Olive Oil Proriduzione prevista in Italia a causa della continua siccità

Dopo un inizio promettente per il 2022, con abbondanza di fiori sugli ulivi, il caldo e il clima secco hanno portato a un calo significativo dei frutti e a un raccolto inferiore al previsto.
Fiume Serio a Seriate, Bergamo, Italia
Giu. 13, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Nuove ondate di caldo che colpiranno l'Italia aggravate dal la peggiore siccità del paese in 70 anni stanno avendo un effetto devastante sull'agricoltura italiana.

Anche le colture permanenti resistenti alla siccità sono colpite dalle condizioni straordinarie, che stanno stressando gli uliveti in tutto il paese.

Dopo una fioritura così eccezionale, l'allegagione ha sofferto molto a causa delle alte temperature.- Federico Taddei, presidente Confederazione Contadini Italiani-Toscana

L'abbondante fioritura delle olive segnalata in primavera aveva suscitato speranze in molti coltivatori, ma la successiva ondata di caldo di giugno ha abbassato notevolmente le aspettative nella maggior parte del paese.

"Quello che vediamo ora sono meno olive di quanto molti si aspettassero ", ha detto Sabrina Diamanti, presidente del Consiglio nazionale degli agronomi e scienziati forestali italiani (CONAF) Olive Oil Times.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"Anche se l'olivo è resistente alle temperature più calde, le ripetute ondate di caldo e la siccità interromperanno le attività non necessarie, come la produzione di frutti, motivo per cui stiamo iniziando a essere testimoni di eventi di calo significativi ", ha aggiunto.

Tuttavia, Diamanti ha anche suggerito che l'attuale clima secco potrebbe frenare la riproduzione del mosca di frutta d'oliva.

pubblicità

"In Italia, ogni anno abbiamo tre generazioni di moscerini della frutta delle olive ", ha affermato. "Il caldo ha contenuto il primo. Dobbiamo ancora vedere cosa accadrà con le due generazioni successive. Se la temperatura e l'umidità dovessero cambiare, lo scenario attuale potrebbe cambiare di conseguenza".

"I coltivatori ora devono mirare a mantenere le olive che hanno e cercare di portarle alla stagione del raccolto ", ha aggiunto Diamanti. "Se, quando e dove possibile, dispiegheranno l'irrigazione di emergenza".

Il numero ridotto di olive sugli alberi non rappresenta un problema per i coltivatori, poiché i frutti rimanenti accumuleranno una percentuale maggiore di olio d'oliva. Tuttavia, la scarsità d'acqua potrebbe esacerbare ulteriormente le gocce di frutta, poiché le drupe aggiungono polpa nel tempo e richiedono più acqua per crescere.

Come l'intensità del la siccità è peggiorata, diverse regioni italiane hanno formalmente dichiarato lo stato di emergenza per carenze idriche in bacini, laghi e fiumi. Di conseguenza, la disponibilità di acqua per l'irrigazione è stata fortemente ridotta nell'Italia centrale e settentrionale.

Il governo ha riconosciuto l'emergenza in Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia. Toscana, Umbria e la Lazio dovrebbe seguire l'esempio.

Il governo ha stanziato 36.5 milioni di euro per risarcire gli agricoltori locali e garantire la distribuzione dell'acqua alla popolazione.

Secondo la Confederazione degli agricoltori italiani (CIA), la prolungata siccità potrebbe ridurre significativamente le rese di olio d'oliva.

"Gli ulivi stanno affrontando un'altra stagione impegnativa", ha affermato Federico Taddei, presidente di CIA Tuscany. "Dopo una fioritura così eccezionale, l'allegagione ha sofferto molto a causa delle alte temperature. Se l'attuale grave siccità dovesse estendersi nelle prossime settimane, probabilmente assisteremo a un tale stress idrico per gli ulivi che i loro frutti cadranno a terra.

Aipol, la cooperativa olivicola del Lago di Garda, ha detto a Brescia Oggi la combinazione di alte temperature e siccità sta testando la resilienza dei boschi locali.

"A causa della scarsità d'acqua, vediamo le drupe appassire, mostrare segni di necrosi e poi cadere a terra", ha detto Aipol. "Inoltre, stiamo assistendo a una nuova ondata di cimice marmorata nel Garda.”

Anche le previsioni meteorologiche non sembrano in grado di aiutare gli olivicoltori, poiché si prevede che più aria calda soffierà dal Nord Africa, coprendo tutta l'Italia e gran parte del bacino del Mediterraneo.

"Si tratta di una nuova ondata di caldo che sfrutta l'assenza dell'anticiclone delle Azzorre, che in passato proteggeva l'Italia dal caldo torrido nordafricano", ha detto Mario Giuliacci, professore di meteorologia Olive Oil Times. "È quasi scomparso e ora ne vediamo le conseguenze".

Giuliacci ha aggiunto che gli agricoltori non dovrebbero aspettarsi che le piogge estive riequilibrino la situazione poiché tende ad essere la stagione più secca dell'anno.

"La perdita di precipitazioni è stata così immensa dallo scorso inverno che non c'è modo di tornare a un equilibrio", ha affermato. "Guarda la neve, non abbiamo avuto neve sulle nostre montagne in inverno e non abbiamo avuto precipitazioni nemmeno nei mesi successivi. La siccità continuerà”.

Secondo Unaprol, il nazionale olive oil proconsorzio dei produttori, la scarsità d'acqua e il calore significano che ci saranno rese inferiori di alcuni oli d'oliva certificati Denominazione d'origine protetta (DOP) o Indicazione geografica protetta stato (IGP).

Il consorzio ha citato la Toscana IGP e la DOP Terra di Barri come due degli esempi più significativi, sia in termini di volume che di quota di mercato internazionale.

Nel frattempo, i Consorzi per l'irrigazione e la bonifica e la gestione dei terreni (ANBI) hanno avvertito che la siccità si sta rapidamente espandendo anche nel sud della contea, sede delle due maggiori regioni produttrici di olio d'oliva d'Italia, Puglia e Calabria.

"È la sesta siccità rilevante in 20 anni”, ha affermato Francesco Vincenzi, presidente dell'Anbi. "Non possiamo continuare a farci travolgere dall'emergenza. Dobbiamo adottare strategie per combattere il conseguenze del cambiamento climatico e migliorare la resilienza delle nostre comunità”.

David Granieri, presidente di Unaprol, lo ha ulteriormente avvertito cambiamento climatico richiede un intervento immediato per sostenere gli agricoltori nella stagione olivicola attuale e futura.

A studio presentato dall'Associazione nazionale agricoltori, Coldiretti, ha rilevato che le precipitazioni nei primi sei mesi del 2022 sono diminuite del 45 per cento mentre la temperatura superficiale nello stesso periodo è stata di 0.76 ºC sopra la media. Coldiretti ha affermato che il 2022 è già stato l'anno più caldo mai registrato.

Secondo lo studio, giugno è stato di 2.8 ºC più caldo della media. L'aumento delle temperature, unito alla siccità, ha provocato danni alle fattorie per 3 miliardi di euro e alimentato diversi incendi nel Paese.

"Con l'arrivo dell'area di pressione più alta dal Nord Africa, vediamo come l'estate non solo porta condizioni di siccità, ma anche i livelli di umidità del suolo stanno diminuendo", ha affermato Giuliacci. "Ciò rappresenta un rischio significativo per l'agricoltura in molte aree".

Coldiretti, ANBI e Unaprol hanno chiesto al governo di costruire 10,000mila laghetti che fungano da serbatoi per l'irrigazione e sostengano gli ecosistemi locali danneggiati dalla siccità e dal caldo.

"Abbiamo bisogno di aggiornare le nostre infrastrutture idriche per riabilitare le reti idriche, che sono responsabili in media del 36% di perdite di acqua potabile”, ha aggiunto Diamanti. "Il riutilizzo delle precipitazioni, le nuove strutture di raccolta dell'acqua per l'uso di acqua non potabile e l'innovazione in agricoltura sono i settori in cui dobbiamo investire".

Pur riconoscendo che il progetto di costruire piccoli laghi aiuterebbe a sostenere gli agricoltori in aree sempre più aride e fornire munizioni per combattere gli incendi, Diamanti ha affermato che sono solo una parte di quella che deve essere una strategia più olistica.

"Questa infrastruttura deve essere costruita nel modo più efficiente. Non abbiamo certo bisogno di una rete di bacini vuoti”, ha detto Diamanti.

"Ciò significa una visione d'insieme per la raccolta e la gestione delle acque. Dobbiamo guardare l'intero problema da ogni angolazione... per mantenere il suolo e preservarlo", ha concluso.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti