La siccità del Nord Italia continua a peggiorare

Le associazioni di agricoltori stimano che le rese dei raccolti subiranno un impatto significativo poiché le autorità locali pongono limiti alla quantità di acqua disponibile per l'irrigazione.
Ostiglia, Italia
Giu. 22, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

An siccità in corso nel nord Italia continua a peggiorare e ad aggravare il problema della scarsità d'acqua che affligge i centri abitati e l'agricoltura della regione.

In molte zone della Pianura Padana non piove da più di 110 giorni e le riserve idriche di montagna si sono prosciugate rapidamente dopo un inverno estremamente secco che ha portato alla mancanza di manto nevoso.

Stiamo vivendo una delle peggiori siccità di sempre. In questo momento, abbiamo bisogno di chiarezza e di un'azione coordinata.- Alberto Brivio, presidente, Coldiretti Bergamo

La combinazione di fattori significa che i livelli dei fiumi principali sono scesi a un minimo storico. Le autorità locali stimano che il fiume Po sia sceso ai livelli più bassi degli ultimi 70 anni, con enormi conseguenze sull'agricoltura locale.

Il fiume è la spina dorsale delle regioni agricole del nord Italia, considerate le più significative dell'intero Paese per produzione alimentare di base.

Vedi anche:ONU in via di sviluppo di oliveti e mulini in aree soggette a siccità dell'Iraq

Quando i livelli dell'acqua dolce nel fiume Po diminuiscono, più acqua salata del Mare Adriatico entra nel fiume, con un impatto negativo sulle piante e sugli animali locali che dipendono dal fiume. Fenomeni simili si verificano anche in altri fiumi della regione.

Con il prosciugamento di numerose falde acquifere e pozzi, vaste aree stanno vivendo un'estrema carenza d'acqua. Alcuni residenti in Piemonte e Lombardia potrebbero presto dover affrontare i divieti notturni sull'uso dell'acqua consigliati dall'ente locale.

pubblicità

Dozzine di altre località hanno rifornimenti idrici forniti da altrove e nell'area ferrarese dell'Emilia-Romagna le autorità hanno chiesto a 250,000 persone di utilizzare meno acqua possibile.

L'attuale siccità è stata esacerbata anche da molti giorni di temperature elevate, che dovrebbero aumentare ulteriormente nelle prossime settimane.

"La situazione sta peggiorando drammaticamente perché abbiamo livelli bassi e assenza di precipitazioni, a cui vanno aggiunti altri due fattori”, ha affermato Meuccio Berselli, segretario generale dell'Autorità delle Acque del Po. "Abbiamo una temperatura che è di 2 ºC o 3 ºC superiore alla media, in alcune zone anche di 4 ºC in più. E questo accade in una stagione senza manto nevoso".

Ad eccezione del Lago di Garda, i cui livelli sono ancora considerati sufficienti, anche tutti gli altri laghi della regione hanno visto il livello dell'acqua scendere ai minimi storici, il che ha portato le autorità a limitare la quantità di acqua per l'irrigazione. Tuttavia, le associazioni di agricoltori si sono opposte a questa mossa.

A causa del razionamento dell'acqua, molti agricoltori si aspettano una riduzione della resa dei raccolti quest'anno. L'associazione degli agricoltori, Coldiretti Bergamo, avverte che si prevede un drastico calo delle rese di orzo, frumento, foraggi e mais. Con l'aumento delle temperature, scrive l'associazione, la situazione diventerà ancora più difficile.

Secondo Coldiretti, il 2022 ha visto la metà delle precipitazioni della media degli ultimi anni. Per far fronte all'innalzamento delle temperature e al fabbisogno idrico degli allevamenti, la Coldiretti ha chiesto l'intervento delle autorità di bacino e lago.

"Il momento è complesso e difficile su più fronti, ma bisogna agire subito, mettendo in pratica tutto il possibile”, ha detto Alberto Brivio, presidente di Coldiretti Bergamo. "Stiamo vivendo una delle peggiori siccità di sempre. In questo momento, abbiamo bisogno di chiarezza e di un'azione coordinata".

Secondo Coldiretti, le rese dell'orzo sono già diminuite del 30% e molte più colture sono compromesse poiché gli agricoltori lottano per accedere all'acqua sufficiente per irrigare.

"Se non c'è acqua, non possiamo garantire cibo [prodotto localmente] ai nostri cittadini", ha detto Brivio, avvertendo che la guerra in Ucraina e il conseguente aumento dei prezzi alimentari a livello mondiale sarebbe anche esacerbato dalla situazione.

Coldiretti ha stimato che la siccità ha già causato 1 miliardo di euro di danni in tutto il Paese a causa della riduzione delle rese. Inoltre, la metà del bestiame e oltre il 30 per cento della produzione alimentare italiana è a rischio, avverte Coldiretti.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti