La Commissione europea prevede una tendenza al rialzo della produzione dopo la battuta d'arresto di quest'anno

La produzione e le esportazioni dovrebbero aumentare in Spagna e Portogallo. L'Italia vedrà incrementi di produzione modesti e minori importazioni. Si prevede che la produzione in Grecia diminuirà.

Cooperativa Valpaços, Portogallo (Archivio OOT)
Dicembre 16, 2021
Di Daniel Dawson
Cooperativa Valpaços, Portogallo (Archivio OOT)

Notizie recenti

Olive oil prola produzione nell'Unione europea dovrebbe raggiungere 1.98 milioni di tonnellate nell'anno agricolo 2021/22, secondo stime preliminari dalla Commissione Europea.

Non sorprende che la Spagna dovrebbe aprire la strada con 1.3 milioni di tonnellate di produzione, seguita da Italia (315,000 tonnellate), Grecia (235,000 tonnellate), Portogallo (120,000 tonnellate), Cipro (6,100 tonnellate), Francia (4,605 tonnellate), Croazia ( 3,044 tonnellate) e la Slovenia (280 tonnellate).

La scarsità d'acqua e la concorrenza con altri usi potrebbero rimanere una sfida per lo sviluppo futuro della resa, che dovrebbe aumentare dell'2031% all'anno fino al -.- Ricercatori, Commissione Europea

Aggiornata il mese scorso, la commissione prevede che la produzione di quest'anno sarà significativamente inferiore ai 2.23 milioni di tonnellate prodotte nell'anno agricolo 2020/21 e del cinque percento al di sotto della media mobile quinquennale.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2021

In un rapporto separato, la commissione ha adottato un tono più ottimista per il futuro, prevedendo una media annuale olive oil produzione per salire a 2.5 milioni di tonnellate entro il 2031, un aumento del 22 per cento rispetto al 2020.

Secondo la commissione, la crescita sarà alimentata da "migliore redditività e creazione di valore”.

pubblicità

"La ripresa dell'UE prezzi dell'olio d'oliva nel 2020/21 ha stimolato gli investimenti in nuove piantagioni di ulivi ", hanno scritto gli esperti della commissione. "Dietro ciò, la creazione di valore in termini più ampi rimane significativa, portando a un miglioramento della redditività soprattutto nei superintensivi (super-alta densità) sistemi”.

Tuttavia, la commissione ha anche avvertito che cambiamento climatico rimarrà una sfida per gli olivicoltori ed è probabile che aumenti le variazioni della resa annuale e influisca sulla qualità dell'olio.

"Per gestire ciò, le varietà resistenti dovrebbero sostituire quelle attuali", hanno scritto gli esperti della commissione. "Nel frattempo, scarsità d'acqua e la concorrenza con altri usi potrebbe rimanere una sfida per lo sviluppo futuro della resa, che dovrebbe aumentare dell'2031% all'anno fino al -".

In generale, la commissione si aspetta di vedere una crescita eterogenea in otto principali paesi produttori di olio d'oliva nel blocco di 27 membri.

"In particolare, in Spagna, Italia e Portogallo si prevedono aumenti della produzione media annua nell'intervallo dal 2.5% al ​​-%", hanno scritto gli esperti della Commissione. "Si prevede un calo limitato della produzione in Grecia, che riflette una combinazione di un calo di una piccola area con uno sviluppo della resa in ritardo".

"The Pandemia di covid-19 ha colpito anche il settore, che è stato affrontare la carenza di manodopera nel corso del 2020, soprattutto nei sistemi di raccolta meno meccanizzati", hanno aggiunto. "Malattie come Xylella fastidiosa e gli eventi meteorologici e climatici (es. ondate di calore e siccità) sono le principali incertezze che potrebbero impedire la realizzazione degli aumenti di produzione previsti”.

La commissione prevede anche extra-UE esportazioni per crescere insieme all'appetito mondiale per l'olio d'oliva, che sale a un milione di tonnellate entro il 2031. Attualmente, l'UE esporta circa 650,000 tonnellate di olio d'oliva ogni anno.

"Poiché il consumo pro capite rimane basso nelle principali destinazioni di esportazione dell'UE, il potenziale di crescita è elevato", hanno scritto gli esperti della Commissione. "Pertanto, le esportazioni si espanderanno e assorbiranno una quota maggiore del petrolio disponibile. La crescita dei consumi nell'UE dovrebbe essere trainata dai paesi non produttori”.

"La creazione di valore dovrebbe essere sostenuta tramite le esportazioni di olio d'oliva imbottigliato e di alta qualità (compreso biologico) anche se una certa mercificazione potrebbe non essere impedita", hanno aggiunto. "Le importazioni dell'UE potrebbero rimanere elevate, riflettendo l'aumento della produzione nei paesi non UE".

affari-produzione-europea-commissione-europea-prevede-una-tendenza-al-rialzo-nella-produzione-dopo-questi-anni-rimbalzo-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Impianto di confezionamento della cooperativa di Valpaços, Portogallo

La commissione stima che le esportazioni di olio d'oliva extra UE aumenteranno maggiormente in Portogallo e Spagna, crescendo rispettivamente del tre percento e del nove percento.

"Nel complesso, la Spagna dovrebbe rimanere un attore chiave nel mercato globale dell'olio d'oliva, che potrebbe utilizzare l'espansione prevista delle capacità di produzione per soddisfare la domanda emergente della regione Asia-Pacifico in particolare ", hanno scritto gli esperti della commissione. "Inoltre, le esportazioni di Spagna e Portogallo verso il Brasile hanno mostrato un potenziale di crescita. "

Nel frattempo, si prevede che anche la Grecia vedrà un leggero calo delle esportazioni in volume, anche se si prevede che manterrà una quantità costante di esportazioni in valore, a causa del previsto calo della produzione.

Attraverso il Mar Ionio, l'Italia dovrebbe vedere le sue importazioni diminuire a causa del suo previsto aumento della produzione.

Pur rimanendo ottimista sul commercio extra-UE, la Commissione stima un leggero calo del pro capite consumo di olio d'oliva nei principali paesi produttori, con flessioni annue stimate tra lo 0.4 e lo 0.6 per cento.

"Questo declino riflette la maturità del mercato e diversi stili di consumo delle generazioni più giovani”, scrivono gli esperti.

Tuttavia, prevedono che il consumo complessivo cresca poiché gli Stati membri dell'UE non mediterranei guidano la domanda di olio d'oliva. La commissione ha attribuito una crescente consapevolezza dell'olio d'oliva benefici alla salute e la crescente popolarità di Dieta mediterranea per entrambi questi cambiamenti.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti