In Cile, aspettative contrastanti sostituiscono le grandi speranze

I produttori prevedevano un altro raccolto superiore alle 20,000 tonnellate, finché le cattive condizioni climatiche dell'inverno non hanno temperato le loro prospettive.
Il raccolto del 2024 sarà probabilmente il più basso degli ultimi anni. (Foto: Las Dosceintos)
Di Daniel Dawson
27 marzo 2024 14:02 UTC

Funzionari e produttori cileni prevedono un calo della produzione nel 2024, citando la mancanza di precipitazioni nel nord e l'instabilità climatica al momento della fioritura in primavera.

Secondo i dati di ChileOliva, un'associazione di produttori, il secondo paese produttore delle Americhe ha raccolto 21,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2023, che si allinea alla media quinquennale.

Gabriela Moglia, direttrice generale di ChileOliva, ha confermato che è probabile che la produzione nel Paese diminuisca nel 2024, aggiungendo che l'andamento del raccolto da qui a luglio rimane incerto.

Verso la fine del 2023 c’era stato ottimismo sul fatto che la produzione sarebbe aumentata. Nella sua stima di novembre, il Consiglio oleicolo internazionale prevedeva che la produzione potrebbe raggiungere le 24,500 tonnellate nel 2024.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2024

In un Intervista di ottobreAnche José Pablo Illanes, direttore generale di Las Doscientos, ha espresso fiducia per il raccolto 2024.

Tuttavia, ha avvertito che le condizioni meteorologiche estive (l’estate va da dicembre a marzo nell’emisfero australe) avrebbero giocato un ruolo significativo nel determinare il raccolto, e lo hanno fatto.

"Il raccolto previsto per il 2024 è inferiore a quello raccolto nel 2023”, ha affermato Illanes. "Il calo previsto è del 20%. Ciò è dovuto a molteplici fattori, come la vecchia genetica dell’albero, le precipitazioni eccessive in inverno e l’instabilità climatica durante le date di fioritura di novembre 2023”.

Las Docientos coltiva 700 ettari di olivi nella valle del Maule, a circa tre ore a sud di Santiago.

Illanes ha affermato che le abbondanti precipitazioni nella regione durante l’inverno hanno alleviato la siccità riempiendo le dighe e il Canale Pencahue. La pioggia, però, ha inondato anche il terreno degli oliveti dell'azienda.

"La sfida più grande quest’anno è stata affrontare l’eccesso di acqua nel terreno”, ha affermato. "I terreni della campagna sono prevalentemente argillosi con scarso drenaggio, quindi l’acqua in eccesso si accumula nelle zone basse e danneggia gli alberi”.

Le aspettative prima del raccolto differiscono leggermente per Olivo del Sur, il più grande produttore di olio d'oliva del Cile, con 2,500 ettari di uliveti.

Ismael Heiremans, direttore agricolo del paese, ha affermato che il raccolto nel centro del paese è simile a quello dell'anno scorso.

"Le condizioni climatiche di El Niño durante l’inverno ha consentito un buon approvvigionamento idrico e una stagione tranquilla in termini di risorse idriche”, ha affermato.

Mentre El Niño continua, Heiremans prevede più piogge nel Cile centrale e una minore probabilità di gelate precoci, un'altra sfida significativa che i produttori devono affrontare ogni anno.

attività-produttiva-sud-america-in-cile-aspettative-difformi-sostituire-grandi-speranze-tempi-dell'olio-d'oliva

Il più grande produttore di olio d'oliva del Cile prevede un raccolto medio nel centro ma un forte calo nel nord del Cile. (Foto: Olivos del Sur)

Tuttavia, lo stesso non vale per gli uliveti dell'azienda nel nord del Cile. La mancanza di precipitazioni a Coquimbo, a circa 400 chilometri a nord di Santiago, ha fatto sì che l'azienda non potesse fornire un'irrigazione sufficiente ai suoi alberi nei momenti precisi dello sviluppo dei frutti in cui l'acqua è più necessaria.

"Dato che le precipitazioni sono state pari a zero millimetri e la questione dell'approvvigionamento è molto complessa... si tratta del 40-60% in meno rispetto all'ultimo raccolto, soprattutto nella varietà Arbequina, che ha sofferto molto anche a causa del mancanza di ore fredde e non gli ha permesso di fiorire correttamente", ha detto Heiremans.

pubblicità

I produttori prevedono che la raccolta inizierà alla fine di aprile. Di conseguenza, la situazione potrebbe continuare a cambiare in base al tempo.

"La condizione principale per avere una buona quantità di petrolio da qui al raccolto è la stabilità dell’irrigazione, dato che tutta la produzione di petrolio è appena iniziata”, ha detto Illanes.

Nonostante i frutti inferiori quest'anno, si aspetta che il raccolto di 45 giorni sarà più efficiente dopo che l'azienda ha investito in nuove attrezzature.

Lontano dal raccolto, i produttori e gli esportatori cileni continuano a navigare nel complicato mercato globale dell'olio d'oliva prezzi elevati all’origine non necessariamente compensare aumento dei costi di produzione.

Paula Gajardo, responsabile delle esportazioni di Olivos del Sur, ha affermato che alcuni produttori cileni stanno traendo vantaggio dal fatto che i principali imbottigliatori europei cercano nuovi fornitori in Sud America per compensare le carenze causate da un altro scarso raccolto in Spagna e in altre parti del Mediterraneo.

"Questa carenza generalizzata ha fatto aumentare i prezzi, quasi triplicando quelli osservati due o tre anni fa”, ha affermato. "Da un lato, ciò ha creato spazio per le esportazioni cilene e per Olisur, in particolare, come produttore".

"D'altra parte, con l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva, anche Olisur ha registrato un aumento dei costi e, quindi, ha implementato un aumento dei suoi prezzi ", ha aggiunto Gajardo.

Gajardo teme che i consumatori in Cile e all'estero saranno in grado di tollerare l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva solo per così tanto tempo prima che inizino a spostarsi verso altri gradi di olio d'oliva, quali vergini o raffinati, o ad altri oli commestibili.

"Le olio extravergine d'oliva l’industria sta vivendo un momento complesso e al momento ci sono pochi segnali di ripresa”, ha concluso.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati