L'insetto del pizzo verde oliva si aggiunge ai problemi del raccolto per gli agricoltori australiani

Le estati umide e gli inverni miti hanno permesso alla cimice australiana di diffondersi dalle sue solite piante ospiti agli ulivi in ​​tutta l'isola.

(Foto: Denis Crawford / Alamy)
Di Lisa Anderson
1 aprile 2024 16:34 UTC
0
(Foto: Denis Crawford / Alamy)

Produttori in tutta l'Australia anticipare risultati contrastanti con l'inizio della raccolta delle olive del 2024, alcuni devono affrontare ulteriori complicazioni a causa di una diffusa infestazione di merletti.

Le cimice di pizzo verde oliva (Froggattia olivinia) è un insetto succhiatore nativo australiano che si nutre della parte inferiore delle foglie. Negli ultimi anni, gli insetti si sono spostati dalle piante autoctone della famiglia degli ulivi a Olea europea, il nome scientifico dell'olivo.

Ci aspettavamo un anno lento, ma l’infestazione di merletti ha devastato tutti i nostri alberi… Mi aspetto anche che il prossimo raccolto nel 2025 sarà scarso, poiché gli alberi si impegneranno per riprendersi. - Ian Buchanan, coltivatore di olive

"Gravi infestazioni possono defogliare gli alberi e persino uccidere quelli giovani”, ha affermato Robert Spooner-Hart, professore associato di entomologia applicata e protezione delle colture presso la Western Sydney University.

Spooner-Hart collabora con l'industria olivicola in Australia e in Europa seguendo strategie di gestione integrata dei parassiti (IPM), che utilizzano l'intervento dei pesticidi solo quando necessario e le metodologie meno dannose per l'ambiente.

Vedi anche:Come la formica iberica può aiutare a controllare i parassiti negli uliveti

Mentre gli insetti del merletto dell'olivo sono stati segnalati negli uliveti in Sud Africa, Pakistan e India settentrionale, Spooner-Hart ha affermato che quello in Australia è una specie diversa.

"La nostra specie è originaria degli stati orientali del Nuovo Galles del Sud e del Queensland, ma ora si è diffusa in tutti gli stati produttori di olive, principalmente attraverso lo spostamento di piante infestate ", ha affermato Spooner-Hart, con il parassita segnalato in Victoria, South Australia, Western Australia e Tasmania.

"È considerato il principale parassita dell'olivo in Australia ", ha aggiunto, dal momento che mosca di frutta d'oliva, tignola dell'olivo e tripidi dell'olivo non sono presenti sull'isola. "Scaglia nera olivastra è un parassita comune ma meno importante", ha affermato Spooner-Hart.

Spooner-Hart, sulla base di una recente conversazione con un coltivatore del Victoria settentrionale, ha aggiunto questo "è chiaro che i merletti olivastri hanno utilizzato anche la cenere (Fraxinus excelsior, anche nella famiglia degli olivi delle Oleaceae) come ospite.”

Amanda Bailey, membro del comitato dell'Australian Olive Oil Association, ha confermato che il problema del pizzo delle olive è stato un problema in questa stagione.

"Nuove infestazioni si verificano regolarmente durante la stagione di crescita”, ha affermato. "In casi estremi, alcuni boschi hanno alberi defogliati a causa della cimice dell’olivo”.

attività-produttiva-australia-e-nuova-zelanda-olive-lace-bug-aggiunge-guai-al-raccolto-per-gli-agricoltori-australiani-oil-times

Boschetto abbandonato con gravi danni causati dalle cimici dei merletti. (Foto: Robert Spooner-Hart)

Ha aggiunto che lo stress e i danni agli alberi causati dalla cimice dell'olivo potrebbero mettere la pianta fuori produzione per due o tre stagioni e anche più a lungo se gli alberi non vengono trattati.

Bailey ha detto che le condizioni sono state perfette per gli insetti merletti olivastri in questa stagione. "In alcune zone, la pioggia ha impedito ai coltivatori di occuparsi del problema perché il terreno era troppo paludoso per portare le attrezzature nei boschi", ha spiegato.

Nel frattempo, lo ha detto Ian Buchanan, il proprietario della Jandra Olive Farm vicino a Eurobin, nel Victoria Olive Oil Times la sua fattoria ha effettivamente perso il raccolto quest'anno.

"Avremmo dovuto affrontare un anno lento – abbiamo avuto tre buoni raccolti consecutivi – ma l’infestazione di merletti ha devastato tutti i nostri alberi”, ha detto.

"Dall'esperienza passata, ciò significa che anche se ci sono ancora olive visibili sugli alberi senza foglie, non accumuleranno più olio ", ha spiegato Buchanan. "Mi aspetto anche che il prossimo raccolto nel 2025 sarà scarso, poiché gli alberi si impegneranno per riprendersi. Il raccolto del 2026 potrebbe essere spettacolare, ma è molto lontano da adesso."

A seguito dell'infestazione, Buchanan ha pianificato di acquistare quest'anno un intero raccolto di olive da frangere "per mantenere l’attività in funzione”.

pubblicità
pubblicità

Tuttavia, la cimice dell'olivo infestava l'oliveto dove avrebbe acquistato le olive e si aspettava che anche queste avrebbero perso il raccolto.

Per quanto ne sa, Buchanan ritiene che Jandra si trovi all'interno di un'area di 1,000 chilometri quadrati dove la maggior parte degli uliveti è interamente infestata. "Potrebbe benissimo essere più ampio di così, ma non ho visto un'ulteriore copertura mediatica al riguardo", ha detto. "So che è brutto nell'Australia occidentale.

Buchanan ha seguito le consuete misure preventive per scongiurare la cimice dell'olivo, ma ha detto che gli insetti si sono comportati diversamente in questo periodo dell'anno e sono riusciti a sopravvivere.

"Normalmente siamo competenti nella gestione del problema del pizzo dell’olivo”, ha spiegato. "Ogni anno ce ne occupiamo con piccoli focolai”.

Ha detto che la pratica migliore è l'irrorazione localizzata, che di solito viene eseguita in un veicolo aperto con un piccolo serbatoio.

"Il mio occhio è addestrato a individuare un ammasso da un veicolo in movimento", ha detto. "Abbiamo solo 750 alberi, quindi una persona può occuparsene. Di solito lo vediamo anche per primi sugli alberi sentinella (monitorati per il rilevamento precoce di insetti dannosi) lungo il perimetro”.

attività-produttiva-australia-e-nuova-zelanda-olive-lace-bug-aggiunge-guai-al-raccolto-per-gli-agricoltori-australiani-oil-times

Foglie di olivo danneggiate dalla cimice dell'olivo (Foto: Robert Spooner-Hart)

Ma ora le cose sono cambiate.

"Quest’anno, i focolai si sono verificati nel mezzo dei miei paddock, indicando che gli insetti hanno svernato con successo”, ha detto. "Normalmente, facciamo troppo freddo perché la cimice dell'olivo possa sopravvivere all'inverno; è originario del nord più caldo. Infatti, quest'inverno, per la prima volta in dieci anni, abbiamo avuto olive congelate; faceva insolitamente freddo.

Buchanan ha detto che ciò suggerisce che questi insetti si siano adattati al freddo. "Penso che sia alimentato anche dall’estate insolitamente umida che abbiamo avuto. L’umidità è stata dura”, ha detto.

Dopo l'irrorazione localizzata in primavera, Buchanan lo ha fatto di nuovo a gennaio prima di assumere un'azienda per irrorare l'intero boschetto due volte.

"Abbiamo sicuramente ucciso molti insetti, ma si sono rigenerati di nuovo”, ha detto. "In effetti, tutto quello che sono riuscito a fare è stato ritardare di qualche settimana il risultato finale”.

Buchanan ha anche osservato la presenza della cimice dell'olivo nei frassini maturi della regione.

"Puoi andare in giro e vedere degli insetti di pizzo verde oliva. Mentre i proprietari di uliveti potrebbero essere interessati a gestire questi insetti, gli alberi pubblici nei parchi e sul lato della strada non lo saranno ", ha affermato. "Quindi è difficile da contenere”.

Ha aggiunto che un altro fattore complicante è che i proprietari di ulivi ornamentali e gli agricoltori amatoriali potrebbero non notare le infestazioni, rivelandosi un rifugio per i merletti e rendendo difficile prevenire le epidemie.

"Vicino a me ci sono tre di questi boschetti, tutti pesantemente infestati ogni anno dalla cimice dell’olivo”, ha detto Buchanan. "Inevitabilmente, alcune di queste epidemie si diffondono nella mia direzione”.

Secondo Spooner-Hart, due principali condizioni climatiche influenzano la diffusione della cimice.

"Le condizioni calde e secche causano un’elevata mortalità nei giovani stadi ninfali (lo stadio di sviluppo tra una pupa e un insetto adulto), specialmente nei cingolati (insetti appena nati)”, ha detto. "Al contrario, condizioni miti e umide determinano alti tassi di sopravvivenza fino all’età adulta”.

"Le condizioni di siccità, soprattutto nelle colture non irrigue, fanno sì che gli alberi siano più stressati e meno capaci di tollerare i danni causati dagli insetti”, ha aggiunto Spooner-Hart.

Due anni di La Niña durante le campagne agricole 2021/22 e 2022/23 nell’Australia orientale, seguita da un insolito El Niño in cui il clima si è comportato più come durante La Niña, possono anche contribuire alla diffusione degli insetti.

"Abbiamo avuto condizioni adatte alla sopravvivenza degli insetti e all’accumulo di infestazioni”, ha affermato Spooner-Hart. "Gli inverni più miti probabilmente aiutano anche ad aumentare il numero di adulti svernanti e persino lo sviluppo delle uova durante questo periodo”.

Durante l'inverno più caldo, molti alberi non perdevano tutte le foglie, consentendo a più ninfe di sopravvivere.

"Negli ultimi due anni, diverse località, in particolare nell’Australia orientale, hanno segnalato gravi infestazioni di insetti”, ha affermato Spooner-Hart. "Ciò è probabilmente dovuto a una combinazione di queste condizioni”.

Spooner-Hart consiglia di monitorare regolarmente i boschetti a partire da metà primavera per rilevare l'emergere della prima coorte di merletti. Di solito ci sono tre coorti in una stagione.

Questo è fondamentale nel piano di gestione. "Sono più vulnerabili in questo momento come crawler (giovani ninfe) e non viaggiano, rimanendo in gruppi gregari", ha detto Spooner-Hart. "Originariamente, le infestazioni iniziano in punti caldi, che possono essere gestiti”.

L’altra strategia prevede l’applicazione di pesticidi tempestivamente mirata alle nuove ninfe emergenti nella prima coorte.

"Un certo numero di pesticidi sono registrati in Australia per la cimice dell'olivo, comprese opzioni organiche come saponi di potassio e altri progettati per adattarsi ai programmi IPM ", ha affermato Spooner-Hart.

"Abbiamo prove sostanziali che una o due applicazioni tempestive sono altamente efficaci per una o più stagioni”, ha aggiunto. "Non sono altamente dannosi per l’ecosistema ed è improbabile che causino problemi di resistenza ai pesticidi”.

La potatura degli alberi per creare una chioma più aperta è un'altra strategia per rimuovere la cimice dell'olivo nei piccoli uliveti, in particolare se i punti caldi sono contenuti.

Buchanan ha detto che hanno iniziato ad implementare alcuni cambiamenti nelle loro operazioni per diventare più resistenti alla cimice dell'olivo. Oltre all'irrorazione esplosiva all'inizio della primavera, sta anche conducendo alcune prove sugli insetti predatori.

Sebbene la diffusione della cimice sia ben consolidata a Victoria, Stephen Tham, il comproprietario di Tenuta degli ulivi di Cape Schanck nella penisola meridionale di Mornington, ha affermato che i parassiti non avevano ancora raggiunto i loro boschi.

"La biosicurezza limitando i visitatori al boschetto è la principale linea di difesa”, ha affermato. "La cimice dell’olivo si diffonde potenzialmente ampiamente attraverso le foglie infette e altro materiale vegetale di visitatori e lavoratori agricoli, macchinari condivisi e forse raccolta e lavorazione a contratto.

"Abbiamo smesso di avere lavoratori a contratto negli ultimi sei anni circa e abbiamo solo i nostri braccianti agricoli regolari, e mia sorella e mio marito, durante il raccolto e quindi abbiamo ridotto al minimo il rischio di contaminazione incrociata”, ha concluso.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati