`Siccità e caldo causano preoccupazione per gli agricoltori in tutta la Spagna - Olive Oil Times

Siccità e caldo causano preoccupazione per gli agricoltori in tutta la Spagna

Febbraio 23, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il settore agricolo in Spagna è in gravi difficoltà e rischi incorrere in enormi perdite a causa del caldo estremo e della mancanza di precipitazioni, ha avvertito Agrosegur, un'associazione di assicurazioni agricole.

È ancora troppo presto per stimare le perdite che il settore potrebbe subire poiché potrebbe piovere nelle prossime settimane, il che ridurrebbe i danni alle colture.

La maggior parte delle regioni del sud della Spagna e alcune parti del nord, inclusa la Catalogna, stanno subendo l'effetto del siccità prolungata. Agrosegur ha affermato che è probabile che il settore perderà fino a 210 milioni di euro a meno che non arrivino presto le piogge.

Vedi anche:Il cambiamento climatico sta rendendo le siccità più frequenti e gravi

Secondo AEMET, l'agenzia meteorologica spagnola, gennaio 2022 è stato il più secco dal 1961 e ha registrato le temperature più alte. In media, il paese era di 2.1 ºC più caldo del solito.

L'AEMET ha affermato che il secondo gennaio più secco sperimentato in questo secolo è stato nel 2005. L'ufficio meteorologico nazionale ha aggiunto che gli agricoltori avrebbero bisogno di sussidi di emergenza se non piovesse nelle prossime due settimane.

pubblicità

In Castilla-La Mancha la situazione è preoccupante e i raccolti saranno probabilmente completamente rovinati a meno che non piova nelle prossime due settimane.

Nel frattempo, in Estremadura, le colture di cereali e ortaggi lottano poiché la Confederazione idrografica della Guadiana limita l'irrigazione a causa dei bassi livelli dell'acqua dei bacini idrici.

Andalusia;, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo con un ampio margine, è una delle regioni più colpite della Spagna.

L'inverno non è arrivato con piogge sufficienti, che sono fondamentali per il germogliamento e la fioritura dell'olivo. A peggiorare le cose, il Guadalquivir, il fiume più vitale dell'Andalusia, è al 28% della sua capacità.

Secondo l'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori della Catalogna (JARC), in alcune parti della Spagna settentrionale, gli agricoltori hanno perso circa il 30% dei raccolti a causa di periodi di siccità prolungati e continuano a perdere il 10% ogni settimana in cui non cade la pioggia. Inoltre, se le piogge non arrivassero presto, il JARC ha stimato che gli agricoltori perderebbero dai 300 ai 400 euro per ettaro.

Il Coordinatore delle organizzazioni agricole e zootecniche (COAG), la principale associazione di agricoltori e allevatori in Spagna, ha affermato che circa il 50% delle aziende agricole del paese sta assistendo alla rovina finanziaria dovuta alla siccità quest'anno.

Se le cose non cambiano e la pioggia sufficiente non arriva presto, nel giro di settimane, le colture che dipendono dalla pioggia come olive, cereali e vigneti registreranno perdite comprese tra il 60% e l'80%.

Nel sud di Almería, Andrés Góngora, un coltivatore di pomodori di 46 anni, è un uomo preoccupato. Si aspetta l'acqua da un impianto di desalinizzazione su cui fa affidamento affinché l'irrigazione inizi a essere razionata.

"Gli ultimi due, tre anni sono stati asciutti, con la tendenza a piovere sempre meno”, ha detto. "I raccolti di cereali per quest'anno sono andati persi".



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti