`Lo studio rivela gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore olivicolo spagnolo - Olive Oil Times

Lo studio rivela gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore olivicolo spagnolo

Può. 23, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Una recente rapporto del Coordinatore delle organizzazioni dell'agricoltura e dell'allevamento (COAG) ha scoperto che cambiamento climatico ha comportato 550 milioni di euro di perdite annue per il settore agricolo spagnolo, pari a circa il 6% del suo valore totale,

Il rapporto è stato il primo a documentare il impatti del cambiamento climatico sugli uliveti, i vigneti, i pascoli e le colture di cereali della Spagna.

Agire con urgenza oggi per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1.5 °C è più efficiente e meno costoso. La prevenzione del cambiamento climatico, quindi, ci aiuterà a proteggere la nostra agricoltura e la nostra economia.- Andoni García, responsabile dell'azione sindacale, COAG

La ricerca ha indicato che l'aumento delle temperature globali di 1.5 ºC al di sopra della media preindustriale potrebbe comportare la perdita dell'80% di terreni agricoli adatti a varietà di olive come Manzanilla o Hojablanca in Andalusia;, che ospita il 60 percento di tutti gli uliveti spagnoli.

La ricerca precedente lo stimava olive oil produzione nella Sierra Mágina, nel centro-sud di Jaén, diminuirebbe rispettivamente del 3.5% e del 7% per gli uliveti irrigati e pluviali, con un aumento della temperatura di 1.5 ºC.

Vedi anche:I ricercatori lavorano per identificare le varietà di olive che meglio si adattano alle temperature più elevate

Tuttavia, il rapporto prevedeva anche quello del Paese iconica varietà Picual resisterebbero a questo livello di aumento della temperatura e continuerebbero a mantenere i raccolti nonostante i periodi di siccità prolungati.

Il rapporto prevedeva anche che un tale aumento di 1.5 ºC ridurrebbe i raccolti di grano dell'8% e la terra utilizzata per la produzione di vino di alta qualità del 10%.

pubblicità

Il rapporto COAG ha inoltre rilevato che un aumento di 2 ºC delle temperature globali comporterà una diminuzione dell'11% delle risorse idriche e metterà in pericolo i pascoli di lecci, una parte iconica del paesaggio iberico meridionale, nell'Estremadura occidentale e in Andalusia.

Inoltre, un aumento di 2.5°C influenzerebbe in modo significativo le olive Picual e probabilmente comporterebbe la scomparsa dei pascoli di lecci nella maggior parte della Spagna meridionale.

Molti in Andalusia, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo con un ampio margine, temono che le primavere più calde influiranno negativamente sugli ulivi quando fioriranno e mettere in pericolo le future raccolte di olive.

Durante la presentazione del rapporto, Andoni García, responsabile dell'azione sindacale di COAG, ha affermato che i risultati dei rischi climatici dovrebbero essere la base per lo sviluppo di strategie per scongiurare il cambiamento climatico e proteggere i terreni agricoli.

"Agire con urgenza oggi per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1.5 °C è più efficiente e meno costoso", ha affermato. "La prevenzione dei cambiamenti climatici, quindi, ci aiuterà a proteggere la nostra agricoltura e la nostra economia e garantire che un'estate eterna non prosciughi la nostra gastronomia, tradizioni, cultura e identità».



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti