Agricoltori e produttori italiani confermano la ripresa della produzione

La produzione di olio d'oliva per la campagna 2023/24 è stata sostenuta da forti raccolti nel sud.

(Foto: Masseria dei Nunzi)
Di Paolo DeAndreis
22 febbraio 2024 17:15 UTC
1250
(Foto: Masseria dei Nunzi)

Secondo l'ultimo aggiornamento della Commissione Europea, la produzione italiana di olio d'oliva dovrebbe raggiungere le 324,000 tonnellate nella campagna 2023/24.

A causa degli scarsi raccolti in Spagna più Grecia, Si prevede che quest'anno l'Italia produrrà un terzo dell'olio d'oliva europeo. Inoltre, circa il 75% della produzione del paese soddisfa la qualità dell'olio extra vergine di oliva.

Ci sono anche le commissioni confermare le aspettative a cui hanno riferito i produttori italiani Olive Oil Times in ottobre, proprio mentre era in corso la vendemmia.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2023

Il fruttuoso raccolto ricostituirà anche le scorte di olio d'oliva nel paese. Secondo il Ministero italiano delle Politiche Agricole, Sovranità Alimentari e Foreste, lo stoccaggio italiano di olio extra vergine di oliva ammonta ora a oltre 200,000 tonnellate, superando di gran lunga le 96,000 tonnellate registrate in ottobre.

Nel complesso, azioni italiane su tutte gradi di olio d'oliva ha raggiunto le 269,574 tonnellate alla fine di gennaio, con un aumento del 14% rispetto a dicembre 2023. Le scorte di olio d'oliva biologico ammontano a 40,552 tonnellate. Tuttavia, le scorte di olio d'oliva rimangono inferiori del 14.5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Sebbene la produzione di olio d'oliva abbia raggiunto la media del decennio precedente nel 2023/24, le rese variavano enormemente tra le regioni.

Piogge eccessive e eventi meteorologici estremi, come le ripetute ondate di caldo, hanno diminuito la produzione in gran parte dell’Italia centrale e settentrionale, mentre le regioni meridionali se la sono cavata molto meglio.

Nella regione settentrionale della Lombardia, i coltivatori hanno dovuto affrontare alcune delle condizioni climatiche più rigide.

"Non avevamo nulla da raccogliere", Paul Willan, proprietario della Rovereglio, Ha detto Olive Oil Times. "Abbiamo perso l'intera produzione a causa di tre devastanti grandinate. Nessuna produzione su più di 1,000 ulivi.

Quegli eventi estremi furono avvertiti sia nelle campagne che nelle città. "A Como, una città [non lontano dall'azienda agricola di Roveglio], la grandine è stata così grande che ha rotto i vetri e danneggiato i pannelli fotovoltaici”, ha detto Willan.

"Inoltre, le grandinate hanno portato infezioni Pseudomonas savastanoi, che si sta diffondendo in tutta la zona", ha aggiunto parlando del batterio responsabile della nodulo dell'olivo.

Nella regione nord-orientale del Veneto, le rese di olio d'oliva sarebbero leggermente migliori che in altre parti del nord Italia.

"Quest'anno abbiamo avuto un raccolto normale e siamo molto soddisfatti della qualità", ha affermato Johannes Pan, direttore marketing della Pannelloolio, Ha detto Olive Oil Times. "Il volume era normale rispetto agli anni precedenti.”

Tuttavia, ha avvertito che la persistente siccità sperimentata nella regione ha influito negativamente sulla produzione di olio d'oliva "diventano ogni anno sempre più difficili. Lo sforzo necessario per ottenere buoni risultati diventa sempre maggiore”.

"Sta diventando sempre più difficile fare affidamento sulle previsioni meteorologiche e, senza il supporto tecnico, molte cose in agricoltura probabilmente non sarebbero più possibili come lo erano dieci anni fa”, ha aggiunto Pan.

Sul lato opposto del nord Italia, anche i coltivatori liguri, noti per le loro olive taggiasche, hanno lamentato gli effetti del clima secco in corso.

pubblicità
pubblicità

"A causa della siccità, la raccolta delle olive è stata disastrosa in termini di volume", Nicola Ferrarese, comproprietario di Tèra de Prie, Ha detto Olive Oil Times. "Grazie ad alcune piogge tardive, però, la qualità è straordinaria”.

"La notevole nota amara legata ad un difetto del secco dell'anno scorso ha lasciato il posto ad una Taggiasca spettacolare”, ha aggiunto.

Altre importanti regioni produttrici di olio d'oliva dell'Italia centrale, come Umbria, Toscana e Lazio, hanno riportato risultati contrastanti.

"Il raccolto non è stato buono per qualità e volumi, scesi di circa il 40% rispetto allo scorso anno”, ha affermato Massimo Romiti, titolare dell'azienda umbra. La Mdonnuccia, Ha detto Olive Oil Times.

"All'inizio di ottobre abbiamo iniziato la raccolta seguendo le nostre procedure per garantire la migliore qualità", ha aggiunto. "Tuttavia l’olio extra vergine di oliva che ne risultava era povero di aromi e profumi, per questo ho deciso di interrompere la raccolta”.

Romiti ha affermato che i volumi delle olive sono stati influenzati negativamente dalle piogge di maggio, che hanno ritardato la fioritura.

"Successivamente è arrivata la siccità e infine, con la pioggia d'agosto, il mosca di frutta d'oliva è apparso”, ha detto, aggiungendo che l’azienda agricola sta ora investendo molto nella produzione biologica e nel miglioramento delle operazioni di potatura.

Nel frattempo, anche i produttori del vicino Lazio hanno riportato risultati disomogenei.

"La raccolta non è andata bene in termini di volumi. Abbiamo riscontrato un calo dal 60 al 70%”, Antonio Gioacchini, titolare della Olio Solum, Ha detto Olive Oil Times. "La qualità, invece, è di prim’ordine”.

Secondo Gioacchini le precipitazioni hanno colpito pesantemente il "bella” fioritura di inizio stagione, che ha compromesso le rese tra maggio e giugno.

Viceversa Pietro Re, fondatore e amministratore delegato della Vicino Olio Tamia, ha registrato un aumento del volume del 30% rispetto all'anno precedente.

"Si tratta di una tendenza molto positiva, considerando le sfide che affrontiamo nella nostra regione, dove è stata segnalata una significativa riduzione della produzione", ha dichiarato Olive Oil Times. "Anche se i nostri rendimenti [di lavorazione] sono diminuiti dell’1.5% rispetto all’anno scorso, la qualità rimane molto elevata”.

Poiché i maggiori volumi di olio d’oliva italiano – con un ampio margine – sono prodotti nel sud del paese, i risultati di queste regioni influenzano in modo significativo le cifre nazionali complessive.

Tuttavia, anche nelle regioni meridionali, i produttori hanno dovuto far fronte ad alcuni eventi meteorologici estremi.

Lo ha raccontato Giovanni Petrazzuoli, produttore situato sulle colline di Caiazzo, in Campania Olive Oil Times che le precipitazioni eccessive durante la fioritura hanno influito sull'impollinazione.

"I volumi di produzione in questa stagione sono diminuiti del 30% a causa della pioggia continua in quel periodo", ha affermato. "Stiamo notando sempre più gli impatti del cambiamento climatico”.

"Avremo altre stagioni come l'ultima, o anche peggio, quindi dobbiamo essere resilienti e gestire i nostri oliveti in modi innovativi ", ha aggiunto Petrazzuoli.

Intanto Barbara Bibbò, titolare del vicino Masseria dei Nunzi, ha sottolineato come le condizioni meteorologiche avverse potrebbero influire sulla qualità.

"Mancavano poche settimane alla raccolta con un'eccellente quantità di olive sugli alberi ", ha raccontato Olive Oil Times. "Una forte grandinata nel mese di settembre ha compromesso gravemente la nostra coltivazione del monovarietale Ortice-San Giorgio, autoctono della nostra regione. Pertanto, quest'anno abbiamo deciso di non produrre il monovarietale".

"Abbiamo comunque ottenuto un ottimo blend, il nostro Terra Oleum, con le altre varietà presenti nei terreni dell'azienda”, ha aggiunto.

In Sicilia, alcune regioni dell'isola segnalano un raccolto inferiore alle aspettative.

"Le prime indicazioni ci dicono che la produzione complessiva di olio d'oliva siciliano sarà inferiore dal 20 al -% ", Salvatore Bono, comproprietario di Bonolio, Ha detto Olive Oil Times. "I nostri volumi saranno alla pari con quelli dell'anno scorso poiché avevamo previsto una svolta al ribasso e abbiamo proceduto ad alcune acquisizioni strategiche per migliorare le nostre fonti di olio d'oliva ".

Gli agricoltori locali hanno avvertito di volumi inferiori ad Agrigento, in Sicilia, pur segnalando rese di alta qualità.

"La raccolta delle olive è stata più faticosa e impegnativa del solito”, Silvia Di Vincenzo, comproprietaria dell' Mandranova, Ha detto Olive Oil Times. "Un anno molto caldo, è stato fondamentale irrigare. La maturazione dei frutti è stata più lenta e disomogenea tra le varietà. Eppure ce l’abbiamo fatta”.

"La qualità del prodotto è buona, grazie al fatto che seguiamo ogni giorno il nostro uliveto, permettendoci di raggiungere un alto livello di qualità", ha aggiunto. "I volumi sono inferiori alla media”.

La Puglia è solitamente responsabile del 50-60% della produzione nazionale sulla terraferma, rendendola la più grande regione produttrice di olio d'oliva in Italia. I produttori pugliesi hanno riferito principalmente di aver avuto un buon raccolto.

"È stata una vendemmia pazzesca”, Lucia Di Molfetta, comproprietaria di Di Molfetta Pantaleo a Bisceglie, una delle zone più produttive della Puglia, raccontata Olive Oil Times. "Abbiamo recentemente terminato la produzione la settimana scorsa, ma quest'anno il prezzo di acquisto delle olive è stato significativo".

Ha aggiunto che, nonostante la politica del frantoio di acquistare solo frutta nelle migliori condizioni per produrre il suo olio extra vergine di oliva, quest'anno non sono mancate le opportunità. "Abbiamo avuto volumi di produzione importanti e una qualità eccellente”, ha detto Di Molfetta.

Lei però lo ha avvertito alti prezzi dell'olio d'oliva aveva abbassato il margine tra produttori di alta e bassa qualità, incentivando alcuni a risparmiare sui costi di produzione approfittando dei prezzi elevati dell'olio d'oliva vergine e lampante.

"Purtroppo oggi la differenza tra noi che lavoriamo sulla qualità e chi non lo fa ha lo stesso valore sul mercato perché i prezzi sono diventati così alti che difficilmente possiamo permetterci di aumentare ulteriormente i nostri prezzi rispetto alla grande distribuzione organizzata”, Ha concluso Di Molfetta.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati