Le pratiche agricole rigenerative migliorano la redditività delle aziende olivicole in forte pendenza

Dopo aver scoperto che la salute del suolo è migliorata negli uliveti abbandonati in forte pendenza, i ricercatori hanno determinato che l’agricoltura biologica e rigenerativa potrebbe produrre risultati simili.

Di Máté Pálfi
28 settembre 2023 13:21 UTC
741

Ricercatori nella regione meridionale spagnola dell'Andalusia hanno scoperto che seguire pratiche agricole rigenerative e biologiche negli uliveti in forte pendenza migliora la redditività e la sostenibilità.

I ricercatori dell’Istituto di ricerca e formazione agricola e della pesca (Ifapa) e dell’Università di Granada hanno stabilito che i sistemi di coltivazione che comportano la lavorazione continua degradano la salute del suolo e aumentano l’erosione.

Se venissero implementate pratiche agricole rigenerative e biologiche, gli agricoltori potrebbero accedere agli aiuti finanziari pubblici per questo tipo di colture e la loro produzione sarebbe più redditizia.- Francisco Bruno Navarro, ricercatore capo, Ifapa

Secondo i ricercatori, circa 495,400 ettari di uliveti in Andalusia, il 29.6% della superficie totale degli oliveti della regione, sono coltivati ​​su pendii con una pendenza superiore al 20%.

Topografia brusca, elevazioni irregolari e accessibilità difficile caratterizzano gli uliveti in forte pendenza. A causa di questi fattori, gli uliveti in forte pendenza spesso soffrono di una scarsa qualità del suolo, inclusa la mancanza di nutrienti, che porta gli agricoltori a coltivare il terreno e ad applicare fertilizzanti ogni anno.

Vedi anche:Il cambiamento climatico minaccia l'agricoltura in forte pendenza

A causa della qualità relativamente scarsa del suolo e dell’incapacità di meccanizzare gli uliveti, gli agricoltori che coltivano ulivi in ​​questi paesaggi impegnativi si trovano ad affrontare rendimenti economici ridotti e costi di produzione in aumento.

"Per questi motivi, molti lotti finiscono per essere abbandonati”, ha affermato Francisco Bruno Navarro, ricercatore capo dell’Ifapa. "Ciò provoca la perdita di attività socioeconomica in diverse aree di oliveti in pendenza, come Jaén, Granada, Málaga e Córdoba, che rappresentano il 26% della superficie totale di questa coltura in Andalusia.

In un studio pubblicato all'inizio di quest'anno su Renewable Agriculture and Food Systems, i ricercatori hanno scoperto che la salute del suolo e la biodiversità generalmente migliorano negli uliveti in forte pendenza dopo che sono stati abbandonati, il che ripristina le funzioni ecologiche.

Tuttavia, i ricercatori hanno aggiunto che questi risultati di abbandono potrebbero essere raggiunti attraverso pratiche di agricoltura biologica e rigenerativa, consentendo agli agricoltori di farlo migliorare la salute del suolo e aumentare la redditività dei loro uliveti in forte pendenza.

attività di produzione-europa-pratiche-di-agricoltura-rigenerativa-migliorare-la-redditività-delle-coltivazioni-di-olivi-in-pendio-coltivazioni-di-olio-d'oliva-tempi

Uliveti in ripidi pendii in Andalusia

Il modo principale per gli agricoltori per raggiungere questo obiettivo è seguire le pratiche agricole di non lavorazione e incoraggiare la crescita della copertura vegetale tra i filari di ulivi, che i ricercatori hanno scoperto proteggeva il suolo dall'erosione, migliorava la ritenzione idrica e creato habitat per i predatori naturali di parassiti pervasivi dell’olivo.

"È un sistema di coltivazione più naturale e redditizio che aiuta a fermare i processi erosivi e la scarsità di biodiversità”, ha affermato Bruno Navarro.

I ricercatori sono giunti a queste conclusioni dopo aver valutato attentamente le pratiche di gestione del territorio in 20 diversi appezzamenti sparsi nelle regioni olivicole più significative della Spagna, comprese le province andaluse di Córdoba, Jaén, Granada e Málaga.

Questi appezzamenti selezionati rappresentavano uno spettro di condizioni, che andavano da aride e secche a umide e fertili, consentendo un confronto dettagliato dei vari approcci agricoli.

Lo studio ha preso in esame sei sistemi di coltivazione, ognuno dei quali rivela la propria impronta ecologica: biologico con lavorazione del terreno, biologico con copertura spontanea, convenzionale, convenzionale senza lavorazione, abbandonati e in via di abbandono.

I ricercatori hanno intrapreso una valutazione approfondita e dettagliata della biodiversità in termini di flora e del mondo dei lepidotteri, un ordine di insetti che comprende falene e farfalle.

Sulla base dei risultati, la ricerca ha stabilito che le pratiche di lavorazione convenzionale erano più erosive e provocavano il degrado del suolo.

Al contrario, l’approccio ecologico, caratterizzato dalla coltivazione di una copertura vegetale protettiva, ha dato i migliori risultati in termini di salute dell’ecosistema e redditività dell’oliveto.

"Inoltre, se venisse attuato, gli agricoltori potrebbero accedere agli aiuti finanziari pubblici per questo tipo di colture e la loro produzione sarebbe più redditizia”, ha affermato Bruno Navarro.

La prospettiva di accedere al sostegno finanziario pubblico ai sensi del ultima iterazione della politica agricola comune l’adozione di questi metodi biologici potrebbe migliorare l’economia dei paesaggi agricoli in forte pendenza.

Una volta gettate le basi, i ricercatori si sono concentrati sullo studio del lato microbiologico degli uliveti incolti o coperti di vegetazione, cercando la durata necessaria affinché il suolo si adatti alle nuove condizioni di crescita.

"Vogliamo verificare quanto tempo impiega il suolo per adattarsi alle nuove condizioni di crescita, definire come il clima influenza questo cambiamento e valutare questioni come la fissazione del carbonio per esplorare tutti i vantaggi degli uliveti abbandonati ecologicamente in pendenza ", ha affermato Bruno Navarro.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati