sua azienda ha praticato pratiche agricole rigenerative negli ultimi 20 anni, seguendo la filosofia aziendale giapponese di Kaizen, che si traduce approssimativamente in 'bel cambiamento."

"Biologico, sostenibile e rigenerativo offrono elementi essenziali di un approccio olistico e indicano una filosofia generale”, ha affermato Curry.

"Lavoriamo per migliorare il nostro suolo, il che a sua volta migliora i nostri alberi”, ha aggiunto. "Ciò, a sua volta, migliora la qualità della nostra frutta. La frutta di qualità superiore unita al costante miglioramento delle tecniche di lavorazione migliora la qualità dei nostri prodotti sia in gusto più benefici alla salute. "

Il produttore dietro la Temecula Olive Oil Company è sempre alla ricerca di modi per migliorare le sue pratiche agricole. Il principale tra questi è aumentando la biodiversità tra gli ulivi.

"Utilizziamo colture di copertura e pasta di olive compostate per migliorare la salute del suolo ", ha affermato. "A ciò si aggiunge il fatto che le nostre pecore e le nostre galline pascolano negli uliveti”.

"Aumentare la biodiversità nel ranch con un miscuglio di piante per soddisfare gli impollinatori e gli utili”, ha aggiunto. "Questa biodiversità è utile anche da utilizzare sulla tavola per i nostri eventi da fattoria a fattoria”.

Mentre molti studi hanno dimostrato che il pascolo con gli animali è ottimo per la salute del suolo, Olagaray ha avvertito che il bestiame negli uliveti deve essere monitorato attentamente.

"Abbiamo provato a pascolare con le pecore tra gli ulivi un anno e ci siamo fermati ", ha detto. "Le pecore mangiavano olive più del previsto. Continuiamo a pascolare nei nostri frutteti di mandorli e noci”.

Un malinteso comune che gli agricoltori hanno riguardo alle pratiche rigenerative è la preoccupazione che integrare pratiche attente al clima nelle loro attività sarà più costoso che attenersi ad approcci convenzionali.

"Alla maggior parte degli agricoltori non piace il cambiamento”, ha detto Olagaray. "Quindi continueranno con la loro agricoltura chimica. L’idea è che l’agricoltura rigenerativa sia più costosa. Dirò che all’inizio costerà di più e, man mano che il terreno diventerà più sano, i costi diminuiranno”.

Secondo Fox, l’adozione dell’agricoltura rigenerativa è come qualsiasi altro investimento aziendale a lungo termine: un costo iniziale viene ripagato nel tempo.

"Crediamo che, nel tempo, l’aumento della biodiversità e altre pratiche rigenerative avranno un impatto positivo riducendo i nostri costi di produzione anche a lungo termine”, ha detto Fox.

"La verità è che, sebbene l’integrazione di pratiche rigenerative possa richiedere investimenti iniziali all’inizio, l’investimento nel futuro a lungo termine della vostra azienda agricola o ranch può non solo fornire risparmi sui costi, ma aumentare la resilienza e la longevità complessiva dell’azienda agricola”, ha concluso.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati