`Coltivatori e produttori di Jaén potrebbero perdere 1 miliardo di euro a causa dello scarso raccolto - Olive Oil Times

Coltivatori e produttori di Jaén potrebbero perdere 1 miliardo di euro a causa dello scarso raccolto

Agosto 26, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il capitolo Jaén di Cooperativas Agro-alimentarias, la principale cooperativa agricola spagnola, stima che la provincia produttrice di olio d'oliva più grande del mondo potrebbe perdere fino a 1 miliardo di euro nel prossima raccolta delle olive se le condizioni attuali rimangono le stesse.

L'organizzazione ha affermato che la provincia produrrà 230,000 tonnellate di olio d'oliva nella prossima campagna, significativamente in calo rispetto alle 499,796 tonnellate prodotte nella campagna 2021/22, che rappresentano il 38% di tutto Spagnolo olive oil produzione.

Vedi anche:Si prevede che la raccolta delle olive a Valencia cadrà del 75%.

Higinio Castellano, il presidente di Cooperativas Agro-alimentarias Jaén, ha accusato il estrema siccità di cui la regione soffre per le scarse aspettative di raccolto. Ha aggiunto che il problema potrebbe peggiorare ulteriormente se non piovesse da qui all'inizio della vendemmia.

Sebbene Jaén abbia sperimentato un raccolto simile nel Anno del raccolto 2014/15, l'anno peggiore per i produttori nell'ultimo decennio, Castellano ha avvertito che il calo della produzione di quest'anno avrebbe impatti economici più profondi.

I costi di produzione sono aumentati in modo significativo nel 2022, alimentati dall'aumento dei prezzi per fertilizzante, prodotti fitosanitari e prezzi dell'energia. Di conseguenza, Cooperativas Agro-alimentarias ha chiesto al governo federale spagnolo di abbassare le tasse su questi fattori produttivi prima dell'inizio della raccolta in ottobre.

pubblicità

Castellano ha aggiunto che le restrizioni sull'uso dell'acqua hanno avuto un impatto anche sui boschi pluviali della provincia e ha invitato le autorità a revocare il divieto di cannoni d'acqua nei boschi non irrigui.

Le stime di Cooperativas Agro-alimentarias arrivano subito dopo che Deoleo, il più grande imbottigliatore di olio d'oliva del mondo, ha annunciato un notevole calo dei profitti e le autorità locali di Jaén hanno approvato un piano per l'occupazione da 10 milioni di euro per compensare i salari persi dai raccoglitori di olive in questo raccolto.

Anche la siccità in corso in Spagna ha rallentato lo slancio del settore. A luglio, le vendite di olio d'oliva hanno raggiunto 135,000 tonnellate, il 13% in più rispetto allo stesso mese del 2021.

Esportazioni di olio d'oliva alimentato un surplus commerciale nella prima metà del 2022 a Andalusia;, la comunità autonoma in cui si trova Jaén. Produttori e imbottigliatori hanno esportato 1.3 miliardi di euro di olio d'oliva nei primi cinque mesi dell'anno, con un aumento di circa il 23% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Da parte loro, i produttori hanno già adeguato i loro prezzi, che sono del 15 per cento più alti rispetto a un anno fa, per compensare quello che quasi sicuramente sarà un raccolto scarso.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti