2611

Saluto

Biofenoli nell'olio extra vergine di oliva collegati a risultati migliori nell'obesità e nel prediabete

La ricerca rileva che il consumo di olio extravergine di oliva ricco di oleocantale e oleaceina induce anche la perdita di peso, una diminuzione dell'indice di massa corporea e della glicemia basale.
Di Daniel Dawson
18 agosto 2023 15:47 UTC

Una nuova ricerca suggerisce che il consumo olio extravergine d'oliva ricco di oleocantale e oleaceina può migliorare la salute delle persone con obesità e prediabete.

Il corso studio, pubblicato su Clinical Nutrition, ha rilevato che il consumo di olio extra vergine di oliva ricco di biofenoli per un mese aumenta le difese antiossidanti del sangue e riduce i parametri associati allo stress ossidativo e all'infiammazione, condizioni alla base sia del prediabete che dell'obesità.

In un mese non ci aspettavamo di vedere un cambiamento del peso corporeo o un cambiamento della glicemia, ma questi sono ottimi indicatori di buoni risultati clinici per questo tipo di pazienti (con obesità e prediabete).- Francisco-Javier Bermúdez-Silva, ricercatore senior, Ospedale Regionale di Málaga

Questi benefici non sono stati osservati dopo il consumo di olio di oliva non vergine - una miscela di olio di oliva raffinato e un po' di olio di oliva vergine - nello stesso periodo.

Conosciuto come lo studio APRIL (Aove in PRedIabetes), 91 partecipanti di Málaga, in Spagna, di età compresa tra 40 e 65 anni, con obesità e prediabete sono stati divisi in due gruppi.

Vedi anche:Saluti Notizia

Un gruppo di partecipanti ha consumato l'olio extra vergine di oliva ricco di biofenoli, mentre l'altro gruppo ha consumato l'olio di oliva non vergine per 30 giorni. Dopo un periodo di lavaggio di 15 giorni, ogni gruppo ha ricevuto l'altro tipo di olio e lo ha consumato per altri 30 giorni. Entrambi gli oli sono stati consumati cotti e crudi, ma la quantità esatta del consumo non è stata misurata.

"La scoperta principale sono stati i cambiamenti nello stress ossidativo", ha detto Francisco-Javier Bermúdez-Silva, autore corrispondente dello studio e ricercatore senior presso l'Ospedale Regionale di Málaga Olive Oil Times. "Abbiamo trovato un profilo antiossidante migliore e rilevato una diminuzione di alcuni enzimi rilevanti per lo stress ossidativo».

"La perossidazione lipidica è una caratteristica comune dello stress ossidativo e abbiamo scoperto che queste persone avevano una minore ossidazione dei loro lipidi nel sangue", ha aggiunto. "Questo è anche in linea con tutte le precedenti ricerche di base che era stato fatto con questi polifenoli. "

Nello studio, i ricercatori hanno scritto che tre composti chiave che riducono l'infiammazione sono aumentati dopo aver consumato l'olio extra vergine di oliva, "suggerendo una maggiore capacità di modulare l'infiammazione sistemica rispetto all'olio d'oliva.

"L'oleocantale e l'oleaceina potrebbero mediare quest'ultimo effetto perché le loro azioni antinfiammatorie sono ben documentate", hanno aggiunto i ricercatori.

L'obesità è una condizione in cui è presente un'infiammazione di basso grado e anche uno stress ossidativo. Sebbene ci sia ancora qualche disaccordo, Bermúdez ha affermato che esiste un crescente consenso sul fatto che lo stress ossidativo precede lo sviluppo dell'infiammazione.

"Questa infiammazione di basso grado è correlata all'insulino-resistenza", ha affermato. "La resistenza all'insulina è correlata all'incapacità delle cellule beta di produrre abbastanza insulina, e questo porta all'iperglicemia e successivamente a uno stato in cui il corpo non può controllare i livelli di glucosio nel sangue.

"Lo stress ossidativo e l'infiammazione stanno aumentando tutte queste malattie", ha aggiunto Bermúdez. "Se consumi questi composti nell'olio extra vergine di oliva, abbiamo ipotizzato che tu possa migliorare la tua condizione e prevenire lo sviluppo del diabete. In una certa misura, questo è ciò che abbiamo trovato”.

Tuttavia, Bermúdez ha riconosciuto diversi limiti allo studio che dovrebbero essere migliorati con ulteriori ricerche, tra cui la dimensione del campione più piccola del previsto e il periodo di tempo relativamente breve, che ha impedito ai ricercatori di seguire l'evoluzione clinica dei pazienti.

"Se potessimo seguire questi pazienti più a lungo, immagino che troveremmo meno diabete, meno obesità e una migliore salute generale", ha detto.

Vedi anche:I ricercatori esaminano i benefici della dieta mediterranea per ridurre l'obesità

Mitigare gli impatti dell'obesità e del prediabete è una priorità crescente per i ricercatori a livello globale come tassi di entrambe le malattie continua a salire senza segni di cedimento.

Secondo un recente rapporto pubblicato dal World Obesity Atlas, nessun paese ha riportato un calo della prevalenza dell'obesità nel 2023. L'organizzazione non governativa internazionale stima che oltre 4 miliardi di persone saranno in sovrappeso o obese entro il 2035, rispetto ai 2.6 miliardi nel 2020.

pubblicità
pubblicità

Mentre il prediabete è notoriamente difficile da diagnosticare a causa della mancanza di sintomi fisici, ricerca separata della Johns Hopkins University ha concluso che il peso globale del prediabete è sostanziale e in crescita, con oltre 1 miliardo di persone che dovrebbero essere prediabetiche entro il 2040.

Insieme alla diminuzione dello stress ossidativo, i ricercatori hanno anche osservato una significativa diminuzione del peso corporeo di circa un chilogrammo e dell'indice di massa corporea dopo un mese di consumo di olio extra vergine di oliva ma non di olio di oliva non vergine. Hanno anche osservato un parallelo miglioramento della glicemia a digiuno.

Tuttavia, i ricercatori hanno aggiunto di non aver osservato cambiamenti nella resistenza all'insulina, nel profilo lipidico, nella pressione sanguigna o nella funzione renale.

"Presi insieme, questi risultati suggeriscono che l'olio extra vergine di oliva è stato in grado di indurre un miglioramento clinico nella gestione del glucosio, probabilmente correlato alla diminuzione del peso corporeo e al miglioramento dello stato infiammatorio e ossidativo ", hanno scritto i ricercatori.

"Questa è stata davvero una sorpresa per noi", ha aggiunto Bermúdez. "In un mese non ci aspettavamo di vedere un cambiamento del peso corporeo o un cambiamento della glicemia, ma questi sono ottimi indicatori di buoni risultati clinici per questo tipo di pazienti”.

Bermúdez ha aggiunto che sta lavorando a un nuovo studio per determinare in che modo il consumo di oleocantale e oleaceina può influenzare le persone con diabete.

"Abbiamo in mente un nuovo progetto in cui prevediamo di eseguire uno studio simile, ma su persone con diabete", ha concluso. "Il nostro studio ha fatto luce sul lato della prevenzione di questo composto. Ora quello che vogliamo fare è eseguire uno studio più terapeutico vedendo cosa sta succedendo nelle persone che sono già diabetiche”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati