Il settore olivicolo francese prevede una perdita del raccolto del 50%.

Le torride temperature estive e la prolungata siccità della regione hanno portato a un'allegagione significativamente inferiore in Francia e a un raccolto notevolmente inferiore.
Donna che raccoglie le olive a mano nel sud della Francia
Agosto 16, 2022
Simon Roots

Notizie recenti

A seguito delle previsioni di perdite record di raccolto in Italia e Spagna, France Olive ha avvertito che gli eventi meteorologici estremi di quest'anno potrebbero comportare perdite del 50 percento anche per la raccolta delle olive in Francia.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, la Francia ha prodotto 4,600 tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22, che è stata anche segnato da numerose sfide climatiche.

Vedi anche:2022 Olive Harvest

France Olive ha affermato che il 2022 è stato caratterizzato da caldo record e siccità nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, che rappresenta oltre il 60% della popolazione francese olive oil produzione.

L'organizzazione ha aggiunto che le ondate di caldo di questa estate "si susseguono e hanno avuto frequenti effetti negativi sulla produzione”.

Sebbene l'olivo sia particolarmente resistente al caldo e alla siccità, l'acqua gioca un ruolo fondamentale in alcune fasi del ciclo vitale della pianta. L'albero è costretto a sacrificare elementi dei suoi normali processi biologici per sopravvivere a una siccità, risparmiando così le risorse disponibili.

pubblicità

"[La Francia] ha avuto anni eccezionalmente caldi prima, ma questo è diverso", ha affermato Laurent Béborgey, produttore e presidente di France Olive. "La siccità si è verificata al momento della fioritura... solo il 20 percento dei nostri raccolti in Francia viene irrigato. Questa è la prima volta che vediamo [siccità] accadere su questa scala”.

La Francia ha avuto il luglio più secco mai registrato e l'estate ha già visto tre ondate di caldo. Inoltre, il soffocante e l'estate secca è stata peggiorata dalla mancanza di neve caduta sulle Alpi durante l'inverno, poiché l'acqua di disgelo costituisce una parte significativa dell'approvvigionamento idrico della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Secondo la Commissione europea, circa la metà dell'Unione europea sta attualmente affrontando un rischio di siccità a causa della prolungata assenza di precipitazioni, sollevando timori di significative perdite di raccolto in più settori, con gli uliveti tradizionali alimentati a pioggia, particolarmente a rischio.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti