1355

Affari

Le olive portano lo sviluppo sostenibile in Pakistan

Il Pakistan continua ad approfondire i legami con l'Italia per portare l'hardware e le conoscenze tecniche necessarie al nascente settore dell'olio d'oliva.
Un nuovo sistema di irrigazione a goccia in Pakistan (Foto: PakOlive)
Di Ofeoritse Daibo
2 gennaio 2024 14:29 UTC

Per oltre un decennio, il Pakistan e l'Italia hanno lavorato per creare un settore sostenibile dell'olio d'oliva nelle province rurali del Pakistan.

Alla fine di novembre, i rappresentanti di entrambi i paesi si sono incontrati al PakOlive National Gala a Islamabad per rafforzare la cooperazione.

L’obiettivo finale sono le esportazioni. Il nostro obiettivo è esportare circa l'80-90% dell'olio d'oliva.- Muhammad Ramzan Anser, vicedirettore del progetto, Cefort

"L'Italia e il Pakistan hanno una storia e relazioni molto buone ", ha detto Muhammad Ramzan Anser, agronomo e vicedirettore del progetto presso il Centro di eccellenza per la ricerca e la formazione sull'olivo (Cefort). Olive Oil Times.

"Esiste un grande ponte di fiducia tra le due parti", ha aggiunto. "Infatti, l'Italia ha aperto un ufficio commerciale in Pakistan lo scorso novembre durante il PakOlive National Festival."

Vedi anche:Festival e conferenze danno slancio al settore dell'olio d'oliva pakistano

Anser descrive la crescita del settore dell’olio d’oliva in Pakistan come a "speranza” per il Paese. Dato che il tasso di disoccupazione del Pakistan è dell'8.5%, ovvero circa 15.51 milioni di persone nel 2023, il settore dell'olio d'oliva promette di apportare benefici a molti, rilanciando allo stesso tempo l'economia del paese.

"Il rapporto è reciprocamente vantaggioso ", ha detto Muhammad Tariq, direttore del progetto nazionale per la promozione della coltivazione dell'olivo in Pakistan Olive Oil Times. Ha osservato che centinaia di migliaia di ulivi sono stati piantati in collaborazione con l'Italia in un decennio.

"Sono già state piantate oltre 5.6 milioni di piante”, ha affermato. "In Pakistan esiste una coltivazione su larga scala di ulivi per l'olio d'oliva. Ogni anno vengono piantate dalle 500,000 alle 800,000 piante da vivaio per l'olio d'oliva.

"Fino a questo punto, l’8% di queste piante sono nella fase di fruttificazione, mentre altre sono a maturità media perché sono state piantate in fasi diverse”, ha aggiunto Tariq.

Con la crescita del settore, il Pakistan ha raddoppiato i suoi sforzi per ridurre la propria dipendenza dai vivai stranieri per diventare un attore indipendente significativo nel mondo dell'olio d'oliva.

"In precedenza, queste piante da vivaio venivano importate, ma tutto questo è cambiato con il lavoro del governo pakistano”, ha detto Tariq. "Finora sono state piantate milioni di piante da vivaio nostrane, e queste piante sono state piantate gradualmente nelle varie province”.

"Il Pakistan ora ha esperienza nella gestione, nello sviluppo e nelle tecniche dei vivai e può fornire piante coltivate in casa certificate esenti da malattie in misura sufficiente per soddisfare la domanda degli agricoltori”, ha aggiunto.

Anser ritiene che questi e altri sviluppi significhino che il settore dell'olio d'oliva del Pakistan si sta muovendo su un percorso sostenibile. Innanzitutto, la maggior parte degli ulivi cresce aree un tempo sterili.

"Gli uliveti ora fiorenti del Pakistan venivano coltivati ​​su terreni con attività economica pari a zero. Ha affermato che la coltivazione dell'olivo su queste terre marginali ha creato opportunità di business e di lavoro per i poveri delle zone rurali", ha affermato.

"È stata sicuramente una missione geologica, avvenuta senza sostituire alcun raccolto in Pakistan", ha aggiunto Anser. "Stiamo invece convertendo le terre desolate in uliveti massimizzando al tempo stesso il potenziale dell’agricoltura nel paese. Inoltre, potenzialmente quattro milioni di ettari di tale terreno sono disponibili per future coltivazioni”.

È stato dimostrato che la conversione di centinaia di ettari di terreno arido non solo porterà benefici finanziari ai proprietari terrieri e agli agricoltori, ma potrebbe anche avere un impatto negativo impatto positivo sulla fauna e sulla flora rallentando al tempo stesso gli effetti del cambiamento climatico.

"Gli uliveti sono stati dichiarati uno dei le migliori armi contro il cambiamento climatico", ha detto Anser. "A differenza di altre iniziative sul cambiamento climatico, piantare alberi di ulivo crea un’iniziativa verde e promuove un’attività sostenibile, in cui gli agricoltori poveri possono guadagnare un reddito”.

pubblicità
pubblicità

La capacità della coltivazione dell’olivo di alleviare la povertà rurale e mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici si estende anche ai sottoprodotti del processo di produzione dell’olio d’oliva.

L'industria dell'olio d'oliva produce vasti sottoprodotti, come foglie, residui di sansa e acque reflue, da cui è possibile estrarre ingredienti per realizzare cosmetici, inclusi saponi e creme, alimenti, materiali di imballaggio e prodotti farmaceutici.

Tariq ha affermato che il Pakistan trae vantaggio da questi sottoprodotti e, di conseguenza, è un produttore di molti prodotti finiti legati all'olio d'oliva, supportando lavoratori con competenze diverse.

"Questo è il primo prodotto a cui forniamo assistenza lungo tutta la catena del valore, dal vivaio ai prodotti finiti", ha affermato. "Dei 45,000 acri (18,000 ettari) già coltivati, l'anno scorso sono state raccolte un equivalente di circa 110 tonnellate [di olive], da 40 a 50 tonnellate di tale importo sono state destinate a prodotti a valore aggiunto.

A rivedere l'articolo pubblicato in Comprehensive Reviews in Food Science and Food Safety ha osservato: "i sottoprodotti dell'olio d'oliva sono considerati materie prime poco costose e abbondanti, ricche di composti bioattivi con attività elevate e varie legate alla salute.

Questi sottoprodotti favoriscono la sostenibilità della filiera dell’olio d’oliva e promuovono l’economia circolare.

Secondo Tariq, "34 unità di spremitura a freddo vengono utilizzate per estrarre e lavorare fino a 30-50 chilogrammi di olio d'oliva all'ora, disponibili nel settore privato e pubblico.

"Sono stati acquistati dall’Italia dal governo”, ha aggiunto. "Anche le organizzazioni non governative e gli agricoltori privati ​​ne hanno acquistati alcuni. Di conseguenza, c'è molto spazio per prodotti a valore aggiunto come la produzione di sapone e la produzione di creme idratanti che ora vengono prodotte nelle zone rurali."

Nonostante gli enormi passi avanti, le sfide esistono. "Non ci sono abbastanza tecnici certificati per gestire macchine personalizzate e pezzi di ricambio poiché queste macchine provengono dall’Italia”, ha detto Tariq.

"La seconda sfida è che dobbiamo discutere su come mantenere la qualità dell'olio d'oliva dalla terra ai frantoi e insegnare e formare costantemente gli agricoltori a mantenere i più alti standard di qualità ", ha aggiunto.

Un altro problema, secondo Tariq, è il costo della produzione nazionale. "In Pakistan non viene effettuata la lavorazione delle bottiglie colorate. Pertanto, queste bottiglie di olio d'oliva devono essere importate dalla Cina e altrove. E questo aggiunge i costi dell’olio d’oliva”.

Questo problema è confermato da Anser, il quale ha osservato che, sebbene esista già una domanda locale per l'olio d'oliva prodotto, costa da $ 10 a $ 15 (da € 9 a € 13.50) al litro, che solo un segmento del mercato può permettersi.

La maggior parte delle case pakistane cucina tradizionalmente friggendo. Di conseguenza, "il governo sta lavorando fianco a fianco per migliorare il più economico olio di canola”, ha detto Anser.

"L’obiettivo finale sono le esportazioni”, ha aggiunto. "Il nostro obiettivo è esportare circa l'80-90% dell'olio d'oliva. Tuttavia, continuiamo a vedere che un segmento della società è sempre più consapevole dell'uso di farmaci e farmaci benefici per la salute dell'olio d'oliva e sono più attenti alla salute.

"C'è una crescente accettazione dell'olio d'oliva a livello locale e quest'anno il marchio locale, PakOlive, è stato lanciato a livello governativo", ha continuato Anser. "Ce n'è una piccola quantità disponibile sullo scaffale, ma la maggior parte dell'olio d'oliva può essere trovato online. I consumatori possono anche visitare queste unità di spremitura a freddo per acquistare direttamente l'olio d'oliva vergine.

Tariq ha aggiunto che mentre i pakistani raccolgono e macinano le olive, gran parte della competenza tecnica proviene dagli italiani.

"Recentemente, l'Italia e il Pakistan hanno istituito l'iniziativa OliveCulture", ha affermato. "Questo progetto fornisce agli agricoltori competenze di potatura e altri tipi di tecniche, offerte da esperti italiani in visita”.

"Esiste sicuramente il potenziale per esportare olio d'oliva di alta qualità in Italia ", ha aggiunto Tariq. "Attualmente, il Pakistan e l’Italia godono di un commercio annuo di 2 miliardi di euro”.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati