Piccoli produttori e oleoturismo protagonisti all'Ercole Olivario

I vincitori del concorso principale parteciperanno al progetto di monitoraggio della durata di conservazione, che aiuterà a migliorare le migliori pratiche per produttori e consumatori.
I vincitori del 32° Ercole Olivario con Giorgio Mencaroni (al centro), presidente della Camera di Commercio dell'Umbria (Foto: Ercole Olivario)
Di Ylenia Granitto
16 aprile 2024 01:22 UTC

Ercole Olivario, un concorso per il migliore italiano oli extra vergine di oliva, ha concluso il suo 32nd edizione del 6 aprileth a Perugia presso l'auditorium San Francesco al Prato, punto di riferimento culturale del capoluogo umbro.

Promosso dall'Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura (Unioncamere), con la collaborazione della Camera di Commercio dell'Umbria, Ercole Olivario è l'unico concorso istituzionale nazionale dedicato al settore dell'olio d'oliva.

Vedi anche:Concorsi oleari Notizia

Ampliato negli ultimi anni con l'inserimento di diverse iniziative collaterali, il concorso ha l'obiettivo di promuovere i produttori italiani di olio d'oliva e sostenere le aziende orientate alla qualità.

Nel corso dell'evento di chiusura, Federico Sisti e Giorgio Mencaroni, rispettivamente segretario generale e presidente della Camera di Commercio dell'Umbria, hanno annunciato i 12 vincitori dell'ambito trofeo, consistente in una replica in miniatura del tempio di Ercole Olivarius.

concorsi-impresa-europa-piccoli-produttori-oleoturismo-protagonisti-all-ercole-olivario-olive-oil-times

Il tempio di Ercole Olivarius fu costruito nel II secolo aC nel cuore di Roma. (Foto: Ercole Olivario)

Sono stati premiati due produttori da Umbria, Sardegna e Puglia, e un produttore per ciascuno da Trentino-Alto Adige, Toscana, MolisePremiate anche la Campania, la Calabria e la Sicilia.

La metà dei produttori vincitori lo hanno fatto Denominazione d'origine protetta (DOP) e Indicazione geografica protetta (IGP).

Gli oli d'oliva premiati saranno oggetto del Progetto di Monitoraggio della Shelf Life, che sarà realizzato in collaborazione con l'Università di Perugia.

"Per questa edizione abbiamo presentato questo progetto di ricerca sperimentale che conferma ulteriormente il prestigio del concorso”, ha detto Mencaroni.

"Viene eseguito attraverso analisi strumentali e sensoriali e si concentra sui dati relativi alla conservazione a lungo termine degli oli extra vergini di oliva finalisti", ha aggiunto. "Con particolare attenzione alle loro proprietà salutistiche, lo studio fornirà informazioni utili sia ai produttori che ai consumatori”.

Otto invece i premi assegnati ai produttori siciliani, pugliesi, laziali e abruzzesi della quarta edizione del concorso di qualità delle olive da tavola, con un premio per metodo di lavorazione.

Inoltre, tre agricoltori siciliani DOP e due produttori toscani e pugliesi sono stati premiati a La Goccia d'Ercole, dedicata ai piccoli produttori italiani.

Sisti ha affermato che la competizione secondaria è stata istituita per offrire ai piccoli produttori, alcuni dei quali non soddisfano i requisiti minimi di produzione per concorsi più grandi, la possibilità di sperimentare e far giudicare i loro oli extra vergini di oliva da una giuria di esperti.

"È infatti diventato un incubatore, dove stiamo scoprendo oli extra vergini di oliva eccezionali, e anche un'esperienza attraverso la quale gli agricoltori hanno la possibilità di formarsi per partecipare al concorso principale in futuro e per affrontare meglio la competizione del mercato globale ", ha disse.

Commissioni regionali hanno selezionato i partecipanti all'Ercole Olivario durante le degustazioni effettuate nelle settimane precedenti. In alcune regioni le selezioni avvenivano tramite concorso.

Quindici marchi laziali sono stati ammessi dopo aver vinto il Premio Roma Evo indetto dalla Camera di Commercio di Roma, mentre 13 marchi umbri sono stati selezionati al concorso Oro Verde dell'Umbria presso la Camera di Commercio locale.

La giuria del concorso nazionale era composta da 16 assaggiatori professionisti provenienti da tutte le regioni italiane partecipanti, guidati da un capo giuria e da un coordinatore.

concorsi-impresa-europa-piccoli-produttori-oleoturismo-protagonisti-all-ercole-olivario-olive-oil-times

Federico Sisti (a sinistra) e Giorgio Mencaroni (a destra) con Marina Colonna e Andrea Caterina al 32nd Ercole Olivario (Foto: Ercole Olivario)

L'evento ha visto anche il lancio del primo rapporto sull'oleoturismo in Italia, frutto della collaborazione tra l'associazione Città dell'Olio, il consorzio Unaprol-Coldiretti e Roberta Garibaldi, massima esperta di turismo enogastronomico.

Secondo il loro studio, l'industria dell'oleoturismo del paese comprende circa un milione di aziende con un valore della produzione di quasi 2 miliardi di euro.

pubblicità
pubblicità

Il rapporto contiene dati dettagliati, altri approfondimenti sull'attrattività del settore e le migliori pratiche delle aziende italiane che sviluppano un progetto di accoglienza oleoturistica.

Gli organizzatori dell'Ercole Olivario hanno recentemente introdotto il Premio speciale Giorgio Phellas per l'oleoturismo, andato all'azienda siciliana Mandranova.

"Siamo davvero felici di questo riconoscimento perché crediamo fortemente nelle potenzialità dell’oleoturismo”, racconta la comproprietaria Silvia Di Vincenzo Olive Oil Times. "La nostra azienda è vicina alla Valle dei Templi di Agrigento, sito patrimonio dell’UNESCO e punto di riferimento del turismo.”

"Disponiamo di una struttura ricettiva dove ospitiamo persone provenienti da tutto il mondo e le coinvolgiamo in mini corsi di degustazione di olio d'oliva ”, ha aggiunto. "Tali corsi di formazione includono la spiegazione dell'intero processo produttivo, informazioni sulle proprietà nutrizionali dell'olio extravergine di oliva e suggerimenti per gli abbinamenti gastronomici.

"Vogliamo che chi visita la nostra azienda capisca cos'è un olio extravergine di oliva di alta qualità e cosa si nasconde dietro la sua produzione”, ha continuato Di Vincenzo.

Nel corso dell'evento sono stati consegnati altri premi speciali ad aziende toscane, molisane, trentine-alto adige, calabresi e umbre, che si sono distinte in diversi ambiti, come l'imprenditoria femminile e giovanile, la comunicazione digitale e il packaging.

Infine, una menzione di merito ha ricevuto il miglior monovarietale della stagione, prodotto in Sardegna.

I vincitori dell'Ercole Olivario per ogni categoria sono:

Olio Extra Vergine di Oliva – Fruttato Leggero

  • Primo Classificato: Molensis, Marina Colonna, Molise

Olio Extra Vergine di Oliva – Fruttato Medio

  • Primo Classificato: GangaLupo, Azienda Agricola Bisceglie Maria, Puglia
  • Secondo Classificato: Alphabetum, Masoni Becciu di Deidda Valentina, Sardegna

Olio Extra Vergine di Oliva – Fruttato Intenso:

  • Primo Classificato: Concordu, Nicola Solinas, Sardegna
  • Secondo Classificato: Torchia, Oleificio Torchia, Calabria
  • Terzo Classificato: Schinosa, Aziende Agricole Di Martino, Puglia

DOP/IGP – Fruttato Leggero:

  • Primo Classificato: Batta DOP Umbria Colli del Trasimeno, Frantoio Batta, Umbria

DOP/IGP – Fruttato Medio:

  • Primo Classificato: Colleruita DOP Umbria Colli Assisi – Spoleto, Azienda Agraria Viola, Umbria
  • Secondo Classificato: Brioleum Garda DOP Trentino, Azienda Agricola Brioleum, Trentino-Alto Adige
  • Terzo Classificato: Agrestis Nettaribleo Dop/Bio DOP Monti Iblei – Monte Lauro, Società Cooperativa Agricola Agrestis, Sicilia

PDO/IGP – Fruttato Intenso:

  • Primo Classificato: Hirpinia DOP Irpinia – Colline dell'Ufita, San Comaio, Campania
  • Secondo Classificato: Biologico Bio IGP Toscano, Frantoio Franci, Toscana

I vincitori della Goccia d'Ercole sono:

Olio extravergine d'oliva:

  • Primo Classificato: Biologico, Società Agricola Buonamici Srl Unipersonale, Toscana
  • Secondo Classificato: Rodonea, Società Agraria Petrizzelli Snc, Puglia
  • Terzo Classificato: Selezione del Conte, Tenuta il Corno, Toscana

DOP/IGP:

  • Primo Classificato: Foglie di Platino IGP Sicilia Biancolilla Bio Premier Cru, Società Agricola Vincenzo Signorelli & Partners Srl, Sicilia
  • Secondo Classificato: DOP Involio Nocellara del Belice, l'Azienda Vitivinicola Casa di Grazia di Di Francesco Maria Grazia, Sicilia
  • Terzo Classificato: Don Peppino IGP Sicilia, Azienda Agricola Sikulus, Sicilia

L' Sito web di Ercole Olivario e le pagine dei social media forniscono l'elenco completo dei vincitori del 2024 e informazioni sugli eventi in programma.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati