`I ricercatori reintroducono i pipistrelli negli uliveti andalusi per combattere i parassiti - Olive Oil Times

I ricercatori reintroducono i pipistrelli negli uliveti andalusi per combattere i parassiti

Può. 4, 2022
Simon Roots

Notizie recenti

Dopo aver valutato i risultati della reintroduzione dei pipistrelli nella penisola iberica, il Progetto LIFE Olivares Vivos+ ha annunciato l'espansione di questa iniziativa grazie alla combinazione di un'efficace riduzione dei parassiti delle olive e dei conseguenti benefici ecologici e finanziari derivanti dall'uso ridotto di pesticidi e fertilizzanti artificiali.

L'iniziativa è nata nel 2019 quando un gruppo di ricerca dell'Università di Évora, in Portogallo, ha condotto una serie di seminari in Spagna sull'efficacia dei pipistrelli come disinfestanti naturali, evidenziandone il potenziale come alternativa economica e sostenibile all'uso di prodotti chimici .

Durante la visita, il team ha studiato l'oliveto dimostrativo LIFE Olivares Vivos+ a Virgen de los Milagros, Jaén. Utilizzando strumenti appositamente costruiti e software per computer, hanno identificato da sei a 10 specie distinte di pipistrelli nel boschetto nel corso di una sola notte.

Vedi anche:I conservazionisti sperano di replicare il successo del progetto sulla biodiversità nel nord-est della Spagna

Il numero relativamente elevato di pipistrelli rilevato è stato attribuito al modello di allevamento olivicolo Olivares Vivos, che si basa sulla ricerca condotta dal dipartimento di ecologia del Università di Jaén in collaborazione con la Stazione Sperimentale Zone Aride del Consiglio Nazionale delle Ricerche Spagnolo.

Questo modello mira a ridurre l'impatto ambientale negativo dell'olivicoltura aumentando la biodiversità. Ciò si ottiene introducendo specie autoctone non coltivate, installando infrastrutture di supporto per la fauna come stagni, nidi e recinti; e il ripristino dei cosiddetti "aree improduttive” negli uliveti come calanchi, ruscelli, sentieri e muri.

pubblicità

Queste differenze tra il modello Olivares Vivos e i boschetti ad alta e altissima densità in gran parte uniformi, ormai comune in tutto il mondo, sono vitali per supportare i pipistrelli insettivori poiché, senza variazioni ambientali, l'ecolocalizzazione è inefficace.

Un importante studio condotto dai ricercatori dell'Università di Évora ha dimostrato che la semplificazione strutturale influenza in modo differenziale i modelli di attività sia dei pipistrelli insettivori che dei parassiti degli insetti all'interno degli uliveti. Inoltre, ha suggerito che la semplificazione strutturale potrebbe compromettere fortemente i controlli biologici forniti dai pipistrelli sui principali parassiti dell'olivo come la tignola dell'olivo.

I ricercatori in visita hanno concluso che il modello Olivares Vivos rappresenta un habitat eccellente per molte specie di pipistrelli, molti dei quali sono minacciati o in via di estinzione nella regione.

Da allora, le due organizzazioni hanno collaborato per migliorare ulteriormente il modello, incorporando specificamente la conservazione dei pipistrelli nei suoi obiettivi. Nuove misure risultanti da questa collaborazione includono l'introduzione di pali alti diversi metri con una varietà di strutture annesse che fungono da riparo e luoghi di nidificazione.

Questi non solo incoraggiano i pipistrelli di varie specie a colonizzare l'area, ma fungono anche da preziosi punti di riferimento per l'ecolocalizzazione simili a punti di riferimento. Tali punti di riferimento sono importanti per la capacità dei pipistrelli di mappare e navigare efficacemente nel territorio.

Come per tutte le iniziative del Progetto LIFE, la reintroduzione dei pipistrelli negli uliveti ha obiettivi pratici ed economici molto chiari oltre a quelli ambientali.

Un singolo individuo consumerà tipicamente tra 6,000 e 8,000 insetti di varie dimensioni e specie per notte. Ciò significa che, sebbene i boschetti che seguono il modello contengano un grado molto maggiore di diversità biologica, riducendo le specie di parassiti come il mosca di frutta d'oliva è ancora significativo.

Inoltre, il guano di pipistrello è estremamente ricco di nitrati, tanto da essere stato spesso estratto da grotte di tutto il mondo per uso agricolo.

Ciò conferisce un ulteriore vantaggio economico agli agricoltori attraverso la riduzione dei costi di input, poiché gli stessi parassiti consumati dai pipistrelli vengono quindi trasformati in un fertilizzante efficiente ed ecologico.

I risultati incoraggianti della ricerca fino ad oggi hanno anche implicazioni positive per l'espansione del Progetto LIFE oltre la Spagna e nel regione dell'Alentejo del Portogallo, le regioni del Toscana e Puglia in Italia; e sia il Peloponneso che Creta in Grecia.

Tutte queste aree hanno popolazioni di pipistrelli sia locali che migratori e ospitano varie specie vulnerabili o minacciate che possono trarre vantaggio da questa e iniziative simili.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti