1191

Affari

La conferenza incentrata sulla ricerca in Pakistan mostra il potenziale della coltivazione dell'olivo

La conferenza PakOlive si è concentrata sull'olio d'oliva come coltura strategica di fronte al cambiamento climatico e alla necessità di concentrarsi sulla qualità e sulle esportazioni.
PakOlive tramite Facebook
Di Daniel Dawson
15 giugno 2023 19:37 UTC

Più di 35 scienziati e dottorandi hanno presentato i loro ultimi risultati di ricerca alla terza conferenza annuale della catena del valore dell'olivo in Pakistan il 7 giugnoth.

La conferenza, che il Centro di Eccellenza per la Ricerca e la Formazione sull'Olivo (Cefort) ha ospitato con PakOlive, ha riunito scienziati, agricoltori e altre parti interessate del settore pubblico e privato a Chakwal, una piccola città situata a 100 chilometri a sud di Islamabad, nel cuore di La regione olivicola del Punjab.

Stiamo cercando di sviluppare una cultura dell'olivo. Tutto ciò che viene prodotto deve essere di buona qualità e l'agricoltore deve ricevere un buon ritorno per ciò che produce.- Muhammad Ramzan Anser, vicedirettore del progetto, Cefort

Le presentazioni si sono concentrate sullo sviluppo dell'olivicoltura come coltura resistente al clima, rafforzando la cooperazione tra i legami dell'olio d'oliva catena del valore produttivo, migliorare i mezzi di sussistenza rurali attraverso l'olivicoltura e migliorare la tecnologia di coltivazione e molitura.

Lo ha detto Muhammad Ramzan Anser, agronomo e vicedirettore del progetto a Cefort Olive Oil Times che l'obiettivo della conferenza è migliorare la redditività dell'olivicoltura in Pakistan attraverso la ricerca e la raccolta di fondi.

Vedi anche:L'olivicoltura è la chiave per salvare le foreste del Belucistan

Secondo Ramzan, Cefort lo sta facendo integrando le conoscenze e gli sforzi del settori pubblico e privato. Ha aggiunto che anche il centro oliva collabora con partner internazionali per garantire finanziamenti e competenze per nuovi progetti.

Uno degli obiettivi principali dell'organizzazione è piantare ulivi su quattro milioni di ettari di terra marginale in Pakistan, che secondo Ramzan aiuta a prevenire la desertificazione e l'erosione.

"Le olive ci stanno aiutando a combattere la sfide poste dal cambiamento climatico e fornire anche un buon sostentamento a quelle comunità che hanno opzioni molto limitate al di fuori dell'agricoltura ", ha affermato.

Il Pakistan ospita circa 5 milioni di ulivi piantati su ettari 17,000, con sforzi di coltivazione dell'olivo diffusi che iniziano sul serio in 2016. Secondo Ramzan, il Pakistan ha prodotto tonnellate 86 per lo più vergini e olio extravergine d'oliva nell'annata agraria 2022/23.

"Se si confronta il numero di alberi con la resa dei frutti, sembra molto basso, ma ciò è dovuto all'età dei nostri frutteti", ha affermato Ramzan. "La maggior parte di loro non è ancora del tutto matura”.

Ha aggiunto che il potenziale produttivo degli oliveti già piantati dovrebbe raggiungere le 1,400 tonnellate all'anno. In un Intervista 2020 con Olive Oil Times, il direttore del progetto PakOlive, Muhammad Tariq, ha dichiarato di prevedere che la produzione supererà le 10,000 tonnellate all'anno entro il 2027.

Precedenti ricerche di Cefort hanno identificato le varietà di olive 12 con il più alto potenziale commerciale nel paese, tra cui Arbequina, Arbosana, Koroneiki, Picual, Hojiblanca e Gemlik.

Anche la costruzione dell'infrastruttura di fresatura necessaria è stata una parte significativa degli sforzi promozionali di Cefort. Ramzan ha affermato che ora ci sono 20 frantoi moderni in tutto il paese che trasformano le olive gratuitamente per gli agricoltori.

Ha aggiunto che Cefort consiglia anche agli agricoltori su quando iniziare il raccolto. Separatamente, a Islamabad è in costruzione un laboratorio di certificazione per testare la qualità dell'olio prodotto in tutto il Paese.

"Stiamo cercando di sviluppare una cultura dell'olivo ", ha affermato. "Tutto ciò che viene prodotto deve essere di buona qualità e l'agricoltore deve ricevere un buon ritorno per ciò che produce.

A causa dell'immensa diversità etnica e linguistica all'interno del Pakistan - più di 77 lingue sono parlate nel quinto paese più popoloso del mondo - Cefort ha anche lanciato gruppi di supporto sui social media per gli olivicoltori su Facebook e WhatsApp.

"Chiunque nel paese abbia domande relative alle operazioni pre-raccolta o post-raccolta può chiedere al gruppo e ricevere una risposta nella propria lingua madre", ha affermato Ramzan.

pubblicità
pubblicità

Ha aggiunto che Cefort sta anche sviluppando un'applicazione mobile che consente agli agricoltori di inviare domande e ricevere risposte sui loro smartphone.

Come risultato degli investimenti e dello sviluppo del settore, Ramzan ha affermato che ci sono già 15 marchi nazionali che imbottigliano il loro olio d'oliva.

Tuttavia, ritiene che l'attuale situazione macroeconomica in Pakistan si tradurrà in un'ampia porzione di oli prodotti localmente esportati piuttosto che rimanere nel mercato interno.

Secondo i dati commerciali della Banca mondiale, nel 1.9 il Pakistan ha esportato poco più di 2022 milioni di dollari di olio di oliva vergine ed extra vergine in sette paesi in Europa, Africa e Oceania.

La quota maggiore delle esportazioni è andata al Mozambico, seguito da Canada, Regno Unito, Angola, Australia, Sudafrica e Tanzania.

Tuttavia, rimane un significativo deficit commerciale, con il paese che importa oltre $ 6.7 milioni di olio d'oliva in tutte le sue frazioni da Spagna, Italia, Turchia, Azerbaigian, Portogallo, Germania, Francia e Brasile.

Il Pakistan ha lavorato attivamente per ridurre il suo deficit commerciale per soddisfare i requisiti di bilancio per un prestito di $ 2.5 miliardi dal Fondo monetario internazionale. Il prestito è necessario per ricostituire le riserve di valuta estera del Paese, insufficienti per un solo mese di importazioni.

Il Pakistan bandito "lo scorso anno le importazioni di cibo e abbigliamento non essenziali per ridurre la spesa estera, ma hanno ritagliato un esenzione per l'olio d'oliva. Il paese soffre anche di un'inflazione record, che rende la maggior parte degli oli d'oliva importati più economici di quelli prodotti localmente.

Di conseguenza, Hazan ha affermato che la promozione delle esportazioni di olio extra vergine di oliva dovrebbe essere un obiettivo strategico per fornire più valore agli agricoltori e migliorare il deficit commerciale del paese.

"La risposta del mercato, che stiamo vedendo, è che negli ultimi tre anni è iniziata l'esportazione di questo olio d'oliva su scala pilota ", ha affermato. "Entro i prossimi due o tre anni, questa qualità delle esportazioni di olio d'oliva raggiungerà i mercati di fascia alta ".



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati