Gli agricoltori francesi avvertono l'impatto del peggioramento della siccità

La mancanza di precipitazioni lo scorso autunno e inverno, combinata con un basso livello di umidità del suolo e livelli d'acqua, significa che le restrizioni idriche sono già state attuate in tutta la Francia meridionale.
Ares, Francia
Può. 25, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Molte regioni della Francia affrontano una siccità prolungata che sta influenzando la disponibilità di acqua, l'umidità del suolo e le attività agricole.

Le previsioni mostrano che la maggior parte dei dipartimenti francesi dovrà far fronte a una lunga estate secca che aggraverà gli effetti della siccità in diverse aree.

Dobbiamo essere sinceri, con le previsioni idrologiche che Meteo France ha prodotto per la fine di maggio e l'inizio di giugno, ci sarà un'intera parte della Francia che sarà comunque permanentemente colpita.- Jean-Charles Deswarte, agronomo, Arvalis

Una cartina pubblicato del Ministero per la Transizione Ecologica mostra che 76 dei 96 dipartimenti francesi sono in stato di allerta. Inoltre, 26 (dei 76) sono in stato di massima allerta.

Rischio di siccità i livelli sono determinati esaminando i livelli dell'acqua in bacini idrici, laghi e fiumi, considerando anche i livelli di umidità delle acque sotterranee e del suolo.

Vedi anche:Siccità e caldo causano preoccupazione per gli agricoltori in tutta la Spagna

Secondo il ministero, le attuali restrizioni sull'uso dell'acqua vengono applicate nei dipartimenti meridionali, dove viene prodotta la stragrande maggioranza dell'olio d'oliva del paese.

Secondo il quotidiano francese LeMonde, le cupe previsioni per l'attuale siccità sono alimentate da precipitazioni significativamente inferiori alla media lo scorso autunno e inverno, che di solito ripristinano i livelli dell'acqua e portano a una maggiore disponibilità nel corso della stagione.

pubblicità

Simon Mittelberger, climatologo di Méteo-France, ha detto a LeMonde che la situazione sarebbe probabilmente peggiore in 22 dipartimenti entro la fine dell'estate.

La scarsità d'acqua a maggio, unita alla minore umidità del suolo e al calore da record, sta avendo un impatto particolarmente profondo sull'agricoltura.

"Il mese di maggio non è solo molto caldo, ma anche molto secco", ha detto ad Agence France Press Olivier Proust, ingegnere di previsione presso Météo-France. "Dal confine belga all'Atlantico, abbiamo un deficit di precipitazioni dal 20 al 30 per cento".

Quest'estate, gli impatti più significativi dovrebbero essere avvertiti dai produttori di grano e orzo.

"L'impianto è attualmente nella fase di preparazione, un periodo cruciale che determina il numero di grani e la loro qualità", ha affermato Joël Limouzin, agricoltore e vicepresidente della Federazione nazionale dei sindacati degli agricoltori.

Ha aggiunto che molti agricoltori in diverse aree, compresi quelli che di solito non ne hanno bisogno, hanno già utilizzato l'irrigazione per sostenere le colture utilizzate per il cibo degli animali.

Vedi anche:Gli agricoltori stanno affrontando il brusco della siccità in peggioramento del Portogallo

"Dobbiamo essere sinceri, con le previsioni idrologiche che Meteo France ha prodotto per la fine di maggio e l'inizio di giugno, ci sarà un'intera parte della Francia che, in ogni caso, sarà permanentemente colpita", Jean-Charles Deswarte, agronomo presso l'istituto colturale Arvalis, ha detto a Reuters.

Secondo Deswarte, quasi un terzo del potenziale delle colture è già andato perso nelle regioni con livelli idrici superficiali o intermedi del suolo in calo. Di conseguenza, il potenziale delle colture potrebbe diminuire del 50 percento in alcune aree.

"Che si tratti di mais, girasole o sorgo, quando non c'è acqua, non c'è pianta", ha detto.

Data la situazione e l'enorme quantità di acqua necessaria per il settore, l'industria agroalimentare in diverse aree si sta battendo per il riutilizzo delle acque reflue trattate, normative considerate più severe in Francia che altrove in Europa.

La situazione della scarsità d'acqua è particolarmente preoccupante per il sud della Francia e molte aree in cui si coltivano gli ulivi sono attualmente colpite dalla siccità.

Nel sud-est, i livelli delle precipitazioni sono diminuiti del 53%, dalle Bouches-du-Rhône alle Alpes-de-Haute-Provence.

La prefettura di Bouches-du-Rhône ha attivato uno stato di crisi per i bacini del fiume Huveaune, il che significa che 19 comuni e alcune aree di Marsiglia devono affrontare restrizioni idriche. Secondo quanto riferito, diverse porzioni del fiume si sono prosciugate.

Per limitare gli effetti della siccità, il ministero ha affermato che le misure mirano a preservare l'acqua "e garantire l'accesso all'acqua potabile e per la salute pubblica rimanendo attenti alle sfide delle attività agricole ed energetiche”.

"Di fronte alla siccità, risparmiare acqua deve essere affare di tutti”, ha concluso il ministero.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti