Il pluripremiato produttore greco coltiva le olive Soil Salute e Patrini

Spiridon Anangnostopoulos di Ranis ha utilizzato la sua esperienza per creare il substrato di terreno ideale per i suoi ulivi, facendo uscire dall'oscurità una varietà di olivo locale.

Spiridon Anagnostopoulos nei suoi uliveti nel Peloponneso nordoccidentale
Di Costas Vasilopoulos
6 settembre 2023 12:44 UTC
807
Spiridon Anagnostopoulos nei suoi uliveti nel Peloponneso nordoccidentale

Agronomo Spiridon Anagnostopoulos, esperto nella coltivazione dell'olivo e titolare dell'azienda Ranis dal Peloponneso nordoccidentale, sa che la chiave per avere alberi di ulivo forti e produttivi è prendersi cura del terreno in cui crescono.

"Un terreno sano significa che i nostri ulivi possono assorbire i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere correttamente durante l'intero ciclo biologico e le fasi di creazione dei fenoli ", ha detto Anagnostopoulos Olive Oil Times.

Coltiviamo una varietà di olivo unica utilizzando moderni metodi di coltivazione scientifici che, allo stesso tempo, proteggono l'ambiente e promuovono la sostenibilità del nostro prodotto.- Spiridon Anagnostopoulos, proprietario, Ranis

Dopo essersi avventurata nella vendita al dettaglio di forniture agricole aprendo negozi fisici e un negozio online negli anni 2000, Anagnostopoulos ha deciso di entrare nel mondo della produzione di olio d'oliva investendo nella varietà locale Patrini.

"Abbiamo individuato una lacuna nel mercato poiché Patrini era in gran parte non sfruttato”, ha affermato.

Vedi anche:Profili del produttore

La squadra era pronta fin dall'inizio: Anagnostopoulos ha unito la moglie, una chimica, e i suoi colleghi del commercio al dettaglio, agronomi ed esperti di marketing, per formare la squadra dietro Ranis.

Fondata nel 2017, l'azienda possiede 1,500 alberi di ulivo di Patrini (noto anche come Koutsourelia), una cultivar che regala piccole drupe conico-cilindriche solitamente raccolte da novembre a dicembre.

A Chalandritsa, una zona semimontana a sud di Patrasso nel Peloponneso, gli ulivi di Ranis crescono nel loro habitat naturale.

"Chalandritsa è considerata la casa di Patrini”, ha detto Anagnostopoulos. "La combinazione del terroir, dell'altitudine e del microclima della zona è ideale per far prosperare gli alberi Patrini, esigenti ma promettenti."

Anagnostopoulos ha aggiunto che la maggior parte dei problemi che sorgono nella coltivazione degli ulivi dell'azienda sono legati a fattori abiotici.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-il-premiato-produttore-greco-si-nutre-della-salute-del-suolo-e-delle-olive-patrini-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Ranis concentra la sua coltivazione dell'olivo e la produzione di olio sulla varietà locale di olive Patrini.

"Lungo il Mediterraneo, condizioni meteorologiche estreme come lo stress termico, la siccità e le inondazioni, possono influire sui rendimenti incidendo negativamente sulla quantità e sulla qualità dell'olio d'oliva e della coltivazione dell'olivo in generale", ha affermato.

"Sulla base del nostro know-how e della nostra esperienza cumulativa, mantenendo un terreno sano è la nostra massima priorità affinché i nostri alberi si sviluppino correttamente”, ha aggiunto Anagnostopoulos. "In questo modo aumentiamo il potenziale del suolo affinché gli alberi assorbano ingredienti più nutrienti, aumentando di conseguenza la loro tolleranza contro gli spietati fattori abiotici”.

Secondo uno specifico protocollo di coltivazione che Ranis ha sviluppato nel corso degli anni, Anagnostopoulos ha affermato che microrganismi e probiotici arricchiscono il terreno degli uliveti dell'azienda per creare il substrato ideale per l'albero.

"Il nostro olio d'oliva fruttato di media intensità vanta già un profilo organolettico unico ", ha affermato. "Combinati con i probiotici del suolo come i batteri, i microrganismi migliorano ulteriormente le caratteristiche organolettiche e la qualità del nostro olio, compresi il colore, la fragranza e il sapore”.

Ha anche osservato che gli integratori per il terreno utilizzati da Ranis provengono dalla Spagna e dagli Stati Uniti, due paesi pionieri nella ricerca scientifica sui metodi di miglioramento del suolo rispettosi dell'ambiente.

Vedi anche:In che modo l'agricoltura intensiva e la coltivazione dell'olivo influiscono sulla salute del suolo

"Coltiviamo una varietà di olivo unica utilizzando moderni metodi di coltivazione scientifici che, allo stesso tempo, proteggono l'ambiente e promuovono la sostenibilità del nostro prodotto ", ha affermato Anagnostopoulos.

Confezionata in una caratteristica bottiglia cremisi, l'edizione da collezione Castello del Barone è il capolavoro della linea di oli d'oliva Ranis.

pubblicità
pubblicità

Caratterizzato dalla società come "un aristocratico extra vergine di epoca veneziana", Castello del Barone è un olio d'oliva biologico monovarietale ad alto contenuto fenolico ottenuto da olive Patrini raccolte precocemente.

"I documenti mostrano che la varietà Patrini è stata coltivata a Chalandritsa fin dal 13th secolo in cui i Veneziani governavano la zona”, ha detto Anagnostopoulos.

"Raccogliamo presto, da metà settembre a fine ottobre", ha aggiunto. "Barone è un pezzo unico olio extravergine d'oliva vanta un colore verde vivo, un profumo fruttato e un gusto equilibrato tra amaro e piccante.

Ricchi anche di Barone e Ranis, altro extravergine di olive Patrini prodotto dall'azienda polifenoli, recante un'indicazione sulla salute conforme al Regolamento UE 432/2012 requisiti.

"L'analisi dell'Università di Atene ha dimostrato che i livelli di composti fenolici nei nostri oli d'oliva, come oleocanthal e oleacein, sono al di sopra della media”, ha detto Anagnostopoulos.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-il-premiato-produttore-greco-si-nutre-della-salute-del-suolo-e-delle-olive-patrini-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Il Castello del Barone ha vinto un Gold Award al suo debutto al NYIOOC World Olive Oil Competition.

La perseveranza e gli sforzi di Anagnostopoulos e dell'intero team Ranis per perfezionare il loro olio d'oliva hanno aperto la strada ai premi di qualità più ambiti del settore; Castello del Barone ha vinto un Gold Award Al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition lo scorso aprile, alla sua prima apparizione in competizione.

"Vincere una competizione così prestigiosa è la ricompensa più alta per tutto il nostro duro lavoro”, ha affermato Anagnostopoulos. "Uno dei nostri obiettivi quando abbiamo fondato Ranis era partecipare al NYIOOC. "

Anagnostopoulos ha aggiunto che NYIOOC i premi sono anche la chiave per nuovi mercati per i produttori di olio d'oliva che desiderano espandere la propria attività.

"Non ci sarebbe altro modo per il nostro vitigno e il nostro territorio di entrare nella mappa mondiale dell'olio d'oliva se non fosse per il NYIOOC, "Ha detto. "Dopo la vittoria, i nostri ordini nei mercati partner degli Emirati Arabi Uniti sono raddoppiati e il nostro marchio Barone ha attirato l’attenzione anche di nuovi mercati come Stati Uniti e Canada”.

Indipendentemente dai risultati ottenuti da Ranis, Anagnostopoulos riconosce che il successo deriva da responsabilità poiché esprime la sua determinazione per un progresso continuo.

"Abbiamo già alzato l’asticella e continueremo a impegnarci per migliorare ulteriormente”, ha affermato. "Il nostro olio extra vergine di oliva biologico ad alto contenuto fenolico di olive Patini è un prodotto unico caratteristico della nostra regione che dovremmo proteggere e coltivare.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati